Aeroporto Pisa: cancellazione voli, elenco Paesi e rimborso biglietti. Le info per viaggiare in aereo - Firenze

Aeroporto Pisa: cancellazione voli, elenco Paesi e rimborso biglietti. Le info per viaggiare in aereo

Attualità Firenze Mercoledì 11 marzo 2020

© facebook.com/psa.airport

Firenze - Sono giornate difficili per chi è abituato a viaggiare molto. Lo sanno bene le sale d'attesa deserte degli aeroporti, solitamente pullulanti di passeggeri in partenza. Ma l'aeroporto non è soltanto un punto da cui partire, è anche un luogo d'arrivo. Tanti infatti gli italiani all'estero per motivi di studio o lavoro che in queste ore si apprestano a tornare in Italia, pur nel rispetto del decreto Io sto a casa che dispone di limitare al minimo gli spostamenti ma che permette in ogni caso il ritorno al proprio domicilio o residenza. Fra gli scali italiani, anche l'Aeroporto di Pisa si trova ad affrontare l'emergenza Coronavirus: ma chi deve partire (o arrivare) come si può spostare? Si può prendere l'aereo? Sì, ma non per viaggi di turismo. Lo scalo Galileo Galilei di Pisa è in questi giorni regolarmente aperto, con qualche disposizione in più del solito. In continuo aggiornamento l'elenco di Paesi che hanno sospeso i voli da/per l'Italia per l'emergenza diffusione Coronavirus, consultabile sul sito dedicato della Farnesina.

Primo punto da tenere a mente: l'autocertificazione che ci permette di spostarci (qui il modulo) per motivi di lavoro, esigenze sanitarie o familiari e situazioni di necessità. Il documento dovrà essere esibito dai passeggeri in arrivo e in partenza ai controlli di polizia attivi per decreto dal 10 marzo in tutti gli aeroporti d'Italia (ricordiamo che l'inosservanza del provvedimento può far scattare l’arresto fino a tre mesi e l’ammenda fino a 206 euro). Anche nell'Aeroporto di Pisa verranno bisogna osservare inoltre speciali misure di comportamento, nell'interesse della salute pubblica. I passeggeri dovranno rispettare il divieto di assembramenti e contatti ravvicinati, mantenendo la canonica distanza di almeno un metro gli uni dagli altri; si raccomanda sempre di tossire o starnutire coprendosi la bocca con fazzolettini o con l’interno dell’avambraccio.

Un'altra questione spinosa riguarda il rimborso di biglietti per i voli cancellati. La richiesta di rimborso/reclamo va in prima istanza rivolta alla compagnia aerea che ha emesso il biglietto (rivolgersi alle agenzie di viaggio/tour operator nel caso di gite scolastiche, sospese insieme a tutte le attività didattiche). Nel caso di pratiche commerciali scorrette attuate dal vettore nella procedura di rimborso l'invito è quello di rivolgersi all'AGCM – Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Qualora il rimborso venisse negato e ciò comportasse una infrazione al Reg (CE) 261/04 (ad esempio il mancato rimborso per la cancellazione di un volo) si potrà inviare, trascorse sei settimane dalla presentazione della richiesta al vettore, un reclamo ad ENAC seguendo la procedura indicata nei Diritti dei passeggeri; il reclamo avvierà in ogni caso gli accertamenti dell'Ente ai soli fini sanzionatori nei confronti del vettore.

Ulteriori disposizioni sui rimborsi dei biglietti per voli cancellati sono poi fornite dall'ENAC. Le misure sono rivolte sia ai passeggeri in possesso di biglietto aereo il cui volo è cancellato, sia i passeggeri che, pur non avendo subito la cancellazione del volo, sono comunque soggetti alle restrizioni di Paesi terzi imposte nei confronti delle persone che provengono o che abbiano soggiornato in Italia negli ultimi 14 giorni e i passeggeri che per ordine delle Autorità sono soggetti a misure di contenimento dell’epidemia da Coronavirus e che quindi non possono usufruire del biglietto aereo.

Questi passeggeri hanno diritto al rimborso del prezzo del biglietto da parte del vettore. I viaggiatori non hanno in ogni caso diritto alla compensazione pecuniaria di cui all'art. 5 del Reg. numero 261 del 2004 che regola i casi di cancellazione, negato imbarco e ritardo prolungato in quanto la cancellazione del volo non è dipendente da causa imputabile al vettore. Suggeriamo, per iulteriori chiarimenti, di consultare la guida in aggiornamento su come comportarsi in caso di rinuncia al volo e rimborso biglietto di ItaliaRimborso, claim company di rimborsi aerei.

In questi giorni, Ryanair ha annunciato la sospensione di tutti i voli da e per l'Italia e sul territorio nazionale da mercoledì 11 a mercoledì 8 aprile 2020 a causa dell'emergenza legata alla diffusione del Coronavirus, e la sospensione, dalle 14 di venerdì 13 alle 24 di mercoledì 8 aprile di tutti i voli internazionali da/per l’Italia. I clienti interessati da queste cancellazioni potranno scegliere tra un rimborso completo o un credito di viaggio che potrà essere riscattato sui voli Ryanair nei prossimi 12 mesi. Per ulteriori info su voli e cancellazioni Ryanair contattare il numero 02 43458320 o l'indirizzo email di assistenza passeggeri Ryanair. Per informazioni più dettagliate sul proprio volo si consiglia ai passeggeri di contattare la propria compagnia aerea.

Scopri cosa fare oggi a Firenze consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Firenze.