Concerti Genova Martedì 13 novembre 2007

Un cofanetto per i 35 anni della PFM

© www.pfmpfm.it - Fotogiunta
Viviamo giorni di celebration, almeno per quanto concerne la febbrile attività della . Era solo un anno fa, quando deliziarono e stupirono appassionati di rock (e non) con i loro , quintessenza sincretica di musica e cinema, quindi un bel tour in lungo e in largo per la penisola, macinando chilometri e idee sonore (perché il moto “compositivo” non si ferma mai).
Ma questo 2007 urla 35. Ebbene sì, il risultato della diligente sottrazione fa 1972, anno d’oro del progressive italiano. Di lì partì la carriera a 33 giri della band milanese: Storia di un minuto con il gemello Per un amico. Poi fu la volta dell’incontro inglese con Lake, Sinfield e altri amici crimsoniani, la produzione per gli album “stranieri” targati Manticore (Photos of Ghosts e The World Became the World), in mezzo a L’isola di niente. L’indimenticabile tour americano immortalato in Live in USA, quindi Chocolate Kings; la svolta del dopoprog tra jazzrock e suggestione etnica (Jet Lag e Passpartù) sino all’illuminante incontro con De André alla fine dei ‘70s.
Gli anni Ottanta sanno di canzone rock metropolitana (Suonare suonare, Come ti va in riva alla città e Miss Baker), ma i Novanta riportano in auge la sensibilità concept di qualche lustro prima (Ulisse). Da Serendipity (2000) ad oggi è storia recente.

Sarà, ma ha fatto bene la Sony, lo scorso mese, ad “inventarsi” un cofanetto di 3 CD (40 brani) che racconta le vicende in studio e live della PFM, attraverso un’antologia di brani rimasterizzati ( ).
Il 26 ottobre, un graditissimo bis, questa volta da Ricordi: la ristampa (rimixata), sempre in cofanetto, di .
Ormai, questioni di giorni ed è festa. Il Celebration Day (14 novembre al Rolling Stone di Milano) quest’anno si carica di un significato assai particolare. Certo, il numero quasi tondo fa il suo effetto, però la band ha sentito l’esigenza di ripercorrere a ritroso le radici più lontane, quando il complesso si chiamava I Quelli. Ricordate? Com’era moda, in piena epoca beat riproponevano cover straniere in italiano (Nice, Traffic, Hollies, Turtles, Aphrodite’s Child e la celeberrima È una bambolina che fa no,no,no… di Michel Polnareff). Per un breve periodo, il loro cantante era un ragazzo, originario di Taranto, che tentava la via del cabaret al Derby, Teo Teocoli.

Per una sera I Quelli si riformeranno e apriranno il Celebration Day. Sul palco, oltre ai PFM Franz Di Cioccio e Franco Mussida, Giorgio “Fico” Piazza (che fu anche primo bassista della Premiata), Alberto Radius, Pino Favaloro e Teo Teocoli. Appoggio esterno alle tastiere di Gianluca Tagliavini. Special guest Roy Paci.

Che aggiungere? Questi ragazzi non si perdono d’animo e si stanno già preparando alla nuova fatica: PFM in Classic con tanto di orchestra sinfonica diretta da Oliviero Lacagnina (già con i Latte e Miele). Staremo a vedere, anzi, a sentire…

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

The predator Di Shane Black Azione, Avventura, Horror, Fantascienza U.S.A., 2018 Dai confini dello spazio inesplorato, la caccia arriva nelle strade di una piccola città nella terrificante reinvenzione della serie di Predator nel progetto registico di Shane Black. Geneticamente modificati, attraverso la combinazione dei DNA di specie... Guarda la scheda del film