Scrittorincittà 2019: a Cuneo il festival letterario dedicato alle voci. Il programma

Libri Cuneo Mercoledì 30 ottobre 2019

Scrittorincittà 2019: a Cuneo il festival letterario dedicato alle voci. Il programma

© Nicoletta Bertelle

Cuneo - Scrittorincittà torna a Cuneo da mercoledì 13 a lunedì 18 novembre 2019 per la sua XXI edizione. Un festival diffuso attraverso la città con centinaia di appuntamenti che dal Centro Incontri della Provincia, cuore della manifestazione, si allargano in tanti spazi aperti ai cittadini, come la Biblioteca Civica, il Teatro Toselli, il Cinema Monviso, ma anche i musei e i circoli culturali per un programma curato da Stefania Chiavero, Paolo Collo, Matteo Corradini, Raffaele Riba, Andrea Valente.

L'atteso festival letterario avrà quest'anno come tema portante le Voci, un argomento intorno al quale autori italiani e stranieri sono chiamati a esprimersi, riflettere, confrontarsi con i lettori di ogni età. Scrittorincittà propone iniziative, incontri, reading e laboratori durante tutto l'anno, per poi culminare a novembre in sei giorni ricchissimi di eventi. 223 appuntamenti per adulti, ragazzi e bambini con 232 ospiti–scrittori, giornalisti, artisti e protagonisti di tutti gli ambiti: dalla letteratura all'arte, dallo sport al cinema, dalla scienza alla musica. Ogni incontro è pensato per mettere a confronto chi legge e chi scrive, chi disegna e chi racconta, con modalità sempre diverse e originali.

La voce è come il vento, invisibile ma forte. La voce è parte di noi. La voce, ogni voce, è sempre all’aperto e non ha un tetto sotto il quale ripararsi. La voce ha peso anche se non pesa nulla, la voce nasce dentro ma per esistere deve uscire, andarsene, a volte fuggire. «Voce!» è il richiamo che arriva quando si parla troppo sottovoce, ed è un invito che Scrittorincittà ha fatto sempre suo: il festival dà voce a scrittrici e scrittori, illustratrici e illustratori, e poeti, registi, attori, musicisti... dà voce alle immagini e alla musica, alle mani e al corpo intero. Sono voci che si parlano, raccontano, discutono.

Dedicare la XXI edizione di Scrittorincittà alle voci significa festeggiare il pensiero e la condivisione, la possibilità un po’ sognata e un po’ realizzata che voci diverse possano convivere, fare comunità, trovare ascolto e comprensione. Scrittorincittà edizione XXI si schiarisce la voce e prova a chiarire e a dare luce alle voci che hanno da dire molto, sempre.

Ad aprire la XXI edizione di scrittorincittà sarà dunque Carlo Cottarelli, mercoledì 13 novembre alle ore 17.30 in Sala Blu (Centro Incontri della Provincia). Insieme a Paolo Griseri, a partire dal suo nuovo libro Pachidermi e pappagalli(Feltrinelli), dibatterà di “voci”: luoghi comuni, bufale e fake news che negli ultimi anni hanno influenzato non solo il mondo della politica, ma anche quello dell'economia.

La serata inaugurale, mercoledì 13 alle 21.30 al Teatro Toselli, è dedicata invece a Nuto Revelli, che ha consacrato tanta parte della sua vita proprio alla raccolta di lunghe interviste biografiche con uomini e donne delle vallate cuneesi, contribuendo allo sviluppo della storia orale italiana e riportando l’attenzione su un mondo dimenticato e abbandonato. A cento anni dalla sua nascita lo ricordano il figlio Marco Revelli e Carlo Petrini in un incontro realizzato in collaborazione con la Fondazione Nuto Revelli.

