Concerti Genova Martedì 26 febbraio 2008

Praga sonora: viaggio nella musica

© Patrizia Farina

Leggi gli altri articoli di C'era una volta il rock

Questo intervento è il primo della serie Praga sonora: il secondo e conclusivo testo verrà pubblicato su mentelocale.it martedì 4 marzo 2008 prossimo

Guarda la galleria fotografica

Genova - Quando si scrive di Praga viene spontaneo scivolare dolcemente su digressioni di carattere musicale. Sarà l'esercito di musici vaganti sparsi per ogni quartiere o la forte presenza - addirittura – istituzionale nel campo delle attività concertistiche, fatto sta che, ogniqualvolta si ritorna da Praga, oltre ai ricordi di birra e di stufati maialosi, permangono quelli a forma di pentagramma. Al di là del folklore e dell'oleografia turistica, se andate a Praga (e amate la musica) ci sono almeno quattro siti meritevoli di degno pellegrinaggio.

Se dico Bedrich Smetana, cosa vi viene in mente? Date un'occhiata oltre Ponte Carlo: c’è “il” fiume per eccellenza e risponderete Moldava. L'autore del celebre poema sinfonico fu anche colui che, nell'Ottocento, dette lo starter alla scuola nazionale boema. La sua casa è lì e, oggi, si è fatta museo: uscendo dal ponte, in Staré Mesto (la Città Vecchia), proprio sulla destra c'è una leggera palazzina neorinascimentale (Novotného lávka, 1). Bussate (con la Prague Card) e vi sarà aperto. Vi assicuro che la visita è pure divertente: oltre a spartiti, cimeli, exempla, c'è di più. Un podio su cui salire e “dirigere” con una bacchetta (dotata di laser) le varie composizioni di Smetana disposte virtualmente su una serie di leggii ordinati ad orchestra e che si attivano puntandoli con il fascio di luce. Più che Von Karajan, ci si sente Mandrake.

L'altro ceco, che diffuse nel mondo le virtù musicali della propria terra, fu Antonin Dvoràk. Il museo è collocato in una costruzione tardobarocca detta Villa America al 20 di Ke Karlovu (quartiere di Nove Mesto). Varcando la soglia, siamo attratti dalle perentorie note della Sinfonia Dal Nuovo Mondo, accolti in un piccolo atrio. Lì si fa il biglietto, si gira intorno al custode e la prima parte è bella che visitata. Una scala a chiocciola ci conduce invece in un ampio salone. Peccato che il pianoforte funga solo da espositore per il merchandising. Rilassante il giardino retrostante con panchine e monumenti, ideale per cominciare a leggere una biografia del nostro (con ampio catalogo discografico) introvabile alle nostre latitudini e al prezzo da zeneisi di 200 Corone (vale a dire circa 8 Euro).

Vi fu anche chi, a Praga, visse per qualche tempo, lasciandoci il segno. Mi riferisco a Mozart che, nel 1787, nella residenza di campagna dell'amico musicista Dussek (detta Bertramka), dette forma al Don Giovanni. Oggi la Bertramka è soffocata nella semiperiferia meridionale di Smichov; tra invadenti centri commerciali e qualche edificio fatiscente, si scorge una villetta immersa nel verde. L'interno è assai piacevole e ricco di documentazione. La poco edificante passeggiata tra deiezioni e molesti rumori urbani è, per fortuna, lautamente ripagata dall’apertura di questa breccia spazio-temporale che riporta il visitatore alla fine del Settecento.

continua....

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Animali fantastici I crimini di Grindelwald Di David Yates fantastico 2018 L'universo di Harry Potter non smette di incantare. A distanza di un anno da Animali Fantastici e dove trovarli, già si annuncia il 15 novembre 2018, la data del nuovo capitolo del fortunato spinoff sul magico mondo del mago di Hogwarts. Animali... Guarda la scheda del film