Capodanno 2020 a Firenze: no ai botti e al vetro nell'area Unesco. Bus, divieti e misure di sicurezza per la notte di San SIlvestro

Capodanno 2020 a Firenze: no ai botti e al vetro nell'area Unesco. Bus, divieti e misure di sicurezza per la notte di San SIlvestro

Attualità Firenze Martedì 31 dicembre 2019

Firenze - Quest’anno il nuovo anno si attende in 20 luoghi della città in cui assistere a 20 performance. Un Capodanno per tutte le età con l’arte e la cultura come protagoniste, con musei aperti, concerti, spettacoli, attività e proposte per tutti i gusti. Una ricca programmazione vedrà la città animarsi sin dal mattino del 31 dicembre, procedendo senza sosta fino ad oltre la mezzanotte e andando avanti anche il primo dell’anno.

E per la sicurezza di tutti, il Comune di Firenze ha stabilito che la notte di Capodanno nella zona del centro storico, che rientra nella delimitazione dell'area Unesco, dalle ore 19 del 31 gennaio 2019 alle ore 3 del Primo gennaio 2020, non potranno essere esplosi botti ne essere vendute o detenute bevande in qualsivoglia contenitore di vetro (ne tantomeno i soli contenitori). 

Sono stati presi vari provvedimenti che regolamenteranno anche la circolazione e trasporto pubblico e saranno posizionati anche dei cassonetti dedicati alla plastica nei luoghi di maggior afflusso di persone. 

Di seguito il dettaglio delle disposizioni

Circolazione e trasporto pubblico

La ztl proseguirà no stop dalle 20 di martedì 31 dicembre alle 8 di mercoledì primo gennaio con le modalità del provvedimento diurno e le porte telematiche rimarranno quindi in funzione. In deroga si prevede la possibilità di transito contemporaneo anche alle seconde auto dei residenti dei settori A, B e O il cui numero di targa è riportato sul permesso cartaceo (in caso di controlli della Polizia Municipale sarà sufficiente mostrare la carta di circolazione attestante la residenza nella zona interdetta). Via libera anche ai veicoli in possesso del contrassegno per la zona sosta notturna prevista dalla disciplina ztl. Inoltre ai mezzi autorizzati settore O sarà consentito il transito dalla porta telematica di Corso Tintori per raggiungere lungarno Torrigiani sul seguente itinerario Corso Tintori-via dei Benci-Ponte alle Grazie.

Trasporto pubblico
Ataf
: sarà posticipato fino alle 2.30 del primo gennaio il servizio delle linee 1 (percorso regolare), 6 (percorso del 6B Novelli-Torregalli via Soffiano), 11(percorso Galluzzo La Gora-piazza San Marco), 14 (percorso stazione SMN-Rocca Tedalda-via Dalla Chiesa), 17 (percorso 17B Verga-Boito), 23 (Sorgane-Nuovo Pignone piazza Mattei). Le altre linee osserveranno il consueto orario.

Tramvia: a partire dalle 20.30 del 31 dicembre i tram viaggeranno no stop sulle linee T1 e T2 tutta la notte, fino alle 5 del mattino del primo gennaio, con una corsa ogni 10 minuti. Servizio garantito anche il 1 gennaio con una frequenza che, in diverse fasce orarie, sarà di un tram ogni 7-11 minuti.

Aperti e in funzione anche i parcheggi scambiatori di Villa Costanza, al capolinea della T1 Leonardo, e Guidoni, in corrispondenza della fermata omonima della T2 Vespucci. Tutte le iinfortmazioni sul sito di Ataf.

I provvedimenti nelle piazze

Come consueto sono stati predisposti numerosi provvedimenti sia per consentire il montaggio e lo smontaggio degli allestimenti sia per lo svolgimento degli eventi nelle piazze. Vediamo in dettaglio.

Piazza del Carmine-Oltrarno
Dalle 8 di martedì 31 dicembre saranno in vigore divieti di sosta in piazza del Carmine, piazza Piattellina, via Santa Monaca, Borgo Stella e via d’Ardiglione e alle 19 si aggiungeranno i divieti di transito: i provvedimenti saranno in vigore fino alle 8 del giorno successivo. Sempre dalle 19 (alle 1 del primo dell’anno) scatteranno divieti di transito al passaggio della Marching Band sull’itinerario piazza del Carmine, Borgo San Frediano, via Santo Spirito, via dei Coverelli, via del Presto di San Martino, piazza Santo Spirito, via Michelozzi, Sdrucciolo dei Pitti, via Guicciardini, Borgo San Jacopo, via dello Sprone, piazza della Passera, via Toscanella, Sdrucciolo dei Pitti, piazza Santo Spirito, via Santa Monaca, piazza del Carmine.