Scrittorincittà dedica alla musica un ricco parterre di incontri: arriveranno a Cuneo Iva Zanicchi, Flavio Pardini, meglio conosciuto come Gazzelle, Cristiano Godano, il giornalista musicale Massimo Cotto e  Cesare Picco. Non solo libri di musica ma anche musica dal vivo: l’avanguardia jazzistica e le ricerche musicali di Gabriele Coen (sax, clarinetto) si incontrano in duo con il funambolico Francesco Poeti; il team di musicisti Rebel Bit crea quadri sonori tra musica vocale e sperimentazione elettronica nello spettacolo “Paper Flights” il cui fil rouge è la vicenda del Piccolo Principe.

Voci sono quelle che raccontano un mondo che sta cambiando: Monica Cirinnà, Gad Lerner, Nando Dalla Chiesa e Federica Cabras, Etgar Keret, Paolo Flores d'Arcais, Sergio Rizzo, Francesco Erbani, Federico Fubini, le vincitrici della XIV edizione del Concorso Lingua Madre Amàlia Lombarte del Castillo (Terzo Premio) e Andreea Luminita Dragomir (Premio Speciale Slow Food –Terra Madre). Ancora, Aboubakar Soumahoro, Annalisa Camilli, Patrizia Caraveo, Leo Ortolani, Marcello Fois e Davide Orecchio. Gianni Barbacetto, Benedetta Tobagi. Antonio Caprarica.

Voci dal presente, ma anche voci dal passato: nel centenario della nascita di Primo Levi, una lezione di Fabio Levi che illustra trame e intonazioni dell'autore che ha raccontato Auschwitz a lettori di ogni età, condizione sociale e livello culturale; Walter Barberis con Storia senza perdono (Einaudi)riflette sul ruolo dei testimoni e della storiografia nella ricostruzione della Shoah. Per i novanta anni del giallo, Cristina Cassar Scalia e Mariolina Venezia presentano le loro due protagoniste, la vice questore Vanina Guarrasi, in servizio a Catania, e la pm materana Imma Tataranni. A cinquecento anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, Massimo Polidoro (Leonardo. Il romanzo di un genio ribelle, Piemme) ci conduce a conoscere un genio assoluto attraverso le memorie, immaginarie ma scrupolosamente documentate, di Francesco Melzi, amico e allievo prediletto dell'inventore.

Alle voci di corridoio, le fake news, si oppone la voce della verità e della scienza: Guido Tonelli arriverà a Cuneo, e poi Roberto Battiston, Roberto Burioni, Barbara Gallavotti, Giorgio Nova, Telmo Pievani, Guido Barbujani.

Non mancano le voci sportive: Damiano Cunego, Riccardo Cucchi,Marco Berruto. E ancora, altre voci: Wlodek Goldkorn, Mario Calabresi, Walter Veltroni, Oscar Farinetti, Neri Marcorè e Gino De CrescenzoPacifico”, Simona Sparaco, Francesca Pieri, John Peter Sloan, Alessia Gazzola, Vito Mancuso, Concita De Gregorio, Simonetta Agnello Hornby, Gianrico Carofiglio, Mauro Corona e Matteo Righetto, Philippe Daverio, Enrica Bonaccorti, Alessandro Milan, Saverio Raimondo, Francesco Alberoni e Cristina Cattaneo.

Chiudono il festival Lello Arena e Stefano Genovese al Cinema Monviso lunedì 18 novembre alle 18.00, raccontando insieme a Cristina Clerico la Napoli bella, quella che sorride, che si arrangia, che lavora, perspicace, strana, a volte un po’ matta ma sempre geniale.

Doppio appuntamento con gli scrittori del Premio Città di Cuneo per il Primo Romanzo, nato per far conoscere ai lettori gli autori che nell'ultimo anno hanno esordito nella narrativa in lingua italiana. Venerdì 15 novembre alle 10.30 in Sala Rossa i comitati di lettura incontreranno gli scrittori segnalati nell’edizione 2018/2019: Peppe Millanta (Vinpeel degli orizzonti, NEO), Nicola Attadio (Dove nasce il vento, Bompiani), Silvia Ferreri (La madre di Eva, NEO). Parteciperà Martin Dumont (Le Chien de Schrödinger, Delcourt), tra i vincitori del Festival du Premier Roman de Chambéry 2019. Il vincitore verrà premiato venerdì 15 novembre alle 18.30 presso il Circolo 'L Caprissi. Presiederà Cristina Clerico. A seguire, degustazione di prodotti tipici. In collaborazione con Coldiretti Cuneo.

