Arena Puccini, il cinema all'aperto di Bologna ad agosto propone 10 anteprime. Obbligo di Green Pass

Arena Puccini, il cinema all'aperto di Bologna ad agosto propone 10 anteprime. Obbligo di Green Pass

Cinema Bologna Giovedì 5 agosto 2021

Bologna - Proseguono gli appuntamenti con il cinema all'aperto all'Arena Puccini di Bologna, ad agosto con un ricco calendario di anteprime.  

Amore, malattia, guerra. Passione, femminismo, religione. Produzioni italiane e internazionali, commedie e drammi. Sabato 7 agosto inizia il ciclo di anteprime dell’Arena Puccini, il cinema all’aperto nel parco del Dopolavoro ferroviario (via Sebastiano Serlio 25/2), gestito dalla Fondazione Cineteca di Bologna, Ibc Movie e Modernissimo srl. Dieci le prime visioni, in programma fino a lunedì 30 agosto.

Si parte sabato 7 con Supernova di Harry Macqueen, in concorso all’ultima Festa del cinema di Roma (in replica giovedì 26). Sam (Colin Firth) e Tusker (Stanley Tucci), partner da 20 anni, viaggiano attraverso l’Inghilterra a bordo del loro vecchio camper per far visita agli amici, rivedere i famigliari e ritrovare i luoghi del loro passato. Da quando, due anni prima, a Tusker è stato diagnosticato l’insorgere della demenza, il tempo insieme è sempre più prezioso. Con il progredire del loro viaggio, però, le loro idee di futuro condiviso entrano in rotta di collisione. Qual è il significato dell’amore, di fronte a una malattia irreparabile?

Martedì 10 c’è Nowhere Special, tenero film di Uberto Pasolini, presentato alla Mostra di Venezia 2020: il regista sarà all’Arena Puccini alla seconda proiezione della pellicola (in lingua originale con sottotitoli italiani) in programma lunedì 30. John (James Norton) è un trentaquattrenne gentile e silenzioso, lavavetri a Belfast. Sa che, per un male incurabile, non gli resta molto da vivere. Nel poco tempo che gli rimane deve fare la cosa più importante della sua vita: trovare una famiglia per Michael, il suo bambino di 4 anni, visto che la madre li ha lasciati poco dopo la sua nascita. Mentre visitano le coppie disponibili e selezionate per l’adozione, John e Michael passano insieme la loro giornata, trasformando ogni gesto quotidiano in una memoria preziosa.

Giovedì 12 agosto è la volta di La ragazza con il braccialetto di Stéphane Demoustier, film che ha ottenuto 2 candidature ai César (e vinto un premio) e altrettante ai Lumière Awards (e vinto un premio). Lisa (Melissa Guers) ha 18 anni e un braccialetto elettronico alla caviglia. Accusata due anni prima del presunto omicidio della sua migliore amica, vive con i genitori Bruno e Céline, chiamati ad affrontare, ognuno a proprio modo, il dramma familiare. Una volta cominciato il processo, la vita segreta di Lise – che giura di non aver commesso alcun crimine – sarà pian piano rivelata a tutti.

È Quo Vadis, Aida? l’anteprima in calendario venerdì 13. È diretto da Jasmila Žbanić, regista, sceneggiatrice e produttrice cinematografica bosniaca, vincitrice nel 2006 dell’Orso d’oro al Festival di Berlino per il suo film d’esordio, Il segreto di EsmQuo Vadis, Aida?, in concorso a Venezia e candidato all’Oscar al miglior film internazionale, è un film sul massacro di SrebrenicaBosnia, 11 luglio 1995. Aida (Jasna Ðuricic) è bosniaca, insegna inglese e lavora come interprete in una base ONU nel piccolo villaggio di Srebrenica. Quando l’esercito serbo occupa la città, i suoi familiari sono tra le migliaia di persone che cercano rifugio in un campo profughi. In qualità di “insider” dei negoziati, Aida ha accesso a una serie di informazioni cruciali e riservate.

Sabato 14 e domenica 15 agosto sugli schermi dell’Arena tornano Paola Cortellesi e Antonio Albanese con Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di morto, sempre diretti da Riccardo Milani. Le vicende si svolgono tre anni dopo la fine della breve storia d’amore – durata, appunto, quanto un gatto in tangenziale – tra Monica, cassiera tatuata della periferia romana, e Giovanni, intellettuale radical chic residente del centro storico di Roma. Monica, finita in carcere per un equivoco, chiede aiuto a Giovanni, che la tirerà fuori a una condizione: dovrà svolgere i servizi sociali presso la comunità cattolica di San Basilio, dove però incontrerà don Davide (Luca Argentero), un sacerdote molto affascinante.

Mercoledì 18 sul grande schermo dell’Arena Puccini arriva l’esordio del regista inglese di origine pakistana Aleem Khan After LoveMary Hussain (Joanna Scanlan) si è convertita alla religione islamica quando si è sposata. Adesso, poco più che sessantenne, vive serenamente con suo marito Ahmed nel sud dell’Inghilterra, a Dover. Quando si ritrova, inaspettatamente, vedova, la donna scopre che Ahmed aveva una vita segreta a Calais, oltre il canale della Manica, a poco più di una trentina di chilometri dalla loro casa.

