Imperivm Romanvm (Fotografie 2005‑2020), mostra di Alfred Seiland - Brescia

Imperivm Romanvm (Fotografie 2005‑2020), mostra di Alfred Seiland - Monastero Santa Giulia Viridarium - Brescia

03/03/2021

Fino a domenica 17 ottobre 2021

Altre foto

Tadmor, Palmyra, Siria, 2011 © Alfred Seiland

CalendarioDate, orari e biglietti

Brescia - Attenzione: l'evento è posticipato dall'8 maggio al 17 ottobre 2021 e inserito nel programma del Brescia Photofestival 2021.


Brescia - Dal 26 marzo al 18 luglio 2021, nei rinnovati spazi espositivi del Quadrilatero rinascimentale delle gallerie alte del Monastero di Santa Giulia del Museo di Santa Giulia a Brescia (via dei Musei 81), è allesitita la prima retrospettiva italiana di Alfred Seiland (St. Michael, Austria, 1952), che giunge in Italia dopo il successo delle esposizioni al Museo Romano Germanico di Colonia, ai Rencontres di Arles e all'Albertina di Vienna.

Brescia - Curata da Filippo Maggia e Francesca Morandini, promossa dal Comune di Brescia e dalla Fondazione Brescia Musei e coprodotta con Skira, la mostra rientra nel programma delle celebrazioni per la restituzione a Brescia della Vittoria Alata, la scultura romana che, dopo un restauro durato due anni presso l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, è tornata in città, nella sua nuova collocazione nell’aula orientale del Capitolium riallestita su progetto dell’architetto Juan Navarro Baldeweg.

In mostra, per la prima volta in Italia, 136 immagini di grande formato tratte da Imperivm Romanvm, il monumentale progetto sviluppato in oltre quindici anni di lavoro dal fotografo austriaco. Parte centrale della selezione è un nucleo di 20 inediti tra cui un portfolio di 6 scatti realizzati a Brescia tra il 2019 e il 2020, che coglie il patrimonio antico della città e ne documenta il valore monumentale e sociale, in costante cambiamento secondo canoni contemporanei, accompagnato da una video intervista di approfondimento.

Affascinato dalle scenografie cinematografiche dell’antica Roma, allestite a Cinecittà, Alfred Seiland ha intrapreso un lungo viaggio nei territori in cui si estendeva il dominio di Roma, dalla Siria alla Scozia, ai paesi che si affacciano sul Mediterraneo e oltre, per fotografare quei siti archeologici romani in cui si cogliessero le diverse sfumature di interazione tra uomo e rovine. Sono 40 i paesi raccontati attraverso i siti archeologici come Palmira, Samaria o Epidauro. Il progetto illustra, con fotografie talvolta iperrealiste e pop, talvolta simboliste e minimali, l'inestricabile e vitale rapporto tra le tracce residue della cultura romana e i luoghi della modernità. Le rovine emergono così in tutta chiarezza quali patrimonio comune di un immaginario collettivo, una sorta di minimo comune denominatore continentale tra passato, arte moderna e architettura contemporanea, la prima forma di globalizzazione dello sguardo.

Il Colosseo a Roma, le terme di Bath, il Pont du Gard in Provenza, ma anche rovine di siti meno noti al grande pubblico, o, ancora, edifici moderni che alludono all’antico in tutto il loro paradosso, come il set di Cinecittà o il Caesar Palace Hotel di Las Vegas o la presenza discreta dei resti archeologici nel tessuto urbanistico attuale. I monumenti dell’Impero romano, diffusi in Europa e lungo il bacino del Mediterraneo, costituiscono per i suoi abitanti un’abitudine visiva, per i turisti un feticcio, per le infrastrutture un ostacolo. Con questo progetto, costantemente in progress, Seiland è riuscito a riportare a galla, nel mondo globalizzato, la traccia del senso di comunità e un nuovo significato di quella integrazione che l’impero romano aveva avviato e realizzato per tutto l’arco della sua durata e che le locali vicende storico-culturali hanno modificato, distrutto o adeguato.

La mostra è aperta al pubblico negli orari di apertura del Museo di Santa Giulia (per info aggiornate telefonare al numero 030 2977833-834 o scrivere una email). I biglietti di ingresso sono in vendita ai seguenti prezzi: intero 9 euro; ridotto 7 euro per ragazzi dai 14 ai 18 anni, over 65, studenti di università e accademie e convenzioni; ridotto 6 euro per gruppi da 10 a 20 persone; ridotto 4,50 euro per scolaresche, bambini dai 6 ai 13 anni, gruppi di minimo 10 studenti universitari; ingresso gratuito per bambini fino a 5 anni, disabili (con disabilità >75%) e accompagnatori di persone con disabilità.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 16/05/2021 alle ore 23:35.

Potrebbe interessarti anche: Bellissima! 20 fotografi travolti da un insolito splendore, mostra collettiva dedicata alla Vittoria Alata, Brescia, fino al 27 giugno 2021 , 1921/2021: omaggio a Joseph Beuys, mostra fotografica di Renato Corsini, Brescia, dal 16 giugno al 31 luglio 2021 , Giornate Fai di primavera 2021: luoghi aperti e visite guidate a Brescia e provincia, Brescia, fino al 16 maggio 2021 , Ben Harper and The Innocent Criminals in concerto, Brescia, 11 agosto 2021

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Brescia consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Brescia.