Concerti Genova Mercoledì 12 dicembre 2007

Uova di lucertola sotto l'albero

Genova - Natale è vicino e sarebbe piuttosto scontato uscirsene con gli immancabili consigli per gli acquisti. Strenne a forma di CD. Uniamo il proposito al dilettevole, pertanto ne approfitto per raccontarvi le ultimissime novità di una label tra le più alternative d’Italia, la trevigiana di Loris Furlan.
Quattro proposte in linea con il raffinato approccio “off-shore” dell’etichetta di Preganziol, sempre pronta a valorizzare le intuizioni creative più vivaci di una nicchia che non è solo progressive, semmai (e soprattutto) buona musica.

Partiamo in quarta con il melting pot dei monzesi che, reduci dal buon Volume 1 (sempre per Lizard – 2006), offrono all’ascoltatore il concept Quintet Sessions. Il convenzionale trio Vincenzi (chitarre), Gatti (batteria e percussioni) e Fortuna (basso e contrabbasso) si avvale della collaborazione di Luca Urbani ai sintetizzatori e Stefano Floriello ai tablas. L’esito è un caleidoscopio variopinto di ambient, etnica, jazz e psichedelia. Tale trasversalità è pilotata in maniera moderna grazie all’utilizzo di effetti loops, drones, programmazioni e campionature senza sovvertimenti all’impianto analogico dell’immagine elettroacustica. Quasi trendy…Da non perdere le longtrack L’infelicità perfetta e la Suite n. 2.

Chi ama gli Area, non può rinunciare al nuovo CD dei , Meccaniche di pensiero (quarta prova dopo Mio scialbo del 2000, La Storia dell'uomo che incontrò se stesso del 2002 e No Zeit 7905, esperimento stratosiano con uscito nel 2006). Mi riferisco alla “mentalità” degli Area, ovvero a quell’attitudine di mettere in contatto le arti tra loro, di usare la voce in maniera poco convenzionale. In una parola: la ricerca. In effetti c’è anche altro. La band veneta ricorda i Japan di David Sylvian, perché non si occupa solo di musica, ma pure di letteratura e arti figurative. Le atmosfere tenui, a tratti cameristiche, pur non insensibili all’elettronica, attingono prestiti da Eno, Cale, Sakamoto, Chimenti e Czukay. Poi la voce recitante di arriva a fare il paio con quella di Paolo Carelli dei Pholas Dactylus, tanto da battezzare Meccaniche di pensiero il Concerto delle menti del nuovo Millennio. Alcune virate in direzione della World Music, accolgono il contributo di strumenti (a noi) bizzarri come la trombetta cinese e il darbuka o di scale arabeggianti suonate dalla chitarra. Bellissime le fotografie nel libretto interno, tratte dalla mostra di Marco Tuppo .

La prossima settimana vi parlerò dell’opera prima dei Garamond (Quant’altro) e dell’atteso bis degli Airportman (Rainy Days).

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Il testimone invisibile Di Stefano Mordini Thriller 2018 Adriano Doria è "l'imprenditore dell'anno" nella nuova Milano da bere. Guida una BMW, porta al polso un Rolex vistoso, ha una moglie e una figlia adorabili e un'amante bella come Miss Italia. Ma ora si trova agli arresti domiciliari, accusato di... Guarda la scheda del film