Concerti Genova Venerdì 25 gennaio 2008

Musica a Genova? Continua il confronto

Il nostro articolo sulla ha innescato un dibattito sulla mancanza di spazi dedicati alla musica a Genova.
Vari gli interventi che si sono succeduti: da a , dal cantautore a , , fino a , e di nuovo .

Oggi pubblichiamo l'intervento di Monica Melissano, che gestisce da otto anni l'agenzia ed etichetta discografica Suiteside. Visto che il lavoro glielo permetteva, ha deciso di venire a vivere a Genova. Il suo pensiero da addetta ai lavori svela alcuni particolari non evidenti a tutti, ma che fanno capire bene il perché Genova è ai margini del movimento musicale nazionale. E forse non ne uscirà così presto.

Vuoi dire la tua su questo argomento? Scrivi a

Genova - Due righe su quest'argomento su cui si torna spesso, con - a mio parere - troppe parole e poche soluzioni, perché le soluzioni nascerebbero da un confronto e da un cambio di attitudine. Premessa: gestisco da ormai otto anni , un'agenzia di booking ed etichetta discografica. Lavoro a livello nazionale e internazionale, viaggio, conosco bene la situazione in altre città non solo italiane. Ho vissuto per 15 anni a Bologna, ho scelto poi Genova innamorata del clima e del paesaggio di questa città.

Alla fine, per il tipo di lavoro che svolgo, essere qui piuttosto che altrove non cambia molto, però ammetto di star iniziando a rimpiangere più di un aspetto della fredda e nebbiosa Emilia Romagna e della sua scena musicale.
Prendete il mio come un punto di vista "esterno", come quello di un addetto ai lavori che alla fine non è dentro alle storie e alle problematiche di questa città. Ma che ne sente i limiti.

Prima di tutto, la mancanza di professionalità. Troppe scelte e situazioni affidate al cosiddetto do it yourself. Sembra che considerare la filiera musicale in termini lavorativi sia considerato un'eresia. Io organizzo pochi concerti a Genova, pur lavorando abitualmente in altre città italiane con alcuni fra i migliori clubs della scena indie rock. Devo ammettere che solo a Genova mi son trovata a fissare serate con un compenso per il gruppo indefinito (dipende da come va la serata) o peggio ancora definito ma non rispettato. Solo a Genova - tranne alcuni casi - non è previsto che il locale paghi da dormire al gruppo che si esibisce.

A Genova non ci sono radio alternative (scusate, è la solita lamentela, ma vengo da una città in cui ce n'erano ben tre, e in una ho lavorato per 8 anni). Ammetto che i concerti ci sono, ma - non ultime per le ragioni sopra elencate - c'è uno sganciamento totale dal "flusso" di quel che accade altrove, e difficoltà, con poche eccezioni, a portare altrove il flusso di quello che comunque qui avviene, oltre l'ottica dello scambio di concerti.

Genova è fuori dall'hype. Potrebbe essere un bene, ma se avessi 15 o anche 20 anni sarei disperata nel constatare che non c'è uno dei gruppi di cui le riviste parlano al momento o i cui video passano su Brand:New (programma musicale di Mtv) che passi a suonare da qui. Ci si lamenta che la gente non è interessata ai live, a nessuno viene in mente che forse c'è un pubblico che non è interessato ai live che ci sono a Genova, ma che si muove su Milano/Torino/Firenze e perfino Bologna per vedere i gruppi che ama? Non prendetela come mugugno, vorrei fosse costruttivo, ma è difficile far capire le differenti condizioni con cui è possibile lavorare per un'agenzia di booking su altre città e qui. È difficile spiegare a gruppi di altre città con esposizione su tutte le riviste e 80 date all'anno all'attivo che qui non ci sono spazi, o che dovrebbero venire a metà del cachet.

Faccio dei nomi, di bands italiane che stanno girando molto negli ultimi mesi: A Toys Orchestra, My Awesome Mixtapes, Canadians, Le luci della centrale elettrica, Amor Fou, Disco Drive, Settlefish, Mojomatics, Les Fauves. Lasciamo stare gli stranieri, che il discorso diventa lungo. Questa è la scena italiana attuale con cui confrontarsi. A parte Atari e Don Turbolento, che han suonato al Milk (bene!) a parte qualche bel nome della scena nostrana hardcore/punk/post rock che passa in Buridda, da qui pare non stia accadendo nulla.

Sono constatazioni, limiti a cui forse non c'è rimedio, come non c'è rimedio alla spocchia che viene spesso riservata ai pochi gruppi di Genova che riescono a emergere altrove senza passare dai soliti canali locali. Se Bologna i My Awesome Mixtapes se li è coccolati spingendoli in tutti i modi, unitariamente, e con tutti i canali possibili, qui sembra che appena qualcuno inizia a suonare nel resto d'Italia a cachet decenti attiri cori di insulti e maldicenze basate su pregiudizi.
Io una piccola, piccola idea ce l'ho. Una serie di incontri aperti con professionalità della musica che operano in altre città, ben pubblicizzati e organizzati in un luogo pubblico e facilmente raggiungibile (mentelocale café, ad esempio). Per aprire un confronto.

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Bohemian rhapsody Di Bryan Singer Biografico, Drammatico, Musicale U.S.A., Regno Unito, 2018 Un racconto realisto ed elettrizzante degli anni precedenti alla leggendaria apparizione dei Queen al concerto Live Aid nel luglio del 1985. Guarda la scheda del film