Arte Fiera a Bologna 2022, le gallerie d'arte da non perdere

Arte Fiera a Bologna 2022, le gallerie d'arte da non perdere

Mostre Bologna Venerdì 13 maggio 2022

Clicca per guardare la fotogallery
Per Barclay, Ballerina “Cathrine”, 2001, courtesy Gal
Altre foto

Bologna - Artefiera – la più più longeva fiera d’arte in Italia - riapre le porte al pubblico dal 13 al 15 maggio 2022, tornando in presenza a Bolognafiere (Padiglioni 15 e 18) con una 45° edizione tutta da scoprire.

La fiera d’arte bolognese torna ad animare la città con uno spirito di ripresa e con il desiderio di poter ritrovare in presenza gli operatori e il pubblico dell’arte, dopo la decisione di rimandare la tradizionale edizione di fine gennaio a causa della pandemia.

Terza edizione fisica sotto la direzione artistica di Simone Menegoi, Artefiera 2022 presenta 142 gallerie d’arte tra italiane e straniere: 103 nella Main Section e 39 nelle tre sezioni curate e su invito, Focus dedicata all’arte moderna e del dopoguerra storicizzato (7 gallerie), Pittura XXI (18 gallerie), Fotografia e immagini in movimento (14 gallerie).

«La parola d’ordine della quarantacinquesima edizione di Arte Fiera 2022 è ripresa – così dichiara il direttore artistico Simone Menegoi – Riprendiamo a guardare le opere dal vero e non sullo schermo di un computer; riprendiamo a percorrere fisicamente i padiglioni; riprendiamo a disputare con i galleristi, gli artisti, i curatori, i tanti appassionati d’arte che affollano una delle manifestazioni d’arte contemporanea più popolari e inclusive del nostro paese».

La selezione mirata di gallerie si unisce a un approccio che punta a dare spazio alle poetiche individuali, con l’esplicito invito rivolto agli espositori di presentare un numero limitato di artisti. Come in passato, inoltre, sono state incoraggiate le proposte monografiche, tanto per gli artisti storicizzati quanto per le ultime generazioni.

Nuovo l’allestimento degli stand, più elegante e curato, che delinea la scelta di BolognaFiere di investire nella manifestazione per accrescerne la qualità e migliorarne la fruizione per il pubblico.

Ma quali sono le gallerie da non perdere ad Artefiera Bologna 2022? Ecco una breve selezione, tra novità e “grandi classici”.

GALLERIA MARCOLINI

La Galleria forlivese Marcolini porta ad Artefiera 2022 (Pad. 15 stand A19) uno stand tutto viola, impossibile da non notare, con le opere pittoriche dell’artista Luigi Presicce, alcune delle quali provenienti dal suo progetto artistico Homo Sapiens Sapiens Sapiens. Nei suoi quadri si possono ammirare ritratti dai colori saturi e a tratti caricaturali, con animali che fumano, cani, pappagalli, scimmie. E “strani” esseri che somigliano a scimmie, presenze ambigue, ricoperte da una lieve peluria, con attributi sia maschili che femminili.

GALLERIA UMBERTO BENAPPI

La Galleria Umberto Benappi di Torino ad Artefiera 2022 (Pad. 18 stand B20) propone un progetto artistico dal sapore “nostalgico” dal titolo “Non si esce vive dagli anni 80” con le opere di grandi artisti come Oliviero Toscani, Mario Schifano, Mimmo Paladino, Studio Azzurro, Aldo Mondino e Salvo. Impossibile non notare l’imponente opera di Mimmo Paladino - tra i principali esponenti della Transavanguardia italiana – che accoglie i visitatori dello stand.

MLB GALLERY

Ad Artefiera 2022 vi consigliamo di visitare la MLB Gallery di Ferrara (Pad. 15 stand F23) con il progetto artistico di Cristina Nuñez, artista riconosciuta a livello internazionale come la maggior esponente dell’autoritratto fotografico come terapia per indagare il proprio inconscio. Dal 2005 Cristina Nuñez ha sperimentato questa modalità su altre persone: sono nati così i ritratti di Higher Self, autoritratti che le persone hanno prodotto durante i suoi workshop nelle accademie, nelle scuole, nelle carceri, nei centri di salute mentale e nelle aziende, che si possono ammirare in fiera.

GALLERIA RUSSO

La Galleria Russo di Roma – la più antica galleria d’Italia con oltre 100 anni di storia – porta ad Artefiera 2022 i grandi maestri del ‘900 affiancati da alcuni artisti emergenti. Di particolare rilievo un focus su Mario Sironi di cui si propongono opere prevalentemente provenienti da due delle più significative collezioni di arte italiana del ‘900 di cui si abbia memoria. Parliamo delle raccolte assemblate da Margherita Sarfatti e Ada Catenacci, intuiti collezionistici fuori dal comune, che in Sironi seppero immediatamente riconoscere uno dei vertici dell’arte del loro tempo.

Informazioni utili

Ingresso: Ingresso Nord della Fiera (da Piazza Costituzione: servizio gratuito di navette ogni 2 minuti)
Orari: 13 maggio 11.00-12.00 riservato vip / 12.00-20.00 apertura al pubblico;
14 e 15 maggio 11.00-20.00 apertura al pubblico;
Info: 051 282111

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.