Domenica 22 agosto sarà proiettata la commedia francese Sibyl – Labirinti di donna di Justine Triet. Sibyl (Virginie Efira) ha abbandonato la scrittura per diventare psicologa. Con il tempo, però, la voglia di scrivere è tornata ma, a sorpresa, viene contattata da una giovane attrice disperata (Adèle Exarchopoulos): incinta del coprotagonista del film che sta girando – fidanzato della regista –, non sa se abortire o portare avanti la gravidanza. Sibyl decide di prenderla in cura: Margot diventa per lei un punto di riferimento imprescindibile ma, poco a poco, anche Sibyl diventa necessaria per l’attrice. La psicologa/scrittrice, che ha alle spalle una gravidanza problematica e un passato di alcolista, si identifica fin troppo nella sua paziente.

Martedì 24 agosto tocca alla commedia femminista candidata a 8 premi Goya Il matrimonio di Rosa della regista spagnola Icíar Bollaín. Rosa (Candela Peña) vive a Valencia. Ha un lavoro estenuante – è una sarta per le produzioni cinematografiche –, un fratello ingombrante, un padre troppo presente, una sorella piuttosto sfuggente, una figlia con due bambini e un fidanzato che riesce a vedere a stento. Troppo abituata a mettere sempre i bisogni degli altri prima dei suoi, Rosa sta per compiere 45 anni e la ‘sua’ vita – che non percepisce come tale – è completamente fuori controllo. Decide così di lasciare la città, riaprire il laboratorio di sartoria che fu di sua madre in una cittadina di provincia e sposare la persona che ha deciso di amare di più: sé stessa.

Si continua mercoledì 25 con Falling – Storia di un padre, debutto alla regia di Viggo Mortensen. John (Viggo Mortensen) vive con il suo partner Eric e la loro figlia adottiva Monica nel Sud della California. Suo padre, Willis (Lance Henriksen), è un contadino appartenente a una generazione molto più “tradizionale”. Durante un soggiorno a tempo indeterminato a casa del figlio, in cerca di un buen retiro, i loro due mondi si scontrano. Padre e figlio sono costretti ad affrontare gli eventi che li hanno fatti a pezzi passando dall’oscurità alla luce, dalla rabbia e dalla gelosia fino all’accettazione, alle risate e alla grazia conquistata duramente.

L’ultima anteprima all’Arena Puccini è venerdì 27 con Un figlio, dramma familiare tra etica e religione del tunisino Mehdi M. Barsaoui, con Sami Bouajila, vincitore come migliore attore nella sezione Orizzonti del Festival di Venezia, ai César 2021 e ai Lumière Awards 2021. Tunisia, estate 2011: la vacanza nel paese nordafricano termina in un disastro per Fares, Meriem e il loro figlio Aziz di 10, colpito accidentalmente in un agguato. Le lesioni subite cambieranno la vita della famiglia: il bambino ha bisogno di un trapianto di fegato, e questo porterà alla luce un segreto tenuto a lungo nascosto.

Orario degli spettacoli  

Gli spettacoli all’Arena Puccini iniziano alle ore 21.30.   

Modalità di accesso  

Dal 6 agosto l'ingresso all'Arena Puccini è consentito solo alle persone munite di Certificazione verde COVID-19 o in possesso di un titolo alternativo ai sensi del D.L.23 luglio 2021 n.105:

•                 attestato di guarigione dall'infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi);

•                 test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (validità 48 ore).

La platea ha sedute numerate e i posti vengono assegnati al momento dell’acquisto del biglietto. Il sistema può assegnare posti contigui ai componenti di uno stesso nucleo familiare. Il sistema aggiorna ad ogni acquisto la disponibilità dei posti per consentire il distanziamento degli spettatori secondo le norme in vigore. Gli spettatori dovranno tassativamente accomodarsi nei posti assegnati. Il pubblico dovrà indossare la mascherina di protezione per tutta la permanenza in Arena, ed è invitato a rispettare sempre la distanza di almeno un metro tra persona e persona.  

Prezzo del biglietto  

Se acquistato online (opzione consigliata): posto unico 5 euro (8,50 euro per Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di morto)

L’acquisto può essere effettuato fino alle ore 20.30 del giorno stesso della proiezione all’indirizzo https://puccini.cinetecabologna.18tickets.it/   

Se acquistato alla cassa dell’Arena Puccini (aperta dalle ore 20.45): prezzo intero 6 euro, ridotto 5 euro per Over 60, clienti BPER Banca, soci DLF, soci Coop (la tessera è individuale), soci Coop Dozza, Card Cultura, studenti universitari, Amici Cineteca di Bologna, Agis Cinema, ragazzi fino a 11 anni, militari, Circolo Dozza A.T.C. (per Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di morto prezzo intero 8,50 euro, ridotto 7 euro).

Punti ristoro  

All’Arena Puccini sono presenti un servizio bar interno e 3 punti ristoro esterni: Pizzartist Dlf (aperto tutti i giorni dalle ore 18.00 alle 24.00; tel. 051 0078078), il ristorante Fuori Orsa (aperto da martedì a domenica dalle ore 18.00 alle 24.00; tel. 370 3330255) e Kinotto Bar (aperto tutti i giorni dalle ore 9.00 alle 24.00; tel. 051 0226000).   

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.