Concerti Genova Lunedì 21 gennaio 2008

Gli spazi musicali a Genova sono pochi

Il nostro articolo sulla ha innescato un dibattito sulla mancanza di spazi dedicati alla musica a Genova.
Vari gli interventi che si sono succeduti: da a , dal cantautore a e , fino a .

La scorsa settimana, poi, abbiamo dato notizia di due rassegne musicali in altrettanti locali genovesi: Unplugged al Little Italy e la ripresa di Genovatune Inferno al Milk. Una battuta espressa nel titolo (non troppo felice, è vero) ha scatenato la penna di Marco Fuori. "Ma non mancavano gli spazi per la musica?" dicevamo noi. E lui: “Il vostro articolo offende chi cerca di fare musica a Genova da tanti anni”. Vogliamo sottolineare che è ben lungi da noi l’ignorare il problema (altrimenti non avremmo aperto il dibattito, e non avremmo battuto il chiodo su questo tema con tutti gli amministratori che abbiamo intervistato, per ultimo Massimiliano Morettini). La critica di Marco Fuori sfonda perciò una porta aperta. Il suo sfogo tocca molti punti per noi interessanti e degni di attenzione. Per questo ve lo proponiamo. Vuoi dire la tua su questo argomento? Scrivi a

Genova - È semplicemente vergognoso .
L'ironia che sottende alla domanda retorica ...ma non mancavano gli spazi? è semplicemente fuori luogo, e offende chi la musica a Genova cerca di proporla da anni, e si trova a dover operare non solo con scarsa attenzione da parte dei mezzi di comunicazione, ma addirittura a trovarseli remare contro, come nel caso di questo Vostro articolo quanto meno scomodo, che rassicurerebbe il lettore sul fatto che, invece, in questa città locali ed occasioni non mancherebbero.

, , sono gli ultimi rimasti. Ma se si tiene conto che sono circoli, non sembra corretto parlare di locali di musica dal vivo. Al si possono performare solo concertini rigorosamente acustici, visto che i notevoli problemi di rumore richiamano l'intervento di polizia o carabinieri più o meno ogni settimana. Lo non è improntato sulla musica dal vivo.
Sono rare eccezioni, e con questo metodo potremmo dire, allora, che qualunque bar, se due volte l'anno suona un parente con la chitarra, diventa un locale live. Inoltre, come ben sapete, anche lo Zerodieci è un circolo.
Il misura 20 mq. Nessun gruppo ha o avrà mai la possibilità di esibirsi con batteria. Fine dei giochi. Concluso qui il panorama. Questa la situazione nella quinta città in Italia dove da dieci anni, ormai, dalla chiusura dei live al e del di Sampierdarena, le realtà medie del panorama musicale italiano non hanno uno spazio di esibizione. Una città sempre evitata nelle tournée di gruppi emergenti, autoprodotti, alternativi, perchè non esiste un club dove poter farli esibire (parole non mie, ma di Cristina Donà e Marco Parente al Forum Fnac in conferenza, ndr).

Dunque da noi, se non ve ne foste accorti, la scena musicale passa dal concerto di Biagio Antonacci al Vaillant Palace al live acustico di gruppi assolutamente locali in qualche posticino che stiamo difendendo con le unghie, mentre qualcuno sembra non accorgersi di come siano magre le nostre vacche musicali e lo scrive pure.
Ma per non fare in modo che tutto questo sembri un'opinione personale, diamo qualche numero, così, forse, Giarola più documentato sui fatti, avrà il buon gusto di togliere il punto di domanda dal titolo di un suo articolo dal taglio davvero poco disincantato.

Negli ultimissimi anni hanno chiuso o non fanno più live: LuKrezia, , , , , , Nessundorma, , , Teatro Instabile, Atlantico, Rock Pub, La Soffitta, , Spirito di vino, , Mister Jack.
è una caffetteria che si concede ogni tanto qualche venatura jazz (era l'ultimo locale non circolo che facesse rockteca in Genova).
Il Senior Do Bonfim, invece, è un ristorantino molto elegante. Glielo consiglio per i primi di pesce.

Non riesco davvero a capire cosa, signor Giarola, dovrebbe accadere per fare in modo che si renda conto di quanto sia critica la situazione di chi la musica a Genova la scrive e la suona e di quanti hanno piacere ad ascoltarla. O di tutti quelli che, ancora, alla serata in discoteca tunz tunz preferirebbero ballare del sano rock, alternativa che viene concessa, grazie a Dio, in abbondanza in tutte le altre città italiane di dimensione simile alla nostra (ma anche molto più piccole).
Se non mi crede, si faccia un giro su siti come o , per avere solo una piccola idea dell'universo che ci separa dalla civiltà e dal progresso. Si renderà conto anche del miracolo effettuato dalla redazione di , che riesce a mantenere in piedi un cadavare a colpi di defibrillatore: riescono a scovare particolari e sfaccettature che rendono interessante l'inesistente. Ed hanno da poco assaggiato cosa vuole dire misurarsi nel concreto con le sorprese che questa città e la sua mentalità riescono sempre a riservare.

Se lo facesse, capirebbe perchè tanti gruppi, tra cui il mio, sono costretti a prendere la macchina nei week end e indirizzarsi su altre piazze, per poter proporre le proprie canzoni e portare avanti un progetto. Sarebbe tanto più bello poter, quantomeno, rendere meno frequenti queste trasferte. Capirebbe perchè alcune realtà, che davano l'ultimo raggio di sole all'ombra del mancato fermento hanno chiuso baracca e burattini, come il , che per 6 anni ha fatto parlare di Genova sui siti di mezzo mondo come la seconda Rocky Horror House d'Italia, gemellata con Milano e Londra, e che non ha avuto, invece, alcuna possibilità di proseguire mancando qualunque tipo di struttura idonea anche nel settore sale da cinema.
Non le starò ad elencare i cinema che hanno chiuso in città negli ultimi 5 anni, non voglio tediarla oltre.

Ma lei, mi sembra chiaro, è lontano da tutto questo e da problematiche del genere. Altrimenti il sarcasmo lo utilizzerebbe in maniera, forse, più ragionata.
Vista la sua concezione di spazi per la musica live mi permetto di segnalarle che al baracchino di fronte al Caffè Crippa di corso Buenos Aires, il venerdì e sabato sera fanno karaoke. Se lo appunti.

Cordialità
MARCOFUORI

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Un piccolo favore Di Paul Feig Drammatico 2018 Ho bisogno di un piccolo favore. Mi puoi prendere Nicky a scuola? È questa la semplice, comune richiesta che l'affascinante Emily fa alla sua nuova amica Stephanie, prima di sparire senza lasciare traccia. Mamma single tuttofare, vlogger per passione... Guarda la scheda del film