Concerti Genova Martedì 18 dicembre 2007

Natale: qualche disco sotto l'albero

Proseguiamo il nostro viaggio prenatalizio all’interno dell’universo . Due band geograficamente lontane (una è di Cuneo, l’altra di Ancona) ma legate dalla voglia matta di sperimentare e di dirigersi (ben) oltre le solite coordinate standard del “genere”. I piemontesi si divertono a dipingere di suoni le loro visioni, che, nel caso dell’affascinante , trovano anche una trascrizione lirica, allegata al CD come se fosse il bugiardino di una medicina ricostituente. Non conosco nulla di te/eppure torno a trovarti/nei momenti più insoliti/di queste giornate/fredde e piovose e, sotto (o sopra), la musica va. Collage di chitarre, fisarmoniche, armonium, pianoforti, percussioni amalgamate alla paraphernalia di campionature e scorie elettroniche. Poi si dice che il prog guardi indietro. Qui c’è sintonia con quanto sta accadendo in quel nuovo centro del mondo sonico che è l’Islanda dei Sigur Ròs e dell’alma mater Björk (ma anche dei recentissimi – e più pop – Soundspell). Un lungo flusso strumentale di fertili idee aleatorie tra rumorismo artistico, dissonanza creativa e poesia sotterranea. Un profondo fil rouge che non esclude (talvolta inattese) tangenze, ascendenze e immersioni in generose sorgenti (Penguin Café Orchestra, Madredeus, David Sylvian, i King Crimson più silenti con Muir e Cross). Tra le best track l’atipico blues No Care e una serie di ballad senza parole (Reflecting, Journey, Don’t Look For Me, Eve).

I da Ancona. Eccome se ce li ricordiamo. Suonarono al CSPI per Impressioni di Settembre nel 2006: un manipolo di ragazzi che, partiti dalle Marche per Zena a bordo di un brancaleonesco furgone, raggiunsero la collinetta di Morego dopo imprevisti di ogni tipo. In piena sintonia con lo spirito della loro musica. Sì, perché tra i solchi di Garamond, l’imprevisto – sia esso tonale o ritmico o armonico – è di casa e, paradossalmente, previsto (ma non prevedibile). Così la Lizard ha deciso di sostenerli con Quant’altro, opera prima, che, in realtà, si presenta come unq raccolta di composizioni scritte tra il 2001 e il 2005. Nell’era di Internet, succede anche questo: si va avanti a forza di demo e, poi, appena arriva la lungimirante label sulla via di Damasco (o di Preganziol), si esce già antologizzati.
Nascono nel 2003 e presto vengono battezzati da Elio e le Storie Tese, come gruppo spalla per la data dorica. Basta questa brevissima nota per comprendere i contenuti del CD. Gli appassionati di quel progressive frontaliero, sparso su disparati crinali (jazz, contemporanea, minimalismo, Sprechgesang e musical), non possono che gioire. Tra i numi tutelari Frank Zappa (Omaggio al Dottor Zoidberg), Gong, Terry Riley (Beatamente plagiati da superstizioni organizzate), Magma (Drazil), Picchio Dal Pozzo (Situazione angolare) e la caravana canterburiana, quasi al completo.

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Hereditary Le radici del male Di Ari Aster Horror U.S.A., 2018 Quando l’anziana Ellen muore, i suoi familiari cominciano lentamente a scoprire una serie di segreti oscuri e terrificanti sulla loro famiglia che li obbligherà ad affrontare il tragico destino che sembrano aver ereditato. Guarda la scheda del film