25 aprile 2020 a Bologna e provincia: la Festa della Liberazione online. Il programma completo

25 aprile 2020 a Bologna e provincia: la Festa della Liberazione online. Il programma completo

Attualità Bologna Martedì 21 aprile 2020

© Bersaglieri festeggiati dai cittadini in via Rizzoli il giorno della liberazione di Bologna. Foto IB

Bologna - Sarà un 25 aprile diverso quello del 2020. L'emergenza epidemiologica Covid-19 renderà impossibile per la prima volta nella storia repubblicana italiana, celebrare nelle piazze e negli spazi pubblici il 75° anniversario della Festa della Liberazione

Per questo a Bologna, come in moltre altre città d'Italia sono organizzate diverse iniziative online che consentono alle persone di partecipare seppur virtualmente alla Festa del 25 aprile.

Iniziative del Comune di Bologna, celebrazioni ufficiali e Bella ciao dai balconi

l Comune di Bologna celebra il 21 (giorno della liberazione di bologna) e 25 aprile nel rispetto delle misure di contenimento per l’emergenza sanitaria in corso: per consentire la partecipazione, seppure a distanza, le commemorazioni ufficiali saranno trasmesse sulla pagina istituzionale del Comune su Facebook e sono tante altre le iniziative online legate al settantacinquesimo anniversario della Liberazione di Bologna e dell’Italia.

Il programma

21 aprile - Liberazione di Bologna
Martedì 21 aprile, festa della Liberazione di Bologna, le bandiere delle brigate partigiane saranno esposte dalle finestre di Palazzo d’Accursio. La commemorazione, in diretta sulla pagina Facebook del Comune di Bologna, inizia alle 10 con i rintocchi a festa della grande campana dell’Arengo a cura dell’Unione campanari Bolognesi, e prosegue alle 10.05, in Piazza Nettuno quando il sindaco Virginio Merola, alla presenza della presidente dell’Anpi di Bologna Anna Cocchi, deporrà la corona alla lapide che ricorda i Gruppi di Combattimento dell'Esercito italiano.

A seguire, sulle pagine Facebook del Comune di Bologna, della Fondazione per l’Innovazione Urbana e della Cineteca di Bologna, verrà trasmessa una puntata speciale, dedicata alla Liberazione, del programma di social tv Il volo del colibrì, curato dal Dipartimento Cultura e Promozione della città del Comune di Bologna e dalla Fondazione per l’Innovazione Urbana. 

Nel corso della mattinata, ma senza cerimonie ufficiali, verranno deposte le corone alla lapide che ricorda l'ingresso dei militari Polacchi in Bologna il 21 aprile 1945 in Porta Maggiore; all’ingresso del Parco di Villa Cassarini in ricordo delle vittime omosessuali del razzismo antifascista; al Memoriale della Shoah in ricordo delle vittime del regime nazifascista; presso i cippi dei partigiani caduti nei quartieri della città.

25 aprile - 75° anniversario della Liberazione

Sabato 25 aprile, 75° anniversario della Liberazione, le celebrazioni solenni iniziano alle 10 in Piazza Nettuno con la deposizione della corona al Sacrario dei Caduti Partigiani. La commemorazione viene trasmessa in diretta dalla pagina Facebook del Comune di Bologna.
Interverranno Virginio Merola, sindaco di Bologna, Anna Cocchi, presidente dell’Anpi di Bologna, Elly Schlein, vice presidente della Regione Emilia-Romagna. Al termine della celebrazione, Paolo Fresu intonerà Bella ciao” con la sua tromba.

Dalle 11.15 sulle pagine Facebook del 25 aprile a Monte Sole e della Scuola di Pace di Monte Sole è possibile seguire le celebrazioni a Monte Sole, luogo simbolo della resistenza. 

Dalle 15 l’Anpi nazionale promuove l’iniziativa Il 25 aprile, Bella ciao in ogni casa, la forza della Liberazione in musica dai balconi e dalle finestre.

Inoltre, il Comune di Bologna ha patrocinato il concorso TAAAC...liberi tutti! Chiusi in casa ma aperti all’immaginazione rivolto alle bambine e ai bambini delle scuole primarie cittadine. L'invito è immaginare, attraverso il disegno, quale sarà la prima azione che i bambini faranno quando potranno uscire di casa “liberi” senza restrizioni. L'iniziativa fa parte del progetto TAAAC Torniamo a casa, realizzato da una comunità di professionisti nata in occasione della pandemia da Coronavirus, per dare supporto ai genitori.

