Concerti Genova Martedì 15 gennaio 2008

Colombo e Venegoni: due chicche di Cd

Genova - È un vero peccato che determinati CD non riescano a raggiungere il cosiddetto “grande pubblico”, soprattutto quando si tocca il tasto del jazz. Pensiamo solo allo sforzo che c’è dietro al pregevole lavoro del pianista e compositore milanese (già con i di Walter Calloni e Stefano Cerri, poi sostituito da Attilio Zanchi). Al di là delle brillanti tracce, che sfrecciano con piacevole leggerezza sull’onda di un sonoro entusiasmo tattile, Colombo suona in trio con due colossi storici della fusion mondiale: e .

L’operazione vede la produzione del manager Giampaolo Abbondio (Symphonia) con il contributo (anche in sede distributiva) dei lungimiranti . Caravaggio – questo il titolo dell’album – si libra tra omaggi e debiti (Para Monk), talvolta senza disdegnare il gusto per climi espressivi standard (Blues for 3) o brasileire (Mirabilmente in giallo); quindi mutazioni di mood che si trasformano in calcolate jam (Da umori a timori) o in intime rifrazioni novecentesche dal sapore classico (You are).
Il gioco improvvisativo, paradossalmente, si fa scrittura attraverso il morbido tocco di Colombo che ben si assembla al linguaggio quasi melodico della batteria di Cobham e alla spontaneità metrica di Berlin (il suo basso svela il massimo delle proprie potenzialità in Blues for 3). E, tanto per completare il quadretto, in cabina di regia, a mixare, c’è un tal , che nei primi anni Settanta suonava nei Weather Report di Joe Zawinul e Wayne Shorter. Frammenti di storia dell’ultimo jazz che si ritrovano in un piccolo miracolo chiamato Caravaggio.

Il chitarrista torinese degli Arti & Mestieri , nel 1977, dette vita ad un gruppo “aperto” a suggestioni e musicisti di ogni tipo, un ensemble dal sapore eponimo: . La Cramps pubblicò, rispettivamente nel ’78 e nell’80, Rumore rosso e Sarabanda, all’interno dei quali passarono strumentisti del calibro di Ludovico Einaudi, Claudio Pascoli, Maurizio Gianotti (già con i Procession). La fiamma si spense, poi vi fu una parentesi episodica alla fine del decennio successivo (Nocturne, più vicino all’elettronica dei guitar synth e delle programmazioni melocibernetiche); un silenzio durato sino al 2006, quando su sollecitazione dell’ex compagno di arte e mestiere (Beppe Crovella, patron dell’ ), Venegoni riforma il complesso nella line-up (quasi) originaria, dando alle stampe Planetarium (2007).
La tracklist è disseminata di atmosfere (soft) fusion a tratti latineggianti. Il sound non è lontano da quello percepibile nei dischi diPat Metheny o Windham Hill (la scuderia dei vari Michael Manring, Shadowfax e Mark Isham). Per fortuna, qua e là, si assiste a graditi rientri verso quell’approccio di scrittura irregolare che fu unico negli Arti & Mestieri (Rotta 355 Bothros), anche con un’insolita baldanza “etnica” (A Perdifiato). Verrebbe da scrivere “luci e ombre”, ma ad essere onesti, Planetarium è la provvisoria sintesi di un compositore che, dai primi anni Settanta, si è mosso traendo spunti dai King Crimson per subire, quasi in contemporanea, la fascinazione di Zappa. Oggi Venegoni sembra approdato ad uno stile che non ha più la vis sperimentale di un tempo ma la chiarezza, il nitore, la maniera e, perché no, la raffinatezza di chi ha saputo costruirsi un linguaggio personale, fedele al proprio tratto evolutivo.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Nessuno come noi Di Volfango De Biasi Commedia Italia, 2018 Betty è un’insegnante di liceo bella, anticonformista e single per scelta. Umberto è un noto docente universitario, affascinante, strafottente alle prese con un matrimonio noioso e privo di passione. I due si incontrano per la prima volta quando Umberto... Guarda la scheda del film