Genova Domenica 23 ottobre 2005

Il Centro di Solidarietà di Genova

Genova - La responsabilità, il rispetto di sé e dell’altro, la non violenza, l’onestà. Questi sono alcuni dei valori che stanno alla base del Progetto Uomo, portato avanti dal , che dal 1973 si occupa del grave problema dell’emarginazione giovanile, con particolare attenzione al recupero e al reinserimento dei tossicodipendenti.

Il progetto che il Centro porta avanti in città si è adattato alla situazione e alla realtà sociale genovesi. È infatti necessario che il tossicodipendente riesca a reintegrarsi nella propria famiglia ma anche nell’ambiente lavorativo e culturale da cui proviene. Per ogni individuo, insomma, è necessario intraprendere una strada di guarigione differente. Un percorso che ha un inizio e una fine, in seguito alla quale la persona lascia il Centro per continuare la propria vita in maniera autonoma e indipendente.

Gli interventi terapeutici sono di svariati tipi: «abbiamo una casa per i malati di Aids, un servizio di prevenzione e un centro di accoglienza», spiega Ramon Fresta, coordinatore del Centro, «e da alcuni anni sono attivi i nostri servizi nelle scuole: un'equipe formata anche da insegnanti organizza dei gruppi di ascolto nei quali si discute di disagio e di problemi come quello dei disordini alimentari. Si parla alle classi, ma ci si dedica anche alla singola persona, fornendo informazioni agli insegnanti».
Ad oggi, sono oltre 500 i giovani che, nel Centro, hanno portato a termine il programma riabilitativo e sono tornati a vivere. Oltre a questi, circa 200 persone, che non hanno concluso il percorso, si sono comunque reinserite nella società.
Il Centro di Solidarietà di Genova organizza, venerdì 28 ottobre 2005 a Palazzo San Giorgio (via della Mercanzia 2, Sala del Capitano), Doppia Diagnosi e Comunità Terapeutica, un convegno nazionale sulla comorbilità psichiatrica cui parteciperanno esperti di livello locale e nazionale. «In passato avevamo già organizzato incontri importanti a Genova, tra i quali un convegno internazionale e un workshop. E a Palazzo Ducale abbiamo festeggiato l'anno scorso i risultati ottenuti dalla nostra attività».
L'incontro di venerdì permetterà di confrontare i dati del Centro con quelli degli esperti, ottenendo una panoramica a livello regionale.

Oggi si parla molto del problema della cocaina e del grande uso che ne fanno i giovani. Quale è la situazione in Liguria? «È preoccupante, come del resto è in tutta Italia», risponde Fresta, «una droga che dà euforia, rende brillanti e che in genere non si assume con una siringa fa sentire più "pulito" chi la assume. Oggi è molto diffusa la poliassunzione: cocaina, anfetamine, alcool ed eroina tutte insieme. E a drogarsi si inizia a 16 anni...».
Dunque il Centro ha bisogno di un numero maggiore di volontari: «le attività organizzate dai volontari sono molte: dal cineforum ai corsi di recupero scolastico, che permette a molti dei nostri assistiti di diplomarsi: per far tutto bisogna essere in tanti».

Vuoi aiutare il Centro di Solidarietà di Genova? Clicca

Per informazioni:

via Asilo Garbarino 6b-9b
16126 Genova

Tel: 010 254601
Fax: 010 25460202


Per informazioni sulle associazioni di volontariato di Genova contattate il al numero 010 5956815.

Potrebbe interessarti anche: , Associazione San Marcellino: dall'accoglienza ai laboratori, per ritrovare il gusto della vita , Premio per esperienze innovative di partnership sociali 2017 al progetto Smart Home , Il mago dei bambini speciali: una fiaba per parlare di disabilità , 150 anni di Azione Cattolica Diocesana: una veglia per festeggiare , Mondo in pace 2017 a Palazzo Ducale: il programma

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Un viaggio a quattro zampe Di Charles Martin Smith Avventura U.S.A., 2019 L’avventura di Bella, un cane che intraprende un epico viaggio lungo 400 miglia per ricongiungersi con il suo amato padrone. Guarda la scheda del film