Concerti Genova Lunedì 26 maggio 2008

In edicola Jazz Italiano Live 2008

Genova - Che l’opera di Fabrizio De Andrè si presti duttilmente ad inaspettate metamorfosi sonore, non è una novità. Il cantautore sa offrire input al muscista che gira intorno: ne sanno qualcosa i vari componenti della PFM (La Buona Novella, i paradigmatici live schedati In Concerto, il sodalizio tra Faber e Mauro Pagani), alcuni dei New Trolls, Reverberi, Milesi, etc. È una lunga e affascinante storia che, a quanto pare, continua.

Dal 23 maggio, allegata all'L’Espresso e a La Repubblica, una nuova collana di CD: la serie è stata battezzata con il suggestivo titolo di Jazz Italiano Live 2008. Si tratta di una raccolta monografica di concerti tenutisi presso la Casa del Jazz di Roma da parte di autorevoli interpreti italiani. Ma il bello è che ogni ensemble si misura o con un tema o con un autore, tributando ad essi un particolare omaggio.

La prima uscita è dedicata a Fabrizio De André: suona per noi e per lui la Casa del Jazz All Stars, band composta da Stefano Di Battista (sax), Fabrizio Bosso (tromba e flicorno), Rita Marcotulli (pianoforte), Giovanni Tommaso (già contrabbassista del Perigeo) e Roberto Gatto (batteria).

Si rimane catturati già dalle prime note de La canzone di Marinella e si intende subito quale sia il metodo adottato dalla band: catturare “quel” tema per svilupparne mood e rifrazioni che consentano ad ognuno di contribuire con coinvolgenti improvvisazioni. Che altro dovrebbe essere, il jazz, se non questo? Ma gustarlo sulla “pasta base” di De Andrè diventa un’occasione di profonde emozioni.
Lo stesso accade con Don Raffaé: basta un accenno (per di più spostato sulla ritmica di 5/4 alla Take Five) e si parte. Atmosfera più raccolta in Inverno, Amore che vieni amore che vai e La collina: sembrano uscite da altre “penne” (Gershwin, Porter…), eppure il marchio originale insiste e si fa modulo interpretativo.
Apice in Ho visto Nina volare con la voce originale di De André (lo stesso brano è stato presentato al concerto del 1° Maggio ed è visionabile sul sito di Repubblica), ma anche il resto non è da meno. Creuza de mä si ammanta di un ethno-jazz riscontrabile in certi set acustici fusion; in Ballata dell’amore cieco o della vanità i musicisti recuperano l’autentico DNA jazz e lo riversano su una trama di sincopi e stacchi di sicuro effetto con episodi solisti alla tromba e al sax soprano degni di una consumata big band.
Via del Campo nasce da un’improvvisa fioritura di frasi fiatistiche che si ricompongono nel motivo principale, spesso abbandonato per dare spazio ai singoli, così come in parte accade nella conclusiva Il pescatore, talmente convincente da mettere in “repeat” il CD…

E non dimenticate di passare in edicola venerdì, perché Roberto Gatto e i suoi renderanno omaggio al progressive rock con chicche di Emerson Lake & Palmer, Genesis, King Crimson, Robert Wyatt, Pink Floyd. Ma non finisce qui…

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Lontano da qui Di Sara Colangelo Drammatico 2018 Lisa Spinelli è una maestra d'asilo con la passione per la poesia, tanto che i suoi figli ormai quasi adulti la trovano trasformata dalle lezioni che sta seguendo e il marito sente di essere un po' trascurato. Lisa non è di per sé... Guarda la scheda del film