Ci saranno inoltre tre serate al Teatro Toselli in cui la letteratura ispira spettacoli teatrali e gli scrittori sono gli attori protagonisti. Giovedì 14 novembre alle ore 21.30, nello spettacolo Berlino. Cronache dal muro, Ezio Mauro porta sul palco in forma di conferenza teatrale Animeprigioniere. Cronache dal Muro di Berlino (Feltrinelli), lo storytelling della caduta del sistema comunista, un momento che ha segnato una svolta storica per il mondo.Adattamento e messa in scena di Carmen Mantie Massimiliano Briarava. Una produzione Elasticain collaborazione conlaRepubblica.

Venerdì 15 novembre alle ore 21.30, in Qualcosa. Il reading la scrittrice e conduttrice radiotelevisiva Chiara Gamberale porta in scena lasua favola morale Qualcosa (Longanesi). Interpretato dalla stessa autrice, insieme a Fausto Sciarappa e Marcello Spinetta, il reading è accompagnato dalla voce narrante di Luciana Littizzetto, presenza magica che rivelerà perché «è il puro fatto di stare al mondo la vera avventura». Regia di Roberto Piana. Una produzione il Circolo dei lettori.

Sabato 16 novembre alle 21.30 L'Amaca di domani. Considerazioni in pubblico alla presenza di una mucca, il monologo teatrale comico e sentimentale del giornalista e scrittoreMichele Serra, che apre allo spettatore la sua bottega di scrittura: la politica, la società, le star vere e quelle fasulle, la gente comune, il costume, la cultura riemergono dal grande sacco delle parole scritte rivelando, al tempo stesso, debolezze e manie dell’autore. Regia di Andrea Renzi. Una produzione SPA Live.

Scrittoincittà non finisce qui: ogni giorno alle 9, da venerdì 15 a domenica 17 all'Open Baladin, un ciclo d'incontri a colazione: venerdì “In vino veritas”: Tiziano Gaia ed Elio Parola; sabato Andrea Scherini e Salvatore Vitellino dialogano con Raffaele Riba; domenica reading di Enrica Tesio e dopo scrittorincittà, sabato 7 dicembre alle 9.30, Maurizio Crosetti presenta Il suo nome è Fausto Coppi(Einaudi) con Cristina Clerico.

Scrittorincittà ha come primo obiettivo quello di promuovere la lettura per tutti, dagli adulti ai ragazzi e ai bambini. Per questo è l'unico festival in Italia che dedica lo stesso spazio agli appuntamenti per i ragazzi e per il pubblico adulto, anche grazie a un ricchissimo programma per le scuole, dalle materne alle superiori.

Il programma completo di Scrittorincittà è online. Dal 4 novembre sarà attiva la prevendita sul sito e presso il cinema Monviso in viaXX Settembre 14 (lunedì 4 novembre10.30-19; da martedì 5 a martedì 12novembre 16.30-19; domenica chiuso). Il primo giorno (4 novembre) la vendita online inizierà alle ore 18. Dal pomeriggio di mercoledì 13 novembre la biglietteria si sposterà al Centro Incontri (corso Dante 41; mercoledì 16.30-20;da giovedì a domenica 9-20).

I biglietti acquistati online potranno essere ritirati presso il Centro incontri della Provincia a partire dalle 16.30 di mercoledì 13 novembre. La busta che verrà consegnata conterrà tutti i biglietti acquistati dallo stesso utente, anche per eventi diversi o acquistati in momenti diversi. I biglietti per eventi in sedi diverse dal Centro incontri potranno essere ritirati al Centro fino a un'ora prima dell'appuntamento e poi presso la sede dell'evento a partire da mezz'ora prima dell'inizio.

Scopri cosa fare oggi a Cuneo consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Cuneo.