Alessandro Guardassoni (1819‑1888). Un pittore bolognese tra Romanticismo e devozione, mostra - Bologna

Alessandro Guardassoni (1819‑1888). Un pittore bolognese tra Romanticismo e devozione, mostra - Collezioni comunali d'arte - Bologna

12/09/2019

Fino a domenica 19 gennaio 2020

Ore 17:00

CalendarioDate, orari e biglietti

Bologna - In occasione del bicentenario della nascita dell'artista, la città di Bologna rende omaggio con un ampio programma di iniziative ad Alessandro Guardassoni (1819-1888), personalità tra le più interessanti emerse dalla scuola pittorica felsinea del XIX secolo, cui si deve un originale percorso di rinnovamento dei linguaggi figurativi.

Bologna - L’Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, l’Istituzione Bologna Musei | Musei Civici d’Arte Antica, la Fondazione Gualandi a favore dei sordi e la Diocesi di Bologna hanno realizzato un itinerario diffuso nella città metropolitana per valorizzare l’attività dell’artista: dal naturalismo storico-romantico alla svolta purista sino allo sviluppo di un linguaggio devozionale, che fece di lui il più importante pittore ecclesiastico di Bologna nel XIX secolo.

Bologna - Dopo una prima formazione in città, egli fece esperienze di studio e di viaggio all’estero e dal 1856 iniziò a partecipare con successo non solo alle mostre accademiche, ma anche a quelle di rilevanza internazionale, proponendo quadri di soggetto storico-romantico, biblico-sacro e ispirati alla letteratura, divenendo in particolare famoso per l’episodio del La conversione dell’Innominato tratto da I promessi sposi di Alessandro Manzoni.

Parallelamente, dal 1859 iniziò a studiare ottica e ad avvalersi della stereoscopia per fissare in un’immagine fotografica l’effetto del vero da rendere in pittura, divenendo un importante sperimentatore nella resa degli effetti di luce e tridimensionalità.

La mostra alle Collezioni Comunali d’Arte propone opere di Guardassoni presentate in esposizioni ufficiali e realizzate per commissioni importanti, che narrano l’evoluzione del suo stile, rendendo possibile un confronto con gli altri pittori attivi in quegli anni a Bologna e riproponendone l’atmosfera culturale attraverso 40 dipinti.

Contemporaneamente alla Fondazione Gualandi vengono esposti 60 disegni preparatori e bozzetti per le pitture realizzate nelle chiese bolognesi. Un video – realizzato dagli studenti del Dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna-Corso di laurea in design del prodotto industriale – mostra al visitatore la relazione tra le fasi preparatorie e i lavori finiti, in un percorso virtuale all’interno di alcune chiese in cui Guardassoni lavorò.

Una mappa, distribuita nelle sedi delle mostre, permette di raggiungere con facilità le chiese cittadine e dei dintorni, nelle quali sono organizzate specifiche visite guidate a cura dell’associazione Arte e Fede.

Le mostre e il percorso diffuso sono a cura di Silvia Battistini e Claudia Collina con la collaborazione di Chiara Sanfelici, Patrizia Tamassia e Valentina Volta.

Venerdì 13 settembre alle ore 17 è prevista l'inaugurazione a ingresso gratuito presso le collezioni Comunali d’Arte, Palazzo d’Accursio.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 23/04/2021 alle ore 03:59.

Potrebbe interessarti anche: Visita al Museo Ferruccio Lamborghini, fino al 31 agosto 2021 , Vittorio Corcos, ritratti e sogni. La mostra, fino al 27 giugno 2021 , Le Plaisir de Vivre, arte e moda del Settecento veneziano dalla Fondazione dei Musei Civici di Venezia, fino al 12 settembre 2021 , Criminis Imago. Immagini della criminalità a Bologna, dal 27 giugno al 23 ottobre 2021

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.