Le iniziative dei Musei: Storia e Memoria di Bologna

In occasione della ricorrenza della giornata della Liberazione di Bologna, da martedì 21 aprile 2020, l’iniziativa di narrazioni storiche #aportechiuse avviata dal Museo civico del Risorgimento a seguito della sospensione dell’apertura al pubblico, propone un palinsesto di contributi video e dirette streaming dedicate alla Resistenza partigiana visibili sulla sua pagina Facebook. Per cinque giorni, fino a sabato 25 aprile anniversario della Liberazione nazionale, le voci di operatori museali, storici, studiosi e giornalisti (Pino Cacucci, Manuela Capece, Michela Cavina, Ilaria Chia, Roberto Diolaiti, Mirtide Gavelli, Roberto Martorelli, Elena Musiani, Carlo Pelagalli, Alberto Preti, Otello Sangiorgi, Andrea Spicciarelli, Cinzia Venturoli) si alterneranno per ripercorrere vari aspetti e declinazioni delle lotte che portarono alla liberazione dalla dittatura nazifascista nel territorio bolognese. Al termine di ogni diretta il pubblico potrà commentare e dialogare con i relatori.
Il programma degli interventi è organizzato in collaborazione con 8cento APS, Associazione Amici della Certosa di Bologna, Associazione Didasco e Istituto Storico Parri. L’impegno nel racconto del valore della libertà si intensifica con l’implementazione di nuovi contenuti sul portale StoriaememoriadiBologna.

Fonte documentale di primaria importanza per la ricerca e l’approfondimento sulle vicende della Resistenza, il sito web contiene le schede biografiche di ognuno dei 23.822 combattenti per la libertà di Bologna e Area metropolitana: donne e uomini che a vario titolo hanno partecipato alla lotta di Liberazione tra 1943 e 1945. Ognuno di questi protagonisti maggiori e minori è legato alle 104 organizzazioni (fra brigate, partiti politici, sindacati, etc.) di cui faceva parte, ai 344 eventi e ai 117 luoghi che li vide protagonisti e a volte vittime e ai 4766 files multimediali che sono stati fino ad oggi reperiti per illustrarne al meglio le vicende: foto, audio, documenti testuali o video.

Sul sito e sul canale YouTube collegato Storia e Memoria di Bologna sono rese nuovamente disponibili le testimonianze registrate nei primi anni Duemila di quattro figure della Resistenza bolognese – Ezio Antonioni detto “Gracco”, Adelia Casari detta “Emma” o “Nigrèn”, Maurizio De Maurizi, Romano Poli – a seguito di un intervento di rimasterizzazione per il miglioramento della qualità audio e video e della creazione di sottotitoli adattati per ipovedenti e con lettura facilitata per non udenti. Ogni video è linkato all'interno della scheda del partigiano cui si riferisce e sarà posto inoltre in connessione al luogo in cui è nato e ha operato.

Una pagina del portale è stata inoltre creata per raccogliere le immagini delle 24 bandiere e stendardi delle formazioni partigiane operanti in territorio bolognese, messi a disposizione del Comitato Provinciale A.N.P.I., quest'anno esposte sulla facciata di Palazzo d'Accursio.

Il sito si arricchisce di un’ulteriore nuova gallery con le immagini delle proposte progettuali di manifesti commemorativi per la Festa della Liberazione selezionate negli anni 2014-2020, oltre a tutte quelle presentate per l'anno 2020, nell’ambito di Poster for the city, progetto di comunicazione sociale realizzato dall’Accademia di Belle Arti di Bologna (corso triennale di Design Grafico) con il Comune di Bologna, ideato dal prof. Danilo Danisi, docente di Progettazione Grafica e Computer Graphic.

Ogni anno il concorso di idee coinvolge gli studenti iscritti alle tre annualità del corso accademico per l’elaborazione di progetti dal concept innovativo, con l’obiettivo specifico di rinnovare e restituire la memoria di ricorrenze istituzionali nazionali attraverso una campagna di affissioni caratterizzata da linguaggi adeguati all’odierno scenario urbano.

Finestre Resistenti, libere proiezioni sulla Resistenza, l'iniziativa delle Sardine

Si chiamaFInestre Resistenti, l'iniziativa promossa su Facebook dalle Sardine, che dà appuntamento il 24 aprile alle 21.30 e invita tutti ad aprire le finestre e proiettare immagini e clip a tema Resistenza e Liberazione sulle facciate degli edifici. L'iniziative recita: «sarà un modo per uscire di casa, se non con il corpo, almeno col pensiero… e lo renderemo visibile, partecipato e diffuso su tutto il territorio nazionale… e internazionale!». 

Aderisce all'iniziativa anche la Cineteca di Bologna con il film The forgotten front, nuovo film di Paolo Soglia, che sarà proiettato in parte dal terrazzo del Teatro Comunale in piazza Verdi.

