Dove andare e cosa vedere a Firenze? Luoghi e idee per selfie con vista panorama

Outdoor Firenze Lunedì 2 dicembre 2019

Dove andare e cosa vedere a Firenze? Luoghi e idee per selfie con vista panorama

Firenze in volo
© Michele Linari
Altre foto

Firenze - «La mi mandi un selfie mentre bacia Firenze» potrebbe essere oggi la versione anni Duemila del verso «La porti un bacione a Firenze» che ha reso famosa l’omonima canzone datata anni ’30.

Il panorama di Firenze, visto dal vivo, è meta dei turisti di ogni parte del mondo, ma anche dei fiorentini e dei toscani. Si fissa nello sguardo e nel ricordo come un quadro di un pittore, un dipinto d’arte e di armonia. Quando la sua bellezza appare di fronte agli occhi, alle fotocamere, ai tablet e agli smartphone, è impossibile non scattare una foto e non farsi un selfie con gli sfondi più belli.

In volo su Firenze

E se invece del classico tour terrestre delle più visitate postazioni panoramiche volessimo tutto e subito scegliendone una veramente top? Bene, allora seguitemi verso l’Aeroporto Amerigo Vespucci perché il nostro punto di vista sarà il cielo sopra la città! L’aeroporto è raggiungibile con l’auto o con la nuova linea T2 della tramvia e poi, dopo aver prenotato qualche giorno prima, possiamo salire a bordo di uno dei piccoli aerei da turismo con i quali l’Aeroclub Luigi Gori organizza voli turistici sulla città e nei dintorni (ad esempio nel Mugello, nel Chianti o all’Isola d’Elba). I contatti per info e prenotazioni si trovano sul sito dell’Aeroclub. A bordo dei velivoli della flotta con ai comandi un pilota esperto possono salire 3 persone. A differenza delle postazioni terrestri, che sono gratuite, quella aerea ha ovviamente un costo ma ne vale davvero la pena se volete regalarvi o regalare un’esperienza unica, magari per un’occasione speciale. Pronti al decollo? Allacciamo le cinture e… lassù prima di guardare il panorama attraverso i nostri dispositivi digitali, ammiriamo semplicemente fuori e sotto di noi. Gustiamoci dal vivo quell’emozione straordinaria di volo e libertà sopra la bellezza, e solo dopo avanti tutta con video e selfie con uno degli scenari più unici al mondo. Le orbite con le virate sulla città saranno più di una e potremo chiedere al pilota di avvicinarsi ai punti che ci piacciono o ci interessano di più. Vedremo dall’alto non solo tutta Firenze a 360°, ma anche le postazioni panoramiche, sia quelle più rinomate e gettonate che quelle meno conosciute. Una volta atterrati, per consolarci dal distacco da quella meraviglia, potremo raggiungerle per completare la collezione di selfie fiorentini da ogni punto di vista.

Ma per il momento godiamoci il volo con un’anteprima dall’alto delle postazioni terrestri.

Piazzale Michelangelo

Il luogo più tradizionale, a sud est della città, la zona di Oltrarno che si trova sulla sponda sinistra dell’Arno, è il Piazzale Michelangelo con i suoi splendidi dintorni che offrono visite artistiche ma anche varianti di angolazioni panoramiche. Noi lo vediamo piccolo piccolo dall’alto, ma via terra si raggiunge percorrendo il viale alberato dolcemente in salita in auto o con i mezzi pubblici, o in bici o a piedi. Nel centro del grande piazzale ci accoglie una copia in bronzo del David di Michelangelo che già guarda lo spettacolo del panorama e pensa a quanto sarà invidioso suo fratello di marmo, l’originale chiuso nella Galleria dell’Accademia. Se dalla terrazza del Piazzale si sono affacciati e si affacciano milioni di persone, immaginiamo la quantità di foto e di selfie che si generano e si moltiplicano lassù!

Da San Miniato al Forte Belvedere

Le varianti imperdibili in quella zona sono raggiungibili anche a piedi ed offrono angolazioni e scorci diversi del panorama/sfondo che si possono aggiungere in galleria o postare sui social: dalla terrazza antistante la stupenda basilica romanica di San Miniato al Monte e dal sottostante Cimitero monumentale delle Porte Sante, oppure in cima alla collina di Boboli, dal Forte Belvedere. Da qui il Ponte Vecchio sull’Arno che scorre, Palazzo Vecchio, la Cupola del Brunelleschi con il Campanile di Giotto e la Biblioteca Nazionale nello sfondo saranno più vicini.

