Cinema Genova Giovedì 27 luglio 2006

Giorgio Caproni: un film per celebrare il centenario dalla nascita

Giovedì 19 gennaio alle ore 20.30 presso il cinema Sivori (salita Santa Caterina 12) avrà luogo la proiezione del film Statale 45. Io, Giorgio Caproni, alla presenza del regista Fabrizio Lo Presti.

Il film verrà proiettato in occasione del centenario dalla nascita del poeta Giorgio Caproni.

Vi riproponiamo un'intervista a Fabrizio Lo Presti, che è stata realizzata nel 2006 durante le riprese del film.

Genova - Tutto è iniziato con un concorso. Il Premio Provincia di Genova 2006 è la manifestazione dedicata alle opere inedite e innovative realizzate in Dvd da giovani artisti per valorizzare la storia, la cultura e le tradizioni della città e della sua provincia.
Fabrizio Lo Presti, 34 anni vissuti fra teatro e televisione, ha ottenuto una menzione speciale per il suo corto "Giorgio Caproni. Frammenti di vita in Val Trebbia". Il documentario è passato poi sotto lo sguardo esperto di e Cristiano Palozzi, direttori artistici del , che l'hanno proiettato nel corso dell'ultima rassegna. «Il corto è piaciuto un po' a tutti», spiega Fabrizio, «i giudizi positivi dei parenti e degli amici di Caproni - tra i quali spicca la figura del poeta Attilio Bertolucci - mi hanno spronato a non abbandonare il progetto».
Tanto che oggi il cortometraggio diventerà un film vero e proprio. «Grazie al sostegno del vicepresidente della Comunità Montana Alta Val Trebbia Federico Marengo, che ha finanziato parte del film, sabato 29 e domenica 30 luglio termineremo le riprese a Montebruno, splendido borgo situato nell'Alta Val Trebbia».

L'amore di Fabrizio per la letteratura e per la figura di Giorgio Caproni è nato molti anni fa: «trascorro in Val Trebbia le mie vacanze da molto tempo». In quei luoghi il poeta ha conosciuto sua moglie, Rina Rettagliata, e lì è sepolto accanto a lei. Ha insegnato e combattuto con la Resistenza a Rovegno. A Loco, infine, Caproni trascorreva le sue vacanze estive.
«Sono molto legato a quei luoghi», spiega ancora Fabrizio, «dalla chiesa di Garbarino, dove il poeta e Rina hanno cercato di baciarsi per la prima volta, fino al castagno secolare sotto i cui rami ho trascorso molti pomeriggi e dove, anni prima, Caproni scrisse Ricordo, la poesia dedicata alla moglie».
Il film è stato girato nei luoghi più amati dal poeta: «ho messo a fuoco il periodo che va dal 1935 - anno in cui Caproni giunse in Val Trebbia - fino alla fine della Guerra: l'incontro con Rina, la lotta partigiana e il Premio Viareggio, conquistato con le Stanze della funicolare».

Alla fiction si affianca anche un lavoro documentaristico: «ho studiato la figura di Caproni per circa un anno, ed ho intervistato gli amici e i familiari del poeta. Ho voluto cogliere l'anima di Caproni, un uomo malinconico ma vivo, dalla vita avventurosa».
Anche i mezzi utilizzati per il film sono quelli tipici dell'epoca: «una Balilla, una corriera del '35, un sidecar». La scena che concluderà le riprese si svolge all'interno di un mercato: Giorgio Caproni (interpretato da Fabrizio stesso) e Rina Rettagliata (Manuela Castagnola) devono raggiungere il paese di Fontanigorda per una serata di balli scatenati: «la scena è molto viva. Sul set ci saranno 30 comparse, che ho scelto tra gli abitanti del luogo». E Montebruno ha accolto con gioia l'arrivo delle cineprese: «tutti, e in particolare i membri della Comunità Montana, si sono dati da fare». Nel cast, anche Mauro Pirovano nei panni di un capo partigiano.

Fabrizio, alla sua prima esperienza come regista cinematografico, ha abbandonato momentaneamente il teatro per dedicarsi anima e corpo al suo progetto: «da tempo sentivo la necessità e l'urgenza di raccontare questa storia. Ma il teatro resta sempre il mio primo amore: prossimamente sarà coinvolto in uno spettacolo a cura del Teatro Stabile di Grosseto». In tv, invece, riprenderanno a settembre gli sketch - targati Marcello Cesena - di Sensualità a corte, in onda su Italia Uno nel Mai dire lunedì della Gialappa's Band. Ricordate le avventure del baronetto Jean Claude? Fabrizio interpreta Batman, anche se con quei baffoni è davvero irriconoscibile. Continua anche il divertente Don Babbeo.

L'estate di Fabrizio, però, sarà tutta dedicata al cinema: «a fine agosto inizierà il montaggio del film, che ad ottobre uscirà nelle sale». Intanto l'attore pensa al suo nuovo progetto poetico: «ho raccontato la vita di un poeta che, pur avendo vissuto per molti anni lontano da Genova, l'ha definita la sua vera città. Il mio prossimo film sarà incentrato sulla figura di Eugenio Montale. D'altra parte io abito ad Oregina, a pochi passi da quelle che furono le abitazioni di Caproni e dello stesso Montale». Sarà solo un caso?

Potrebbe interessarti anche: , Genova, bus gratis con il biglietto del cinema: le sale aderenti , Il cinema ritrovato, proiezione di film immortali: il programma da Bergman a Hitchcock , In Italia l'Ocean Film Festival World Tour 2018: i migliori film sul mondo del mare e degli oceani , Jennifer Aniston e Adam Sandler a Santa Magherita Ligure: si gira Murder Mystery , Il fantasy arriva a Genova con Game of Kings, la serie tv girata in Liguria

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Mathera Di Francesco Invernizzi Documentario Italia, 2018 Mathera è un film documentario dedicato alla Capitale della Cultura 2019. Voci autorevoli del mondo della storia dell’arte e dell’architettura si alternano alle testimonianze di chi ha scelto di vivere nei Sassi o di lavorarci. Ne emerge un quadro... Guarda la scheda del film