Cineteca: in streaming su My Movies il film The Forgotten Front - La Resistenza a Bologna

Dal 21 al 25 aprile è in streaming su My Movies The Forgotten Front - La Resistenza a Bologna, il nuovo film di Paolo Soglia e Lorenzo K. Stanzani con preziosissimi materiali d’archivio inediti per celebrare il 75° anniversario della LiberazioneThe Forgotten Front è un documentario sulla Resistenza a Bologna che racconta la guerra degli alleati dal 1943 al 1945 sulla linea Gotica, l’occupazione tedesca della città durante la Repubblica di Salò e naturalmente la lotta di Liberazione condotta dai partigiani e dalla popolazione che li sosteneva. Realizzato con filmati d’epoca, è frutto di una laboriosa ricerca che ha permesso di recuperare materiali cinematografici e fotografici inediti. Sul sito della Cineteca di Bologna viene spiegato come vederlo in streaming.

Emila Romagna Teatro: Cinque sguardi sulla Liberazione

In occasione del 75° anniversario della Liberazione d’Italia, ERT Fondazione dedica una programmazione speciale alla celebrazione dei valori fondamentali di questa importante ricorrenza.
Cinque appuntamenti – curati dalle attrici e dagli attori della Compagnia permanente di ERT e incentrati su cinque diversi orizzonti tematici – daranno forma a una riflessione variegata sul tema della Liberazione attraverso letture di documenti concernenti la storia delle nostre comunità, così come di testi letterari, saggistici e poetici, eco delle maggiori voci del panorama intellettuale italiano e internazionale di quegli anni.
A partire da spunti legati al racconto di quel nodale passaggio della vita dei diversi Comuni che compongono la geografia di ERT, sul filo di cinque appuntamenti distribuiti nell’arco della giornata del 25 aprile la riflessione sulla Liberazione si svilupperà così nel segno di altrettante parole chiave: Storia, Resistenza, Libertà, Ricostruzione, Europa. Un ideale percorso linguistico/lessicale e di senso per ragionare insieme tra memoria del passato, consapevolezza del presente e immaginazione del futuro. 
Il programma

15:30 Vignola – Storia
16:15 Castelfranco – Resistenza
17:00 Cesena – Libertà
17:45 Bologna – Ricostruzione
18:30 Modena – Europa

Il 25 aprile nei comuni del bolognese

Il Comune di Baricella sabato inaugurerà la targa dedicata a Sandro Pertini nell'omonima Piazza, per condividere con i cittadini questo momento sarà realizzato e diffuso un video.

L'Amministrazione comunale di Bentivoglio ha invitato bambini e ragazzi a realizzare un disegno, un pensiero o un lavoretto per celebrare il tema della Liberazione. Il materiale ricevuto sarà raccolto in un album e pubblicato sulla pagina Facebook del Comune nella giornata del 25 aprile. Anche gli adulti possono partecipare inviando una frase, una foto che ricordi l’importanza della ricorrenza (entro la mattina del 24 aprile alla mail di segreteria del Comune indicando nome e cognome). Mercoledì 22, giorno della liberazione di Bentivoglio, la pagina facebook dell'amministrazione ospiterà il video del discorso del sindaco e del presidente dell'ANPI di Bentivoglio.

Diversi gli eventi organizzati a Calderara di Reno: dal 21 al 24 aprile sulle pagine Facebook e Instagram saranno pubblicate le letture, realizzate da alcuni membri del Consiglio Comunale dei Ragazzi e del Consiglio Comunale, dedicate alle vite di partigiani e partigiane, al "Discorso agli studenti di Piero Calamandrei", alla poesia “Avevo due paure”  di Giuseppe Calzani. Tutti i video saranno pubblicati anche sul sito del Comune.

Il Comune di Casalecchio, in collaborazione con Casalecchio delle Culture, ANPI Casalecchio e le associazioni del Tavolo della Memoria, celebrerà l'anniversario raccogliendo brevi video di cittadini e associazioni che hanno risposto alla domanda “Che cos’è per te il 25 Aprile?”. I video, insieme ad altri contributi, verranno pubblicati sabato alle 16 sulla pagina Facebook del Comune.

l Servizio Biblioteche Comunali e la Libreria Atlantide di Castel San Pietro Terme pubblicano nella loro pagina, su www.cspietro.it e nella pagina facebook del Comune, proposte di lettura a tema che comprendono: 13 ebook, 6 libri digitali, 4 audiolibri, due racconti audio, una proposta di e-learning, 6 video. Inoltre, la mattina del 25 aprile nella pagina Facebook del Corpo Bandistico Città di Castel San Pietro sarà pubblicato un video con brani musicali, che solitamente caratterizzano il corteo che si tiene in occasione della Liberazione. Nel pomeriggio, invece, nella pagina Facebook dell’associazione Uroboro, sarà pubblicato il video realizzato dalla stessa Uroboro insieme ad Anpi, in sostituzione della manifestazione “Liberamusica” che quest’anno avrebbe compiuto 15 anni. Si tratterà di un montaggio di video musicali a cura di alcuni artisti che si sono esibiti nelle precedenti edizioni alternati a letture a tema sulla Liberazione. I link a questi video saranno pubblicati anche nel sito e pagina facebook del Comune.