Piazza Poggi
Dalle 8 di lunedì 30 dicembre alle 20 del 2 gennaio in piazza Poggi saranno in vigore divieti di sosta (nell’area prospiciente agli accessi alla Porta San Niccolò). Alla stessa ora di martedì i divieti di sosta andranno a interessare anche lungarno Serristori, via San Niccolò, via Lupo, piazza Poggi e lungarno Cellini. Alle 19.30 sarà la volta dei divieti di transito in piazza Poggi (eccetto la direttrice lungarno Cellini-lungarno Serristori) mentre alle 20 si aggiungerà la chiusura totale di piazza Poggi, lungarno Serristori (tra via Lupo e piazza Poggi) e di lungarno Cellini (da piazza Poggi a via della Fornace). Previsti provvedimenti collaterali tra cui l’istituzione di senso unico in lungarno Serristori (tra via Lupo e via Monicelli verso quest’ultima), il divieto di transito con deroga per i frontisti su lungarno Serristori da piazza Ferrucci a via della Fornace.

San Lorenzo
Dalle 18 di martedì 31 dicembre fino alle 3 del primo gennaio sono previsti divieti di sosta.

Raccolta rifiuti

Sono 13 le postazioni aggiuntive per la raccolta degli imballaggi in plastica che saranno collocate da Alia Servizi Ambientali SpA in vista della notte del 31 dicembre. Obiettivo mantenere il decoro e la pulizia della città anche nell’ultima notte dell’anno, in particolar modo nelle aree dove si svolgeranno concerti ed eventi dove è previsto un maggior afflusso di persone. Le postazioni temporanee, brandizzate Capodanno 2020 Firenze Light Festival, saranno adibite alla sola raccolta degli imballaggi in plastica, bottiglie e bicchieri e verranno collocate alla Fortezza da Basso, Loggia del Grano, Loggia del Pesce, Loggia del Porcellino, Museo del Novecento, piazza del Carmine, piazza della Stazione, piazza Poggi, piazza Santa Maria Novella, piazza Santissima Annunziata, piazza San Lorenzo, piazza Signoria e Sagrato del Duomo. 

Disposizioni sull'utilizzo dei botti e delle bottiglie di vetro in area Unesco

L'Amministrazione, recependo le richieste del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica riunitosi negli scorsi giorni in prefettura,  a deciso che nella zona del centro storico che rientra nella delimitazione dell'area Unesco, dalle ore 19 del 31 gennaio 2019 alle ore 3 del primo gennaio 2020, non potranno essere esplosi botti ne essere vendute o detenute bevande in qualsivoglia contenitore di vetro (ne tantomeno i soli contenitori).

I divietI
Non si potranno vendere e somministrare «per asporto bevande di qualsiasi natura in contenitori di vetro» ma pure «detenere, anche per proprio consumo, bevande di qualsiasi natura in contenitori di vetro». É proibito poi «vendere o detenere o far esplodere artifici pirotecnici sia classificati, che di libera vendita, e qualsiasi altro materiale esplodente» e «detenere bombolette spray contenenti principi urticanti in modalità che ne consentano l’immediato utilizzo». Tutti gli esercizi pubblici che si trovano nelle zone interessate dall'ordinanza sono infine obbligati ad «esporre in maniera ben visibile» il cartello di avviso che contiene l'informativa sui divieti. 

L'area interessata
L'area interessata dai divieti è quella delimitata da viale Strozzi; piazzale Caduti dell’Egeo; viale Montelungo; viale Fratelli Rosselli; piazzale Vittorio Veneto; lungarno Vespucci; ponte Vespucci; lungarno Soderini; viale Lungo le Murate di Santa Rosa; viale Ariosto; viale Petrarca; piazzale di Porta Romana; viale dei Cipressi; viale Madonna della Pace; viale di San Leonardo; viale di Belvedere; viale dei Bastioni; lungarno Cellini; Ponte San Niccolò; lungarno Zecca Vecchia; viale Giovane Italia; piazza Beccaria; viale Gramsci; piazza Donatello; viale Matteotti; piazza della Libertà; viale Lavagnini; viale Strozzi.

Rientrano nell'area interessata anche tutte le piazze e i luoghi dove si svolgeranno gl ieventi organizzati dal Comune: piazza Poggi, piazza del Carmine, piazza Santissima Annunziata, piazza della Signoria, piazza Santa Maria Novella, piazza del Duomo, piazza San Lorenzo, piazza del Mercato Nuovo, via dei Castellani, lungarno Archibusieri e largo Oriana Fallaci (giardini della Fortezza da Basso).

Potrebbe interessarti anche: , Lago di Vagli, svuotamento nel 2021: riemerge il paese sommerso dalle acque. Dove è e qual è la sua storia , Aeroporto Pisa: cancellazione voli, elenco Paesi e rimborso biglietti. Le info per viaggiare in aereo , Firenze, il sindaco Nardella in quarantena, dopo incontro con Zingaretti

Scopri cosa fare oggi a Firenze consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Firenze.