Concerti Genova Martedì 20 novembre 2007

I protagonisti del beat italiano anni 60

Genova - Incontrai (via e-mail) Alessio Marino alla fine dell’estate scorsa e subito avvertii una forte corrispondenza di affinità, forse perché entrambi – nella nostra comune pazzia di melomani incurabili – ci siamo messi in testa di inventarci un “Centro Studi”. Non siamo soli nell’universo (delle nicchie). Noi con il progressive e lui con il beat. Lui ad Alessandria, noi a Genova.
E il beat è importante, altro che, perché tutto viene da lì. Quella genuina spinta – tra irriverenza, dissacrazione e ingenuità – dell’adolescenza pop-rock europea che, poi, avrebbe tentato l’esame di maturità crescendo tra psichedelia, contaminazioni e mellotron verso gli anni Settanta. Anche qua da noi perché, al di là degli esercizi calligrafici a colpi di cover, non ci sarebbe stata la Premiata Forneria Marconi senza I Quelli; le Orme di Ad Gloriam sono l’embrione di quelle di Collage, così come i New Trolls avveniristici nel ‘68 con Visioni e Sensazioni, diventano nel ’71 ulteriormente innovatori con il Concerto Grosso.

Ma beat significa anche un vibratile sottobosco di ragazzi armati di chitarra, basso e batteria – a volte arrivava anche un organo… - sempre combattuti tra la sicurezza del modello britannico e l’esigenza di sperimentare una via autonoma, personale, italiana, magari senza arrivare all’agognata incisione, bensì limitandosi a flebili camei in qualche festival locale.
Marino e il suo da anni raccoglie e cataloga nel proprio immenso archivio dischi, fotografie, cartoline, registrazioni, libri, riviste, figurine, spartiti, interviste, spille e tutto quanto ha a che fare con i complessi e i cantanti beat tra 1962 e 1971.

L’ultimo sforzo di questa agguerrita compagine è la prima uscita editoriale autoprodotta, per la neonata collana I Libri della Beat Boutique 67. Il volume in questione si intitola BEATi voi! e si presenta come una sostanziosa e sostanziale raccolta di interviste a protagonisti, gregari e carneadi dei Sixties made in Italy. Si toccano le radici del movimento con Maurizio Vandelli dell’Equipe 84, Enrico Maria Papes dei Giganti, Donatello e Livio Macchia dei Camaleonti, ma si scava anche nell’insospettabile e inevitabile passato beat di futuri progster (Pino Sinnone dei Trip, Franz Dondi dell’Acqua Fragile, Franco Fabbri degli Stormy Six), jazzisti (James Senese dei Napoli Centrale) e melodici (Drupi al secolo Giampiero Anelli delle Calamite e dei Frenetici). E poi curiosità a non finire come le avventure musicali di Mario Pasotti (sì, il papà dell’attore Giorgio) o il coinvolgente racconto di uno dei capostipiti del genere in Sardegna, Lucio Salis (che molti di voi ricorderanno però nella veste di comico al Drive In…capitto mi hai?).

Ad arricchire il testo, una serie di fotografie piuttosto rare estratte dal forziere del CSBI. La veste è piuttosto spartana, ma la passione è palpabile pagine dopo pagina. Peccato quei caratteri troppo piccoli...
Marino si definisce soprattutto un “tenace storico-appassionato che ha tanta voglia di ricatturare e conservare più a lungo possibile suoni, immagini e pensieri di quel decennio”. Ci si augura di tutto cuore che BEATi voi sia il primo passo verso una pubblicazione ancora più ampia, capace di raccogliere, oltre alle preziose testimonianze (che possono solo aumentare), anche un apparato critico e “filologico” inerente alla produzione discografica. La prima pietra è stata messa, ora si tratta di continuare. Per maggiori infromazioni, scrivere a allllessio@tiscali.it

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

L'ape Maia Le olimpiadi di miele Di Alexs Stadermann, Noel Cleary Animazione Australia, Germania, 2018 Guarda la scheda del film