Criminis Imago. Immagini della criminalità a Bologna

Criminis Imago. Immagini della criminalità a Bologna

01/02/2021

Da domenica 27 giugno a sabato 23 ottobre 2021

© Ferrari Omicidio Brigadiere Lombardini 74

CalendarioDate, orari e biglietti

Bologna - Da venerdì 23 ottobre al 23 giugno 2021 presso il complesso di Santa Maria della Vita è allestita la mostra Criminis Imago. Immagini della criminalità a Bologna: 100 fotografie in bianco e nero che immortalano mezzo secolo di crimine a Bologna e in Emilia-Romagna, attraverso lo sguardo dei fotografi bolognesi Walter Breveglieri (dal 1949 al 1972) e Paolo Ferrari (per il periodo 1972-2000) che hanno documentato momenti tragici, ma che appartengono alla storia Italiana. 

Bologna - La storia della città di Bologna passa attraverso vicende che qui hanno avuto luogo, in città, nei dintorni e nelle aule dei tribunali. Processi che hanno riguardato anche crimini commessi in altri luoghi, ed approdati in Cassazione, come i processi ad Ettore Grande e Rina Fort. Grazie al lavoro di due formidabili fotoreporter - Walter Breveglieri e Paolo Ferrari - che hanno documentato questi momenti tragici, ma che appartengono alla storia italiana, oggi possiamo vedere una bellissima mostra di 100 fotografie in bianco e nero.

Bologna - Una storia narrata nella mostra “Criminis Imago. Immagini della criminalità a Bologna” all’Oratorio di Santa Maria della Vita (via Clavature 8/10) dal 23 ottobre al 10 gennaio prossimi, organizzata da Genus Bononiae. Musei nella città, in collaborazione con la Procura della Repubblica di Bologna, la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri. Partner della mostra è la casa editrice Minerva di Bologna, proprietaria dell’Archivio Fotowall di Walter Breveglieri.

L’iniziativa è curata dal Procuratore Capo di Bologna Giuseppe Amato e da Marco Baldassari, responsabile dell’Archivio Ferrari di Genus Bononiae. Il comitato scientifico si avvale dell’esperienza di Carlo Lucarelli, autore assieme a Susi Pelotti e Luigi Stortoni dei testi che accompagnano il catalogo, realizzato con tutte le immagini della mostra.

100 fotografie in bianco e nero, assieme ad altre immagini tratte dagli archivi della Polizia Scientifica, che immortalano mezzo secolo di crimine a Bologna e in Emilia-Romagna attraverso lo sguardo dei fotografi bolognesi Walter Breveglieri (dal 1949 al 1972) e Paolo Ferrari (per il periodo 1972-2000). Un lavoro di documentazione puntuale, da reporter, che si sposta dai luoghi del delitto alle aule dei tribunali. La Banda Casaroli, che nell’autunno del 1950 seminò terrore e morte: una storia che sedusse il regista Florestano Vancini, che dedicò un film alla vicenda. Le macerie della stazione di Bologna e i resti dell’Italicus. Il luogo dell’omicidio di Francesca Alinovi e il ritrovamento della salma di Angelo Fabbri, ricompresi nella troppo disinvolta definizione di ‘delitti del Dams’. E ancora il drammatico sequestro dell’imprenditore bolognese Eugenio Gazzotti, il terrorismo con i processi ad Ordine Nero e a Prima LineaGiusva Fioravanti e Francesca Mambro, i numerosi delitti della Uno Bianca, il caso della “mantide” Katharina Miroslawa, il cui processo da Bologna approdò in Cassazione.
 Le immagini dei due fotografi sono articolate in sezioni. Si inizia con gli scatti di Breveglieri, che ci riportano le storie della Banda Casaroli, di Ettore Grande e Rina Fort, fino al Delitto Nigrisoli. Si prosegue con le fotografie di Ferrari: le immagini drammatiche dalle Strage dell’Italicus, del Rapido 904 e della Stazione di Bologna scattate il 2 agosto 1980, fino ad arrivare ai numerosi omicidi dei fratelli Savi, tristemente famosi come la Banda della Uno Bianca. Breveglieri e Ferrari si trovarono ad essere testimoni di alcuni dei fatti più importanti della storia italiana, che immortalarono col piglio dell’inviato sul campo. “Pensavo di lavorare per la cronaca – dirà poi Ferrari – e invece lavoravo per la storia”. 

Orari
Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì: 10.00 - 19.00

Biglietti

Open 12 Euro
Intero 10 Euro
Ridotto (1) 8 Euro

– Possessore biglietto Compianto- Ragazzi da 6 a 18 anni
– Gruppi minimo 10 pax – massimo 15 pax
– Possessori biglietto altra sede Genus Bononiae
– Studenti con tesserino
– Possessori Card Cultura
– Possessori Bologna Welcome Card
– Convenzioni

Ridotto (2) 5 Euro
– Forze dell’Ordine (Polizia di Stato; Arma dei Carabinieri; Guardia di Finanza)
– Gruppi scolastici

Omaggio

– Bambini accompagnati fino a 5 anni
– Possessori Membership Card Genus Bononiae
– Disabile con accompagnatore
– Accompagnatore gruppi
– Guide con tesserino
– Giornalisti con regolare tessera dell’Ordine e previa richiesta di accredito all’indirizzo esposizioni@genusbononiae.it

Diritti di prenotazione e prevendita

Tariffe gruppi (esclusi gruppi scolastici): 1,50 Euro per persona

Ultimo ingresso ore 18.00

Info

Potrebbe interessarti anche: Noi siamo la Minganti: Bologna e il lavoro industriale tra fotografia e memoria (1919-2019), fino al 15 marzo 2021 , Liminal, ritratti sulla soglia, fino al 6 aprile 2021 , Visita al Museo Ferruccio Lamborghini, fino al 31 agosto 2021 , Vittorio Corcos, ritratti e sogni. La mostra, fino al 27 giugno 2021

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.