Bellosguardo

Sempre nella zona sud di Oltrarno, ma spostandoci un po’ più ad ovest, possiamo scoprire una postazione poco conosciuta al turismo di massa e dalla quale la visuale di sfondo dei nostri selfie offrirà un nuovo panorama sul centro storico della città e sul verde della collina. Siamo nella zona di Bellosguardo. Il nome parla da solo e promette bellezza da ammirare e fotografare. Ci si può arrivare anche a piedi, con un po’ di sano trekking collinare, attraverso tranquille stradine circondate dal verde e da villette eleganti. Scendendo dal Piazzale Michelangelo e percorrendo viale Francesco Petrarca si arriva in piazza Torquato Tasso. Da qui bisogna prendere via Villani, arrivare in piazza S. Francesco di Paola e percorrere via di Bellosguardo che ci porterà fino al belvedere, una delle terrazze panoramiche più belle sulla città. Da quassù Firenze si fa bella per noi tutta intorno al suo Cupolone e ci mostra Santa Croce, la Torre di Arnolfo e, da questa angolazione, entrano a far parte dello sfondo anche la chiesa di Santo Spirito e Palazzo Pitti.

Monte Oliveto

A pochi passi da Bellosguardo gustiamoci anche Monte Oliveto con la chiesa di San Bartolomeo, molto bella da visitare. Ora chiudiamo un attimo gli occhi e aiutati dal silenzio e dalla tranquillità di questo luogo facciamo un salto indietro nel tempo… da qui nel 1472 Francesco Rosselli disegnò la prima veduta di Firenze ai tempi di Lorenzo il Magnifico. Riapriamoli e… siamo tornati negli anni 2000, siamo ancora in volo e se dalle postazioni in zona Oltrarno viriamo verso nord est oltre il fiume e oltre la città, ci avvicineremo ad un’altra postazione che è un gioiello paesaggistico che pare dipinto tanto è bello: la collina di Fiesole.

La collina di Fiesole

Via terra è raggiungibile anche con i mezzi pubblici. È una piccola cittadina con antiche mura etrusche, resti di terme romane e un anfiteatro romano scenario ancora attuale per concerti ed eventi. Quando ci andremo per una visita ai suoi musei, ville e chiese, e per una passeggiata nei giardini o nelle strade del centro alla scoperta di storia ed archeologia, fra il Palazzo Vescovile e il Duomo troveremo la salita di San Francesco. È bella ripida ma breve e vale davvero la pena salire perché ci porta al Convento di San Francesco, sul punto più alto della collina. Un luogo di relax spirituale fuori dal caos cittadino dove è possibile visitare la chiesa, il museo, il chiostro e le antiche celle dei frati, e godersi il prato davanti al convento. Per arrivare al colle di San Francesco passiamo dalla terrazza Belvedere, da dove si ammira un’altra bellissima vista su Firenze e sulle colline circostanti seduti su un muretto perfetto per un riposante e scenografico selfie.

Il Monte Ceceri e il volo di Leonardo

E infine una vera e propria “chicca” spazio-temporale che Fiesole ci offre, facilmente raggiungibile a circa 1 km: il monte Ceceri, un luogo magico e veramente suggestivo se pensiamo, mentre lo stiamo vedendo dall’alto a bordo di un aereo, che è proprio da lì che Leonardo da Vinci osservava il volo degli uccelli e fece il suo primo esperimento per far volare l’uomo. Immerso in un parco sembra solo un semplice dirupo roccioso di una cava di pietra serena (le Cave di Maiano), ma invece ha un alto valore simbolico e scientifico. Da lì si gode un’altra delle nostre splendide viste su Firenze e su un monumento di roccia è scolpita la frase di Leonardo: «Piglierà il primo volo il grande uccello, sopra del dosso del suo magno cecero, empiendo l’universo di stupore, empiendo di sua fama tutte le scritture e gloria eterna al loco dove nacque». Lassù, nel 1506, Leonardo fece spiccare il volo al suo amico Zoroastro da Peretola a bordo del Grande Nibbio, la sua macchina volante. Quest’anno, cinquecentenario della morte del genio (1519), proprio in vetta al monte Ceceri gli studenti di Architettura dell’Università di Firenze hanno realizzato il Nibbio, un’installazione temporanea (dal 12 ottobre per 3 mesi) costruita con blocchi di legno, in ricordo dei macigni delle cave, che ruotano in maniera elicoidale dando vita all’immagine di una gradinata dalla roccia al cielo come un’ala pronta a spiccare il volo.

Il volo… siamo ancora a bordo del nostro aereo, sospesi fra spazio e tempo ed abbiamo ammirato tutto, girato video e scattato foto? Ottimo, è il momento di fare un’ultima virata, allinearsi alla pista ed atterrare in aeroporto con sorriso giocondo portandoci a casa un’indimenticabile emozione. Dopo il volo possiamo completare la nostra collezione visitando tutte le postazioni terrestri che abbiamo sorvolato. Visitiamole non solo di giorno ma anche di notte con Firenze illuminata e gli sfondi si moltiplicheranno in maniera suggestiva per una galleria di selfie… al bacio!

Potrebbe interessarti anche: , Villa Medicea della Petraia, un gioiello da scoprire nei dintorni di Firenze , Arezzo città del Natale: luminarie, mercatini, casa di Babbo Natale e il villaggio Lego

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Firenze consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Firenze.