Concerti Genova Sabato 24 novembre 2007

Battiato a Genova: il suo nuovo film

Genova - Al Teatro Verdi di Sestri Ponente, con puntualità teutonica, un cordiale ma frettoloso Franco Battiato ci introduce alla sua ultima fatica cinematografica Niente è come sembra.
«Purtroppo alcuni passaggi potranno apparire ostici, ma certi argomenti possono essere esposti solo con parole a loro propri», spiega il regista.
Ci fa sapere che «la colonna sonora non fa mai da contrappunto alle immagini, ma è sempre paritetica a queste e al testo» e che anzi «spesso intere sequenze sono costruite sulla musica e non viceversa». Quasi si scusa se il film «pur durando solo poco più di un’ora possa sembrare interminabile» (più o meno le stesse parole che spese nel 1978 per L’Egitto prima delle sabbie), anche se sottolinea che «a Enrico Ghezzi è piaciuto molto».

Certo è che sembra di essere proiettati in un salotto fra amici, dove l‘argomento di discussione non è l’ultima eliminazione eccellente all’Isola dei famosi, bensì le implicazioni filosofiche riguardo l’esistenza di Dio: o ti annoi o non vedi l’ora di intervenire. La posizione del regista è l’atarassia (altra parola a lui gradita). Come sappiamo, infine, è importante non la risposta ma la domanda.
Strepitosa la maschera di Giulio Brogi (una simpatica autocitazione ci mostra, in un annoiato zapping televisivo, la sigla dell’Eneide Rai anni Settanta): come è stato possibile dimenticare un così grande artigiano? E non uso, volutamente, la parola artista, perché questa può sottintendere una favorevole predisposizione genetica, mentre quella un duro e costante apprendimento.

Anche la grafia del Battiato regista si è di molto affinata, dopo le prime due pellicole, tutto sommato ortodosse, con esiti più televisivi che spettacolari. Qui lenti ed inesorabili zoom che sfociano in spietati ed intensi primi piano mi ricordano gli esperimenti di Ivo Chiesa con Eros Pagni per il Teatro Stabile di Genova (come Brogi, ancora!) che, mettendo la tecnologia al servizio dell’arte (e non viceversa), con grandi schermi permetteva al pubblico teatrale di godere sia della visione globale della scena sia delle espressioni dell’attore.

Potrebbe interessarti anche: , Covo di Nord-Est, crowdfunding per riaprire dopo la mareggiata: «Entro Pasqua» , Faber Nostrum, il disco-tributo a Fabrizio De Andrè: gli artisti e quando esce , Corsi di tango argentino con la Scuola Ciitango444: si balla tra emozioni e movimento , La Voce e il tempo: il programma dei concerti di marzo 2019 , C'è da fare: canzone per Genova di Paolo Kessisoglu con 25 artisti, da Giorgia a Morandi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Scappo a casa Di Enrico Lando Commedia Italia, 2019 Per Michele, quel che conta è apparire: far colpo sulle belle donne (solo per accumulare punti su un’applicazione di incontri), guidare macchine di lusso (non perchè ne sia proprietario ma perchè lavora come meccanico nella concessionaria che le... Guarda la scheda del film