Concerti Genova Martedì 10 luglio 2007

Nuovo 'Concerto Grosso' per i New Trolls

La saltellante frase di violino che avvia l’Ouverture è già un’ironica domanda: dove eravamo rimasti? Verrebbe facile rispondere al 1976. Scontato, perché di anni ne sono passati oltre trenta da quel Concerto Grosso n. 2. I ripartono da quello schema senza richiamare fasti passati ma, semmai, raccogliendo idee maturate con intelligenza e oggi, finalmente, elargibili al grande pubblico.
Ad essere precisi, la forma non è quella del concerto grosso barocco a cui siamo abituati; The Seven Seasons ( / – 2007) ha una scansione che potrebbe ricordare quella dell’antica suite di danze, se non fosse per le indicazioni "classiche" dei movimenti. Nodo portante la contaminazione tra musica colta e rock per le parti strumentali, sorretta da un portato melodico di canzoni strutturate secondo un (det)taglio raffinato e curato nei minimi particolari.

Se le radici dei New Trolls si collocano tra Senza orario senza bandiera e il primo concerto grosso (con gemme da Searching for a Land al Concerto Grosso n. 2), The Seven Seasons risulta l’evoluzione naturale (e attuale) del gruppo che fu, nella duplice sostanziale anima De Scalzi-Di Palo. Verrebbe da dire, un fiume in piena spinto all’autocitazione. Gli appassionati, di certo, stanno gareggiando con il gioco dei richiami. In realtà tale esercizio non giova ad una seria analisi. Quel discorso interrotto, ormai, da una serie di decenni, ora è ripartito ed è inevitabile che la lingua parlata non sia mutata, ma si serva, addirittura, di un vocabolario più ampio.

D’altra parte sarebbe assai limitante circoscrivere questo lavoro entro etichette di comodo, progressive compreso. Il concerto grosso, nell’accezione del ’71, ovvero il confronto, scontro e dialogo tra orchestra sinfonica e rock band, permane in alcune tracce paradigmatiche (The Knowledge, lo Scherzo haydniano Future Joy, Barocco’n Roll, ampi tratti della suite Simply Angels).
I New Trolls, poi, arrivano a lambire addirittura contorni da colonna sonora nella suggestiva The Seventh Season (introdotta dalla cadenza di violoncello) e nella morriconiana One Magic Night, brano arricchito dalla complessità degli impasti vocali (il trasporto di Vittorio De Scalzi, il sostegno del coro guidato da Nico Di Palo e l’intervento lirico della soprano che getta luci pucciniane).

Le sezioni più lente – quelle condotte verso gradazioni tra l’Adagio e il Larghetto – ampliano, invece, percorsi tematici di notevole caratura: Intro and Canone nasce da un preludio di chitarra classica capace di articolarsi in un momento corale, che dà il La all’andante Testament of Time, pagina dalle forti rifrazioni barocche. Nella ballad Dance with the Rain (anche in italiano come So che ci sei) lo scambio tra vocalità corale e variabilità timbrica, si intersecano felicemente con efficaci interventi di flauto traverso; ad effetto il pathos calcolato di To Love the Land, opportuna variazione sull’Adagio del Concerto Grosso n. 1.

Cambi di tempo, trame pianistiche e preziosismi di natura corale regolano il rondò di The Ray of White Light: si risentono quelle voci, reduci da Le Roi Soleil ma anche dalla dimenticata (ingiustamente) Dancing. Vittorio De Scalzi si prodiga in un’introduzione pianistica (The Season of Hope) dalle mosse impressionistiche presto mutate dall’incedere altalenante di un infuriato tempo dispari. La cellula portante di questa composizione diventa tessuto connettivo per orchestra e gruppo in Simply Angels: interventi solisti (Maddalone e la sua elettrica in primis), un interludio lento dalle sonorità piuttosto attuali (avete presente le ultime cose di Sting?) e una ripresa di The Seasons of Hope generano un quadro accattivante dalle numerose sorprese musicali.

Con i New Trolls suona la The White Light Orchestra diretta dal violoncellista genovese ; i testi in inglese sono di , produzione di e . Certo, i New Trolls non provengono dal nulla, ma ciò che riempie di gioia è che siano tornati. E non potevano farlo meglio con un’opera di alta qualità. Per di più dedicata a chi scovò l’idea del Concerto Grosso (e non solo). Quel Sergio Bardotti che ci ha lasciato lo scorso aprile...

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

L'ape Maia Le olimpiadi di miele Di Alexs Stadermann, Noel Cleary Animazione Australia, Germania, 2018 Guarda la scheda del film