Il Comune di Castenaso pubblicherà sul sito un video commemorativo realizzato da Anpi Castenaso insieme ai ragazzi delle scuola secondaria di I grado 'Gozzadini' di Castenaso.

Granarolo dell'Emilia dal 21 al 25 aprile video, musicali e poesie sulla Resistenza saranno pubblicati sulla pagina Facebook "Città di Granarolo dell'Emilia".

Imola, a partire dalla sera del 24 aprile e fino al 2 giugno prossimo, al calare del sole la parte della facciata del Municipio posta sopra l’ingresso di piazza Matteotti sarà illuminata con il tricolore.

Medicina alle 11 di sabato 25 verranno trasmessi l'Inno di Mameli e Bella Ciao dai megafoni di Piazza Garibaldi e via Libertà. L'Amministrazione comunale, inoltre, ha chiesto ai cittadini di appendere un tricolore alle proprie finestre e di inviare una o più foto al Comune.

Minerbio, dalla serata del 24 aprile, le luci del tricolore illumineranno la Scuola Primaria Achille Casanova della frazione di Cà de' Fabbri. Sui social il Comune invita la cittadinanza ad appendere alle finestre le bandiere tricolore e a scattarsi un ritratto da mandare all'Amministrazione. L'obiettivo è realizzare, anche se distanti, un album fotografico collettivo del 25 Aprile.

Anche Molinella ha in programma un evento che sarà trasmesso sulla pagina Facebook del Comune.

Pianoro il Comune e l’Anpi, hanno deciso di onorare la Memoria dei Martiri caduti per la Libertà devolvendo l'importo della mancata deposizione delle corone alla “Raccolta fondi emergenza coronavirus”, sul conto corrente intestato al Comune di Pianoro.

Pieve di Cento ha pubblicato sul sito una bibliografia dedicata alla Liberazione mentre l'Unione Reno Galliera ha preparato un happening Liberazione  dalle 15.30 sull'ideale palco del teatro digitale si avvicenderanno l'attrice, Rossella Dassu, la storica, Cinzia Venturoli, e gli otto sindaci dei Comuni dell'Unione, che racconteranno storie e aiuteranno a comporre un album di memorie. L'appuntamento è sulla pagina facebook e sul suo canale YouTube dell'Unione. I dettagli e il video “La resistenza in pianura” sono sul sito dell'Unione.

Diverse le iniziative organizzate a San Lazzaro di Savena: oggi Mediateca Cineclub propone il film di Paolo e Vittorio Taviani Una questione privata (2017), tratto dall’omonimo romanzo di Beppe Fenoglio. Venerdì 24 aprile invece, la rassegna di reading Verso sera con Giulia Franzaresi e musiche di Alberto Capelli, sarà dedicata all’opera Il partigiano Johnny di Beppe Fenoglio, alle 19 sul canale YouTube della Mediateca. Sabato 25 aprile allievi, spettatori, insegnanti, amici dell’ITC Teatro leggeranno testi e poesie sulla Resistenza, non solo italiana. Queste letture partecipate saranno pubblicate come playlist sul canale YouTube dell’ITC Teatro-Compagnia Teatro dell’Argine.

Sasso Marconi pubblicherà sul sito del Comune i messaggi (foto, video, canzoni ecc.) inviati in questi giorni da cittadini, studenti e associazioni per raccontare il proprio "essere comunità".

Valsamoggia dal 25 aprile al 1° maggio pubblicherà sulla pagina Facebook materiale d'archivio e pillole video, tra cui il cortometraggio di Luca Pedretti e Gianluca Nanni "C'è la guerra sulle stelle?" e “La neve cade dai monti” di Tomax Teatro, che ricorda, tra gli altri, il partigiano bazzanese Mario Anderlini. Saranno pubblicati anche contributi realizzati dagli studenti delle scuole del territorio e letture, sempre su Facebook, a cura della compagnia Teatro delle Temperie.

Zola Predosa propone  un ricco programma di appuntamenti (dalle 9 alle 21) attraverso la sua pagina Facebook e il sito istituzionale, con la diffusione di materiali storici inediti e contributi video provenienti da ospiti esterni e associazioni del territorio. Alle 15 anche Zola aderirà all'evento di ANPI nazionale Bella Ciao in ogni casa, invitando la cittadinanza ad esporre il tricolore e a cantare Bella Ciao da finestre e balconi.

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.