Concerti Genova Martedì 8 gennaio 2008

Musica: manca il pubblico, non gli spazi

Il nostro articolo sulla ha innescato un dibattito sulla mancanza di spazi dedicati alla musica a Genova. Ieri abbiamo proposto , che lamentava l'assenza di locali dedicati ai giovani musicisti.
Oggi pubblichiamo la risposta di un addetto ai lavori, Matteo Casari. Musicista, fondatore dell'etichetta discografica indipendente Marsiglia Records e della fanzine , organizzatore di concerti live in vari locali e spazi di Genova, Matteo è un vecchio . Se l'ambiente indie e underground cittadino non ha mai smesso di fare proposte, di organizzare iniziative, è merito di ragazzi che - spesso a fondo perduto - si sbattono giorno e notte, come Matteo fa da anni. Per questo capiamo il suo sfogo.

Leggi anche

Vuoi dire la tua su questo argomento? Scrivi a

Basta, vi prego, basta!
Sono anni e anni che ci sorbiamo questi inutili piagnistei e mugugni riciclati mille mila volte! A Genova gli spazi per la musica ci sono, ci sono stati e sempre ci saranno. Quello che manca è l'umiltà e l'intelligenza in un pubblico composto per la maggior parte da saccenti ignoranti.
Le serate si sono alternate, i gruppi, i locali, grandi nomi e piccoli tesori segreti da conservare tali. Pochi illuminati eletti si sono degnati di presenziare e riempire i locali, permettendo loro di andare avanti e giustificandone gli sforzi. Dov'era la gente che mugugna in quelle serate?
In città, tolti un paio di esempi, non ci sono locali che danno spazio esclusivamente alle cover band, anzi, provate a parlare con qualche musicista che vi suona e che vi chiarisca quanto sia dura anche per loro.

La situazione non è rosea, nè lo è altrove, ve lo assicuro per esperienza diretta e non per sentito dire. Colpa di difetti di comunicazione, siamo sempre segnati come dei carbonari a vita, tra l'illegalità di appendere locandine che nessuno legge e il tempo sprecato a tenere in piedi siti internet, fanzine, myspace e via dicendo. Ma questo non basta.
Al genovese serve l'evento per scuoterlo dal torpore in cui sopravvive. Allora con gli eventi tutto cambia. Evento positivo (, , , etc, etc). Evento negativo (una chiusura o una bocciatura o un evento non condiviso da tutti).
Coro di malcontento (Oggi per fortuna ha riaperto). Tutti in piedi, soprattutto quelli che mai ci mettevano piede, per criticare il malcostume di siffatta situazione.
E intanto ci siamo fatti chiudere questi locali perchè non li abbiamo supportati in vita. Un classico, no? Finito il tempo dell'impegno, alla morte dell'azione, tutti si risvegliano attivisti. Quanto ci metteremo a renderci conto del servizio unico che locali come , , e i Centri Sociali come la , e stanno dando alla città?
Dovremo aspettare che siano tutti chiusi? Dovremo, quindi, tifarne e decretarne la morte per sentirci un po' parte di quella minoranza giovane che tanto ha da sbraitare contro la maggioranza dei vecchi?

Basta, vi prego, di questo stillicidio di polemichine.
Facciamoci portatori di buone novelle. Parliamo di quanto di buono succede in città (troppo anche per elencarlo in poche righe) e di quale attenzione mediatica stia incominciando a godere la nostra Genova grazie alla qualità dei suoi prodotti.
Facciamo la rivoluzione: supportiamoli.

Vuoi dire la tua su questo argomento? Scrivi a

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

The End? L'inferno fuori Di Daniele Misischia Thriller 2017 Claudio è un importante uomo d'affari, cinico e narcisista. Una mattina, dopo essere rimasto imbottigliato nel traffico delle strade di Roma, arriva finalmente in ufficio nonostante il notevole ritardo, ma rimane bloccato da solo in ascensore a... Guarda la scheda del film