Concerti Genova Martedì 23 ottobre 2007

Cantare Lucio Battisti nel 2007

Genova - Battisti è prog o no? Domanda stramba, per chi la legge fuori dalla nicchia. Invece, per gli appassionati del genere (nella variante italiana), è diventato una sorta di dilemma quintessenziale, fra detrattori e fanatici. Battisti è un artista che divide, così come la sua produzione, per nulla banale, capace di suscitare ampie e aspre discussioni oltre le bionde trecce, gli occhi azzurri e poi­.
Battisti è stato uno che ha rotto con la modulistica prestampata della canzone leggera. Gli è scappata anche qualche canzonetta, ma al passo con un percorso originale e, sino al 1980, nobilitato dal sodalizio con Mogol. Ce ne sarebbe da scrivere; anzi se ne è già scritto abbastanza.

Oltre il mito, la storia di un musicista non pago di determinati limiti, in linea, se vogliamo, con chi non si accontenta più di strofa-ritornello-strofa e tenta di esplorare altri lidi. Il ragazzo, alla fine degli anni Sessanta, frequenta le persone giuste: alcuni coetanei, che lo accompagnano in sala d'incisione, con il nuovo decennio formeranno la Premiata Forneria Marconi. Non solo: pensa parecchio all'appendice rock della Formula Tre di Radius & C. (una volta esauritosi l'appoggio beat di Equipe 84 e Dik Dik). Con Mogol si inventa la Numero Uno, scuderia per artisti emergenti (Acqua Fragile, Flora Fauna e Cemento, Oscar Prudente, Il Volo, Ivan Graziani, Tony Esposito, il primissimo Mango oltre a PFM e Formula Tre).
Poi ci sono album che avvalorano la tesi progressive: pensiamo ad Amore e non amore (1971) con ben 4 brani strumentali e suonato dalla futura PFM o ad Anima Latina (1974) con session del calibro di Tavolazzi (Area), dei genovesi Callero e Loprevite (provenienti dal Duello Madre) e Maioli (Aktuala).

Primavera 2007. Una band che nasce per cantare Battisti ed inciderlo. Sono i Samsara, supergruppo formato da Aldo Tagliapietra (Orme), Beppe Leoncini (Steve Rogers Band), Claudio Budella (Bambini Cattivi) e Christian Pugliese (Rockesteria). Il CD (Il nostro canto libero - ) è fresco in tutti i sensi, sia per la recente uscita (settembre), sia per l'entusiastica rilettura di 14 classici inossidabili. La voce del bassista delle Orme trasmette con efficacia la forza evocativa di hit come Il vento e Il mio canto libero, mentre quella di Pugliese si adatta meglio alle coordinate rock. Suggestivo il medley acustico I giardini di marzo/La luce dell'Est/Non è Francesca. Distorsioni hard di chitarra e decise marcature ritmiche riconsegnano al nuovo millennio - e senza invasioni di campo - un felicissimo ruolino di song (7.40, Fiori rosa fiori di pesco, Il tempo di morire, Penso a te, 10 ragazze, 29 settembre, Pensieri e parole e Con il nastro rosa). Da segnalare anche una curiosa versione strumentale di Io vivrò (senza te).

Proprio perché prodotto da un'etichetta attenta alla qualità di progetti musicali alternativi, Il nostro canto libero è un lavoro dal piacevole gusto antologico, quindi non l'ennesimo caso di rigetto nostalgico ma, semmai, un'ulteriore ricerca interpretativa da parte di musicisti, che Battisti ha voluto fare incontrare, nonostante le disparate esperienze dei singoli componenti. E tutto questo sa molto di prog.

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Lo sguardo di Orson Welles Di Mark Cousins Documentario 2018 What's in the box? Cosa c'è nella scatola? si chiede Mark Cousins cineasta e studioso di cinema, già autore della sua nota (e preziosissima) rilettura personale della storia del cinema in The Story of Film (2011). Grazie all'accesso... Guarda la scheda del film