La cultura che fa bene: la raccolta fondi per il Sant'Orsola con i biglietti aperti per la mostra - Bologna

La cultura che fa bene: la raccolta fondi per il Sant'Orsola con i biglietti aperti per la mostra

Mostre Bologna Venerdì 13 marzo 2020

Bologna - Avrebbe dovuto essere la mostra dell'anno a Bologna. C'era infatti grande attesa per l'apertura prevista a marzo della mostra che avrebbe riportato tutto intero il Polittico Giffoni nella città dov'è nato. Per il momento la mostra è sospesa, ma Genus Bononiae ha deciso di promuovere un gesto concreto di sostegno alla cultura e alla sanità pubblica, messi a dura prova dall'emergenza: chiunque acquisterà on line dai rivenditori autorizzati il biglietto open per la mostra La riscoperta di un capolavoro (che avrebbe dovuto aprire al pubblico proprio in data odierna) sosterrà anche l’Unità Operativa di Malattie Infettive del Policlinico bolognese Sant’Orsola.

Il biglietto open verrà dai suddetti rivenditori, che hanno accolto la richiesta di Genus Bononiae, venduto a 18 Euro dei quali 5 Euro andranno a sostegno dell’emergenza sanitaria, gli incassi verranno devoluti a un conto corrente appositamente dedicato (biglietti acquistabili al link di Genus Bononiae).
 
A promuovere l’iniziativa è Fabio Roversi-Monaco, Presidente di Genus Bononiae. Musei nella città e del Festival della Scienza Medica, che ogni anno porta a Bologna premi Nobel, ricercatori e scienziati di fama mondiale con l’obiettivo di avvicinare e rendere accessibile al grande pubblico la cultura medico-scientifica e le sue sfide, con la fondamentale collaborazione dell’Università di Bologna. 
 
"Avremmo dovuto aprire una mostra alla quale lavoriamo da due anni, con impegno e passione sincera nella consapevolezza di essere parte di un’avventura culturale ed artistica unica. Lo stop alle aperture dei Musei su tutto il territorio nazionale è arrivato ad allestimento già pressoché completato – dice Roversi-Monaco - Un provvedimento doveroso quanto doloroso per noi e per tutto il mondo della cultura. Difficile nascondere il nostro stato d’animo: eravamo ansiosi di condividere la bellezza della quale abbiamo avuto il privilegio di riempirci gli occhi in questi giorni di allestimento. Siamo però, oggi, anche orgogliosi di poter fare la nostra parte in un momento così delicato, e abbiamo deciso di tradurre in un gesto concreto la gratitudine che sentiamo nei confronti delle nostre strutture sanitarie. Chiediamo a tutti quelli che aspettavano questa mostra con ansia e interesse un atto di fiducia e di speranza, attraverso l’acquisto del biglietto, che diventa anche un gesto di solidarietà.”
 
Di qui l’idea di devolvere parte degli incassi al Sant’Orsola, eccellenza del sistema sanitario regionale e nazionale, in prima linea nella gestione dell’emergenza sanitaria Coronavirus.

Potrebbe interessarti anche: , Van Gogh Multimedia & Friends, la mostra a Parma: date, orari e biglietti , A Bologna dal 3 giugno si torna sulla Torre degli Asinelli. Riparte il turismo , Banksy a Ferrara, la mostra a Palazzo dei Diamanti: date, orari e biglietti , Polittico Griffoni: a Palazzo Fava apre la mostra che riporta il capolavoro a Bologna , Robert Doisneau: a Bologna riapre la mostra a Palazzo Pallavicini

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.