Concerti Genova Mercoledì 19 marzo 2008

È Pasqua, fate un salto al Carlo Felice

Genova - In mezzo alle borse che crollano, ai cinesi che fanno fuoco sui tibetani, ai nostri politici che si combattono a colpi di slogan, io cercherei di fermarmi un attimo e di fare un invito ai lettori di mentelocale. Domani sera - giovedì 20 marzo 2008 - fate un salto al Carlo Felice, c'è una serata di quelle che capitano poche volte nella vita. Viene a Genova un signore che conosce tutto Bach a memoria, si porta dietro un centinaio fra cantanti e strumentisti, e offre alla città un regalo che forse non meritiamo: la Passio saecundum Johannem di Johann Sebastian Bach (1685 - 1750).
È difficile raccontarvela a parole; pensate a un grande affresco in cui confluiscono grandi cori, splendide voci soliste, e il suono pieno di un’orchestra. La Passione, narrata nella settimana santa, faceva parte ai tempi di Bach della lectio del vespro del Venerdì santo e in molte città, nelle chiese più importanti, veniva musicata e rappresentata in modo figurato. Fra le tre che si conoscono di Bach, la Passione secondo Giovanni ha una caratteristica formale di grande valore espressivo legata all’uso da parte del coro di temi già ascoltati durante le arie.

Da sottolineare l’altissimo livello drammatico dei recitativi e la ricchezza nella strumentazione. In sostanza, l’ascoltatore si trova immerso in una vera e propria rappresentazione del calvario di Cristo, in cui ai recitativi – in cui Bach musica con ineguagliata maestria brani del meraviglioso Vangelo di Giovanni – si alternano le arie dei solisti (che impersonano Gesù, Maddalena, Pilato, Pietro, Giovanni) e i sublimi corali, presi invece da altri testi sacri. Ci sono vere e proprie “scene da teatro” che la musica di Bach rende concrete, spaventosamente reali e vicine a noi, come l’urlo della folla che invoca la crocifissione di Gesù, Pietro che lo rinnega tre volte e scoppia in lacrime, oppure l’incontro con Pilato, e così via.

Se volete saperne di più, la GOG ha una grossa novità per tutti gli internauti: è da poco on line il nuovissimo sito, www.gog.it, in cui troverete di tutto, ma proprio di tutto: e tra l'altro il programma di sala di ogni concerto con qualche giorno di anticipo.
E mi raccomando, non fatevi spaventare né dal nome di Bach né dai soliti preconcetti che Bach è noioso-difficile e cose simili. Non ve ne pentirete. Ah, dimenticavo, il signore di prima di chiama Helmuth Rilling, che in un'intervista ha dichiarato che «la musica dovrebbe far trasalire le persone e raggiungerle nel profondo per portarle a riflettere. Non dovrebbe mai essere semplicemente consolatoria, fossilizzata o addolcente».
Ci vediamo domani sera al Carlo Felice? In tutti i casi, auguri di Buona Pasqua, con poco cioccolato e tanti pensieri felici, come quelli di Bach.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Soldado Di Stefano Sollima Azione U.S.A., Italia, 2018 Nella guerra alla droga non ci sono regole. La lotta della CIA al narcotraffico fra Messico e Stati Uniti si è inasprita da quando i cartelli della droga hanno iniziato a infiltrare terroristi oltre il confine americano. Per combattere i narcos l’agente... Guarda la scheda del film