Premio Pavese 2020: il programma - Cuneo

Premio Pavese 2020: il programma - Santo Stefano Belbo - Cuneo

14/10/2020

Fino a domenica 25 ottobre 2020

CalendarioDate, orari e biglietti

Cuneo - Eraldo Affinati (narrativa), Renata Colorni (editoria), Elton Prifti e Wolfgang Schweickard (saggistica) e Anna Nadotti (traduzione) sono i vincitori del Premio Cesare Pavese 2020, promosso e organizzato dalla Fondazione Cesare Pavese. Riceveranno il Premio e terranno il discorso di accettazione domenica 25 ottobre 2020 alle ore 10 a Santo Stefano Belbo all’auditorium della Fondazione Cesare Paveseche ha sede nella Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo (Piazza Confraternita 1), sconsacrata negli anni ’20 del ‘900, in cui fu battezzato Cesare Pavese.

Cuneo - Le sezioni in cui il Premio è suddiviso intendono rappresentare i tanti ambiti in cui Pavese aveva lavorato: narrativaeditoriatraduzione e saggistica, riconoscendo in ciascuno una personalità che si è distinta nel corso degli anni per passione, cura del lavoro, creatività, continuo confronto con il mondo. È un intento che prende linfa e anima dalle parole di Pavese in Dialoghi con Leucò, “Tu sei tutto nel gesto che fai”.

Cuneo - La giuria del Premio Pavese è composta da: Alberto Sinigaglia (presidente della giuria, presidente dell’Ordine dei Giornalisti Piemonte, presidente del Comitato scientifico della Fondazione Cesare Pavese), Gian Arturo Ferrari (figura di rilievo dell'editoria italiana), Giulia Boringhieri (traduttrice, storica dell’editoria, figlia di Paolo Boringhieri che fu amico e collega di Pavese all'Einaudi), Chiara Fenoglio (docente, saggista, giornalista), Claudio Marazzini (presidente dell'Accademia della Crusca), Pierluigi Vaccaneo (direttore della Fondazione Cesare Pavese).

Il premio ai vincitori sarà offerto dalla cantina I Vignaioli di Santo Stefano Belbo che consegneranno a ciascun premiato una bottiglia di Moscato d’Asti DOCG 2020 per ogni domenica dell’anno, 52 bottiglie per celebrare, oltre al Premio Pavese, anche la nuova annata del vino più importante di Santo Stefano Belbo.

Con l’edizione 2020 del Premio nasce la collaborazione tra la Fondazione Cesare Pavese e le Cantine Ceretto, proprietarie assieme alla famiglia Scavino de I Vignaioli di Santo Stefano, con l’obiettivo di celebrare il connubio tra cultura contadina e letteraria che caratterizza l’anima di una terra, quella di Langa riconosciuta in tutto il mondo grazie alle sue unicità.

Il tartufo d’Alba, offerto dall’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, sarà il consueto ospite della giornata di premiazione a ulteriore suggello del dialogo tra le eccellenze del nostro territorio.

Il Premio Pavese 2020 si arricchisce di una sezione dedicata alle scuole. Nel corso della premiazione di domenica 25 ottobre verranno premiati i ragazzi delle scuole che hanno partecipato al concorso dedicato ai temi del romanzo La luna e i falò. L’Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe Monferrato e Roero e la Fondazione Cesare Pavese metteranno a disposizione della scuola vincitrice materiale didattico a sostegno dell’istruzione in un periodo complesso per tutte le scuole d’Italia.

IL PROGRAMMA

LA GIORNATA DI SABATO 24 OTTOBRE

Il giorno precedente la cerimonia di premiazione, sabato 24 ottobre 2020, un ricco programma di appuntamenti e ospiti accompagnerà pubblico e lettori.

-           ore 11,30 – Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo

Omaggio a Cesare Pavese a cura del Centro Studi Piero Gobetti.
Con Pietro Polito, direttore del Centro Studi Piero Gobetti.

Un ritratto per Cesare Pavese.

Presentazione dell’opera originale di Paolo Galetto dedicata a Cesare Pavese per i 70 anni della scomparsa dello scrittore.

-           ore 15 – Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo

Le Langhe di Cesare Pavese patrimonio Unesco.
Roberto Cerrato, direttore dell’Associazione Paesaggi Vitivinicoli Langhe Monferrato e Roero; Mauro Carbone, direttore dell’Ente Turismo Langhe Monferrato e Roero; Roberta Milano, Digital strategist per il turismo; Mafe de Baggis, Digital media strategist del Turismo

-           ore 16 – Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo
Le colline del Moscato, le colline della Luna e i falò.
Alberto Sinigaglia dialoga con Bruno Ceretto

-           ore 17 – Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo.
“Tu sei tutto nel gesto che fai”: Cesare Pavese a 70 anni dalla morte.
Partecipano: i membri della giuria del Premio, i premiati dell’edizione 2020, Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione Bellonci e del Premio Strega. Con un contributo in video di Sandro Veronesi a 70 anni dalla vittoria del Premio Strega da parte di Cesare Pavese.

