Concerti Genova Nonsolomorego Martedì 20 maggio 2008

Se son tesi, fioriranno

Genova - Il CSPI (Centro Studi per il Progressive Italiano), in quanto entità “pro-destinata” a raccogliere materiali per lo studio del rock progressive, non immagazzina nei propri archivi solo vinili, CD, riviste e libri. Infatti, da qualche anno a questa parte, il nostro fondo conserva anche tesi di laurea sfornate dai vari atenei italiani. E – sotto sotto – si scoprono potenzialità critiche scaturite da profonda ricerca. La speranza più viva (e più logica) è che alcune di queste pubblicazioni accademiche possano scorgere – prima o poi – una finalizzazione editoriale.
Il grande sogno: dalla tesi al libro. La motivazione di simile desiderio varca la singola individualità proponente ma nasce soprattutto da una necessità di conoscenza intorno al rock progressive come fenomeno storico-musicale da decrittare. L'interpretazione del “fenomeno” dovrebbe passare attraverso coordinate tali da superare obsoleti approcci di “pelle” o di “pancia” che ci hanno (male) abituato. E succede spesso quando il “critico” non varca la soglia del “fan” oppure quando il più onesto dei “fan” si improvvisa “critico” con risultati poco producenti (se non controproducenti).
Per fortuna, da un lustro a questa parte, la direzione del vento è mutata e riconoscere che in Italia si studia il progressive pure nelle università (la normalità nei paesi anglosassoni…) è fonte di indubbia soddisfazione.

Antonio Oleari, per gli appassionati, è uno degli speaker del gettonato settimanale radiofonico Prog Generator, trasmessa via etere e in stream da Radio Cantù. Forse tutti non sanno che il nostro, qualche mese fa, ha discusso, presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, una tesi su una tipologia cardine del rock progressive: il concept album.
Il lavoro di Oleari, già di per sé, offre un reale contributo scientifico alla materia. Entusiasmo e attenzione al dettaglio, mossi da una prosa lineare che invoglia alla lettura, risultano gli ingredienti principali di questo lavoro.

Si parte dal parco delle necessarie (ma non onerose per chi legge) definizioni chiarificatrici intorno al “genere” e ai suoi “moduli”. Oleari evidenzia i tratti somatici del concept cogliendone il DNA nella musica a soggetto di ascendenza ottocentesca, quindi, quasi sulla scorta di una caleidoscopica tassonomia, si getta nel mare magnum delle tematiche e dei modelli letterari. Dal suono al testo, dalla musica alla narrazione: andata e ritorno.
Così, dalle pagine, emergono le suggestioni religiose che hanno animato alcuni album storici dei Genesis (From Genesis To Revelation), Il Rovescio della Medaglia (La Bibbia), Latte e Miele (Passio Secundum Mattheum) e Metamorfosi (E fu il sesto giorno). Si scoprono fedeltà e tradimenti a Dante (Inferno dei Metamorfosi) e a Poe (Alan Parsons Project), la ricchezza di trame filosofiche in fondamentali dischi del Banco (Darwin!), Museo Rosenbach (Zarathustra) e Yes (Tales From Topographic Oceans). Convincente il gioco speculare tra i contenuti fantastico-allegorici di Felona e Sorona delle Orme e The Lamb Lies Down On Broadway dei Genesis.
Oleari ha gettato un seme di ricerca, intravedendo come princìpi focali della sua analisi due antesignani ineludibili per entrambe le scene trattate (inglese e italiana): Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band dei Beatles e Senza Orario Senza Bandiera dei New Trolls. Conclude la tesi un ricco apparato biblio-sito-discografico.

Naturalmente la tesi è consultabile presso il Centro Studi per il Progressive Italiano.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Nessuno come noi Di Volfango De Biasi Commedia Italia, 2018 Betty è un’insegnante di liceo bella, anticonformista e single per scelta. Umberto è un noto docente universitario, affascinante, strafottente alle prese con un matrimonio noioso e privo di passione. I due si incontrano per la prima volta quando Umberto... Guarda la scheda del film