Concerti Genova Mercoledì 10 ottobre 2007

Pezzali: «le mie vasche in via Venti»

Ne è passato di tempo da quando Max Pezzali cantava Sei un mito e Mauro Repetto, al suo fianco, si dimenava per tutto il palco. Gli anni, però, non hanno scalfito la popolarità di Max: adesso che ha intrapreso una fortunata carriera da solista, ogni sua uscita discografica è un successo annunciato. E Time out, pubblicato lo scorso maggio - primo album di inediti dal 2004 - non ha deluso le attese, trascinato dai singoli Torno subito e, nelle ultime settimane, Sei fantastica.
Dopo un'estate in cui, escludendo gli innumerevoli passaggi radiofonici, lo si è sentito solo al Festivalbar, adesso il ragazzo di Pavia è pronto a gettarsi nuovamente nell'atmosfera frenetica del tour. Venerdì 12 ottobre, infatti, parte da Milano una nuova serie di concerti che, tra le prime date, vedrà anche quella genovese, venerdì 26 ottobre al Vaillant Palace.

Lo contatto telefonicamente per farmi spiegare qualcosa di più sul nuovo tour, ma mentre digito i numeri sulla tastiera, noto che i primi tre sono otto, otto e tre (883...!) e glielo faccio subito notare: «Non è un caso...», mi risponde lui.
Poi mi parla delle sue prossime esibizioni dal vivo: «Insieme a me ci saranno altri otto musicisti. Ieri sera abbiamo fatto una data zero a Sarnano, nelle Marche: una sorta di prova da cui, in realtà, è già emersa l'identità del tour», e continua: «il grosso di ogni concerto sarà basato sulla produzione del passato e, su una trentina di canzoni in scaletta, solo sei o sette saranno prese da Time out». Un'occasione, quindi, per i giovanissimi di scoprire i vecchi successi degli 883; per i trentenni, invece, di ascoltare dal vivo la colonna sonora della loro adolescenza: da Hanno ucciso l'Uomo Ragno a Come mai, da La regola dell'amico a Gli anni. «Perché questo è il significato di un tour», spiega Max, «non solo la promozione del disco appena uscito, ma anche il rispetto verso un pubblico spesso legato alle canzoni del passato».

Un pubblico che, negli anni, è rimasto fedele a Max e alla sua musica: digitando l'indirizzo della , leggo moltissime dichiarazioni dei fan, messaggi d'affetto e commenti tipo Le tue canzoni raccontano la mia vita, Con la tua musica sono cresciuta e, addirittura, Sei il mio psicologo.
Sorride, Max, soprattutto quando gli cito quest'ultima frase: «Io non faccio altro che cantare la mia vita di tutti i giorni», mi confessa con modestia, «sia ieri che oggi racconto il mio presente, storie di vita vissuta da cui si può trarre un minimo di legge generale».

L'ultima esibizione di Max Pezzali a Genova risale ormai a due anni fa: era il 4 novembre 2005 quando salì sul palco dell'allora Mazda Palace. «È una struttura straordinaria dal punto di vista acustico, dove è davvero bello suonare», ricorda. Ma i legami con Genova non si esauriscono con la rievocazione di quella serata: «Per i giovani di Pavia, i due punti di riferimento sono Milano e Genova. Diverse volte, da ragazzino, mi è capitato di farci una scappata con gli amici: ho molti ricordi personali legati a Genova, per esempio mi vengono in mente le interminabili vasche in via Venti, oppure una sera in compagnia del genoano Mauro Repetto, in cui mi ritrovai a Marassi per vedere Sampdoria - Olimpiakos».

Ma Max è sempre stato «una persona di pianura», come lui stesso si definisce, tanto che in una delle sue ultime canzoni, I filosofi, dice: "Non mi è mai piaciuto stare in spiaggia / a guardare il mare guardare il mare / chissà perché mi sembrava di sprecare il tempo". Sono versi che mi incuriosiscono, e mi faccio spiegare: «Il mare mi è sempre piaciuto osservarlo da lontano, dall'entroterra. E in realtà non lo considero affatto tempo buttato via, ma un modo per gustare il sapore di ogni singolo attimo».
E proprio questo, in fondo, è un riassunto del Pezzali-pensiero, lo stesso che traspare da ogni sua canzone: «mai voltarsi indietro con malinconia, ma godere il tempo presente, perché è l'unico che può davvero portare a un cambiamento».

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Darkest Minds Di Jennifer Yuh Nelson Fantascienza U.S.A., 2018 Dopo che una malattia sconosciuta ha ucciso il 98% dei bambini, il 2% dei sopravvissuti sviluppa misteriosamente dei superpoteri. Proprio a causa delle loro straordinarie abilità, i ragazzi vengono dichiarati una minaccia dal governo e rinchiusi in campi... Guarda la scheda del film