Concerti Genova Lunedì 14 gennaio 2008

Picetti: non fate chiudere la mia Ostàja

Il nostro articolo sulla chiusura della Panteka ha innescato un dibattito sulla mancanza di spazi dedicati alla musica a Genova.
Abbiamo proposto l'intervento di Mauro Cipri, che lamentava l'assenza di locali dedicati ai giovani musicisti e la risposta di un addetto ai lavori, Matteo Casari, musicista, fondatore dell'etichetta discografica indipendente Marsiglia Records e della fanzine Compost.
È arrivata poi l'invettiva di Federico Sirianni, cantautore genovese molto conosciuto anche fuori e all'estero. Nel 2004 ha vinto il Premio della Critica al Festival di Recanati.
Sono seguiti gli interventi di Roberto Caneva e Andrea Baroni, lettori di mentelocale.it, frequentatori del centro storico e amanti della musica.

Oggi aggiungiamo altra carne al fuoco. Gigi Picetti, personaggio storico della vita notturna e della cultura underground genovese, ci dà una brutta notizia. Anche la sua Ostaja de Banchi rischia la chiusura. Lo abbiamo intervistato.

Leggi anche Morettini: «i giovani nel 2008»

Vuoi dire la tua su questo argomento? Scrivi a

Genova - «Lo sai che ti dico? Non solo la ha chiuso, ma l’, uno dei locali più antichi d’Italia, rischia diventare l’ennesimo kebab, o un ristorante cinese». O peggio ancora, un magazzino. Nel bel mezzo della querelle sulla chiusura di un locale storico di Genova, vero centro del fermento underground cittadino, ci ha chiamati Gigi Picetti. E ha rilanciato, con una pessima notizia. Il fatto è che Diego Bonifacino, socio di Picetti nella conduzione dell’Ostàja, ha deciso di farsi da parte. Si sono aperte le danze per la ricerca di un sostituto e, guarda, un po’: «l’offerta migliore è arrivata da un cinese».
A mentelocale.it siamo ben lungi dal fare distinzioni e discriminazioni di lingua, razza, cultura, colore e chi ne ha più ne metta. Ma qui c'è un altro altro pezzo della vita notturna, sociale e culturale della città che, poche ore dopo la Panteca, rischia di sparire. E a noi questo non va giù.

Gigi Picetti non ha bisogno di presentazioni. Alla soglia dei settant’anni, è da decenni uno dei protagonisti della vita notturna e culturale genovese. Poeta, aforista, ha collaborato anche con Dario Fo. Ma per i ragazzi genovesi che bazzicano i vicoli è l’oste per eccellenza. Burbero e paterno allo stesso tempo con le schiere di pivelli che si sono imbibinate di Baxeiquito (versione al pesto del Mojito inventata dallo stesso Picetti) e Diablada (un intruglio alcolicisssimo e segretissimo, ma è meglio così...), gestisce locali da quarant’anni. «Io gli dico sempre di non mischiare che poi stanno male - dice – ho insegnato a bere a tanti di quei ragazzini…» dice.

Il primo, aperto a fine anni Cinquanta, si chiamava La Bicocca, era in via Canevari e, dice: «è stato il primo locale in Italia sono si ballava mettendo i dischi. Era l’epoca del rock and roll». Il primo club con dj, insomma. «La Bicocca nasceva al posto di un’ex bocciofila - prosegue - abbiamo creato la pista ricoprendo il pavimento con marmi regalati da un amico che faceva tombe. C’era una mattonella con scritto …la vedova…; lì non ci ballava mai nessuno». C’ha sempre la battuta pronta Gigi, e una parlantina dilagante, inarrestabile.
Poi è arrivata La Panteca volante, una sorta di associazione culturale che organizzava eventi in giro per la città: reading, living theatre, proiezioni. Il giardino dei funamboli, invece, era in cima alla funicolare di Sant’Anna: «c’era una baita in stile tirolese, e questo splendido giardino liberty. Lo abbiamo chiamato così perché per arrivarci dovevi inerpicarti sul colle». Oggi c’è ancora un bar, ma non la baita né il dehors: bruciati anni fa in un incendio. Nel 1980 apre la Panteca: «lì ha iniziato a suonare Baccini, è passato il chitarrista di Vasco Andrea Braido, il cineasta Jack Smith, che lavorava con Andy Warhol. Abbiamo inaugurato il 24 dicembre a furor di popolo». In che senso? «Nel senso che avevamo a mala pena finito i lavori e acquistato le prime bevande quando i nostri amici hanno detto: bene, si apre! E sono entrati».

Negli anni Ottanta dà vita anche a e da metà Novanta è all’Ostaja, proprio dietro piazza Banchi. L’osteria sembra risalga addirittura al milleduecento: «è in una posizione perfetta, tra il porto e i vicoli, a ridosso della piazza che ha fatto la storia di Genova e del mondo. È lì che nacque la banca, è lì che sono nati alcuni termini di uso comune, come bancarotta. Un tempo ogni banchiere aveva il suo banco, e quando le cose non gli andavano bene perdeva il diritto ad operare nella piazza, rompevano il banco e liberavano il posto. Ecco da dove viene il termine».

Per l’Ostaja Gigi ha un progetto che va oltre la mescita. «Sopra vorrei fare cucina tipica ligure, e sotto, dove si trova un teatrino con tanto camerini e bagno, eventi culturali». Ma se il cinese compra che fai? «Non lo so, non riesco neanche a immaginarlo - dice - di sicuro non rimango. Ma tiro su un casino che se lo ricordano. Ho fiducia nella nuova amministrazione. Se come dicono, vogliono una nuova stagione, dovrebbe essere sensibili a quello che sta succedendo. Staremo a vedere».

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Santiago, Italia Di Nanni Moretti Documentario 2018 Il cinema di Nanni Moretti procura sempre un trasalimento, legato alla presenza ricorrente dell'autore nella sua opera. Che il film si richiami oppure no alla sua esperienza personale, lo spettatore oscilla tra finzione del personaggio e intimità... Guarda la scheda del film