Concerti Genova Mercoledì 27 dicembre 2006

Mozart va al cinema

Leggi le altre notizie di C'era una volta il rock, a cura del CSPI, su mentelocale.it

Genova - 2006: 250° della nascita di Mozart. E questo (già) lo sapevamo. Una marea di iniziative di ogni tipo: editori, promotori, organizzatori, musicanti e musicisti, cineasti e cinofili, teatranti e melomani. Tutti a correre, in lungo e in largo, per l’orbe terracqueo spinti dal (o dietro al) fantasma di Amadeus. Sommersi all’inverosimile dallo tsunami di carta, CD, DVD e programmazioni, tanto da trovare “dolce” il “naufragar” in queste acque.

Mozart e il cinema, o meglio, Mozart al cinema, nascosto, come anonimo spettatore in sala, tra le pieghe sonore rilasciate come tracce nell’ordito narrativo di una (una? Più di cento…) sceneggiatura. Si presta, quella musica, ne ha gli ingredienti prioritari: la capacità di attirare lo spettatore che, rilasciato nel proprio “doppio” l’ascoltatore in sé, si emoziona nel magma di sensazioni visive e uditive.

Mozart in vita (e postmortem) a Vienna. Venti dimore e racconti di Storia e di storie, oggi, talune, abbandonate alla quotidianità di un Megastore o di ristorante etnico. “Quotidianità” potrebbe fare rima con “banalità”, ma sarebbe troppo semplice. La vita scorre ad altre e alte velocità: tra clienti non ci si preoccupa di chi fu quello spazio, ora occupato da un esercizio commerciale. Càpita ma non tutti l’hanno capìta.

È utopia la sintesi tra “categorie” così lontane? Non di certo per il musicista e musicologo Francesco Leprino (negli anni Settanta, quelli del progressive, uno dei primi a smanettare con la musica elettronica in Italia) che, con il suo delizioso video-documentario In casa mia v’aspetto! Mozart a Vienna (prod. Al Gran Sole, Milano, 2005), ci porta a zonzo per Vienna. Scorrendo e scorgendo le varie dimore del nostro, Leprino tratteggia una particolarissima biografia, contrappuntandola ad effetto con citazioni di film che hanno utilizzato commenti musicali mozartiani.
Un lavoro di magistrale finitura e di raffinata creatività: Leprino fa parlare Mozart attraverso la corrispondenza privata, ne mette in luce quell’umanità simbiotica al genio, senza eccessi e prevedibili sempli-amplificazioni romanzesche o romanzate. Un’operazione anche di attenta ricostruzione filologica.

Ma questo non basta: la voce fuori campo del fantasma, dà corpo alle immagini del film che, grazie al link della partitura, crea letteralmente una nuova pellicola, in apparenza cresciuta sull’accordo dei contrari.
Mozart in crisi con chi sta in alto, si trova in compagnia con uno svagato (e osservato: sempre dall’alto) Jim Carrey in Truman Show sulle note del Rondò alla Turca della sonata K. 331. Mai maggior sentore di morte si potrebbe avvertire fondendo le parole di Amadeus con il finale di Teorema di Pasolini: osserviamo Massimo Girotti procedere verso la fine, accompagnato dal Requiem, e vediamo Mozart. Così come la scena della crocifissione di Cristo ne Il Vangelo Secondo Matteo, innalzata all’ennesima emozione grazie alla sconvolgente Musica funebre massonica K. 477.
E così per La mia Africa di Pollack, Saranno famosi di Parker, PerdutoAmor di Battiato, La vita è bella di Benigni, Due sotto il divano di Neame (e reso famoso dal duo Glenda Jackson-Walter Matthau), Alien di Scott, Gli inesorabili di John Huston, Io ballo da sola di Bertolucci, Intrigo internazionale di Hitchcock e potremmo continuare…

Un’opera ricca, densa, per nulla erudita ma dotata di sana vivacità intertestuale. Il bello di In casa mia v’aspetto! risiede proprio nella semplicità dell’impostazione volta a coinvolgere lo spettatore: novanta minuti in volata continua, leggeri e, al tempo stesso, profondi. Proprio come Mozart (ha insegnato).

Per info
www.gransole.net

Potrebbe interessarti anche: , Covo di Nord-Est, crowdfunding per riaprire dopo la mareggiata: «Entro Pasqua» , Faber Nostrum, il disco-tributo a Fabrizio De Andrè: gli artisti e quando esce , Corsi di tango argentino con la Scuola Ciitango444: si balla tra emozioni e movimento , La Voce e il tempo: il programma dei concerti di marzo 2019 , C'è da fare: canzone per Genova di Paolo Kessisoglu con 25 artisti, da Giorgia a Morandi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Il professore e il pazzo Di P.B. Shemran Drammatico 2019 Dopo anni di stallo, nel 1879, la grande impresa di redazione dell'Oxford English Dictionary, trovò nuova linfa, e vide più tardi la luce della pubblicazione, grazie al lavoro infaticabile del professor James Murray e dei volontari di tutto... Guarda la scheda del film