Concerti Genova Venerdì 11 gennaio 2008

Spazi per la musica cercasi a Genova

Il nostro articolo a proposito della ha innescato un dibattito sulla mancanza di spazi dedicati alla musica a Genova.
Abbiamo proposto , che lamentava l'assenza di locali dedicati ai giovani musicisti e la risposta di un addetto ai lavori, di , musicista, fondatore dell'etichetta discografica indipendente Marsiglia Records e della fanzine .
È arrivata poi l'invettiva di , cantautore genovese molto conosciuto anche all'estero. Nel 2004 ha vinto il Premio della Critica al Festival di Recanati.

Poi l'intervento di , non un addetto ai lavori, ma un nostalgico dell'atmosfera che si respirava ni alcuni locali ormai chiusi.

Oggi vi proponiamo il contributo di Andrea Baroni. Appassionato di musica, Andrea ricorda i tantissimi bei concerti visti a Genova, e fa anche anche una proposta per il futuro.

Leggi anche

Vuoi dire la tua su questo argomento? Scrivi a

Genova - Vorrei inserirmi nel dibattito sulla musica a Genova per dare un piccolo contributo, da semplice appassionato di musica del tutto esterno alla scena locale, partendo dal problema prezzi e sale.
Ricordo di avere visto a Genova, negli anni 80 e 90, in posti come il teatro Albatros di Rivarolo, il Massimo di Sampierdarena o lo Psyco club nelle sue diverse sedi, nomi del calibro di Willy de Ville, Elliott Murphy, Nico e Robin Hitchcock. Ovviamente da studente non erano molti i soldi in tasca, eppure riuscivo ad essere presente a quasi tutti i concerti che mi interessavano. A volte mi chiedo cosa riesca a fare oggi uno studente, e la risposta è scontata, anche a leggere le cronache della precaria letteraria di ML, che . E quando arriva qualche nome di calibro nazionale al Carlo Felice, difficilmente si scende sotto i 40 euro.
Cito solo un episodio: lo stupore di Ivano Fossati, raccontato dai giornali, nell’apprendere il prezzo dei biglietti del suo concerto di qualche anno fa nel teatro genovese. Capisco che se si vuole il grosso nome il cachet da pagare è alto. Ma va anche tenuto presente che annullare un concerto per le scarse prenotazioni forse è peggio, sia per il business che per l’immagine, che avere la sala piena ed il margine di guadagno un po’ meno alto.

Oggi a Genova, se si parla di locali, mancano le sale intermedie, come quelle che ricordavo sopra, che nel frattempo sono stati riconvertite a sale da ballo o a chissà quale destinazione: si va dai bar o piccoli club ai teatri da parecchie centinaia di posti. In mezzo ci starebbe bene una cosa tipo il di Sarzana, anche questa una esperienza del passato, anche se molto più recente: una specie di saloon con american bar e ristorante, dove fino a un paio di anni fa, una volta alla settimana, arrivavano gruppi e solisti rock e blues sempre in grado di richiamare da Liguria, Toscana e dintorni una piccola folla di appassionati. Cito dal lungo elenco: Roger Mc Guinn, Graham Parker, ancora Elliott Murphy, Garland Jeffrey, Sarah Jane Morris o Echo and the Bunnymen. Non proprio degli sconosciuti se si segue anche da lontano cosa succede nel rock. Possibile che sia finito tutto nel nulla? Ebbene si, anche se la formula, io credo, potrebbe essere riproposta oggi con analogo successo anche in altre città.

In campo jazz sicuramente in Liguria c’è molto e va reso ogni onore e merito ad istituzioni come il , o l’apolide Ellington Club che organizzano rassegne, concerti e iniziative didattiche ed ai quali devo personalmente l’iniziazione alla musica afroamericana, o il . L’impressione però è che si potrebbe avere molto di più del festival estivo e di una rassegna autunnale di due/tre date al Teatro Modena.
Mi piacerebbe vedere più coraggio e varietà delle proposte, anche tenendo conto dell’ottimo momento della scena italiana. E formule organizzative nuove, prendendo magari spunto da quello che in altre città funziona da decenni. Pensate che bello un Festival jazz dei caruggi con una settimana di concerti sparsi fra grandi teatri, clubs e una marching band che fa il giro dei vicoli. È osare troppo per Genova?

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

La donna elettrica Di Benedikt Erlingsson Drammatico 2018 Halla è una donna dallo spirito indipendente che ha superato da un bel po' la quarantina. Dietro la tranquillità della sua routine si nasconde però un'altra identità che pochi conoscono. Conosciuta come "la donna della montagna",... Guarda la scheda del film