Nel corso dell’incontro verranno presentato due eccezionali documenti inediti:

Cesare Pavese. L’uomo.

Un ritratto intimo e inedito dello scrittore attraverso i ricordi e gli aneddoti di Maria Luisa Sini, nipote di Cesare Pavese e Gabriella Scaglione, figlia di Pinolo Scaglione - il Nuto del romanzo “La luna e i falò”.

Viene presentato il documentario con l’intervista inedita a Maria Luisa Sini, nipote di Pavese, figlia della sorella di Pavese, e Gabriella Scaglione, figlia di Pinolo Scaglione - il Nuto del romanzo La luna e i falò. Maria Luisa Sini racconta il suo rapporto con lo zio, restituendoci la personalità di un uomo osservato dallo sguardo di una bambina, per un ritratto inedito, intimo e personale di Pavese, che anche nel privato e in famiglia si distingueva per la sua elevata sensibilità e profondità d’animo. Lo “zio Cesare” era solito giocare con le nipoti, aiutarle nei compiti a casa e discutere con il cognato. La vita familiare si rispecchiava in quella pubblica di editore e scrittore: un’immagine tracciata dalla famiglia e da chi ha vissuto con lui ogni attimo della sua vita.

Il documentario è stato realizzato dalla Fondazione Cesare Pavese per il 70° anniversario della scomparsa dello scrittore.

Cesare Pavese tra storia e memoria. Conversazione con Carlo Ginzburg.

Viene presentata l’intervista, concessa a Giulia Boringhieri espressamente per questa occasione da Carlo Ginzburg, uno dei massimi storici viventi, figlio di Leone e Natalia Ginzburg, amici carissimi dello scrittore. Un’opportunità straordinaria per conoscere alcuni tratti inediti dello scrittore di Santo Stefano Belbo, fra distacco critico e partecipazione personale.  

-           ore 20.15 – Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo
L’estate perduta. Ballata per Cesare Pavese.
Recital con Alessio Boni, Marcello Prayer, Francesco Forni e Roberto Aldorasi.
Prova generale aperta al pubblico.

-           ore 21.45 – Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo
L’estate perduta. Ballata per Cesare Pavese.
Recital con Alessio Boni, Marcello Prayer, Francesco Forni e Roberto Aldorasi.
La vita e l’anima di Pavese sono rievocati in un racconto a due voci e due strumenti, margini di una ferita tra infanzia ed età adulta, città e campagna, desiderio e incapacità di essere amati, solitudine e impegno civile, estasi e realtà, mito e storia. Per l’occasione vengono proposti brani di Pavese in versi e in prosa. Le canzoni in lingua inglese che fanno da contrappunto ai passi recitati sono tratte da alcuni suoi scritti e musicate per la rappresentazione.
I quattro interpreti si presentano sul palco, accompagnati da due strumenti. Leggono, cantano, si fanno il verso, si completano le frasi. Tutti, però, costituiscono un uno: Pavese, che si presenta nelle sue varie sfaccettature.
Prima.

LA GIORNATA DI DOMENICA 25 OTTOBRE

Cerimonia di premiazione Premio Pavese – Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo
Modera Chiara Buratti

-          ore 10 – Premio Pavese scuole

 -          ore 11 – Premio Cesare Pavese con i vincitori Eraldo Affinati (narrativa), Renata Colorni (editoria), Elton Prifti e Wolfgang Schweickard (saggistica), Anna Nadotti (traduzione)

Proiezione documentario Le colline del mare

-          ore 21 – Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo.

di Andrea Icardi. Con Paolo Tibaldi (Beppe Fenoglio) e Davide Dionese (Cesare Pavese). Con la partecipazione di Dindo Capello, Fabio Gallina, Pierluigi Vaccaneo. Interventi di Gianni Farinetti, Piercarlo Grimaldi, Franco Vaccaneo, Albino Morando, Giancarlo Scaglione. Fotografia di Lorenzo Gambarotta. Voci di Beatrice Margiotti e Domenico Strati. Prodotto dal Comune di Santo Stefano Belbo. Partendo dal mare, che fino a due milioni di anni fa copriva queste terre, il documentario vuole ricostruire sotto diversi aspetti, da quello geologico a quello culturale, il territorio che si snoda da Montezemolo a Santo Stefano Belbo, seguendo il corso del torrente che dà il nome all’intera vallata: il Belbo.

L’ingresso agli appuntamenti di sabato 24 ottobre e alla premiazione di domenica 25 ottobre è libero fino a esaurimento posti.  Prenotazione nominale obbligatoria su https://fondazionecesarepavese.it.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 24/10/2020 alle ore 08:45.

Potrebbe interessarti anche: Fiera internazionale del tartufo bianco di Alba, Cuneo, fino al 8 dicembre 2020

Scopri cosa fare oggi a Cuneo consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Cuneo.