Dracula con Luigi Lo Cascio in scena a Bologna al Teatro Duse

Dracula con Luigi Lo Cascio in scena a Bologna al Teatro Duse

Teatro Bologna Sabato 8 febbraio 2020

© Filippo Manzini

Bologna - Dal 7 al 9 febbraio il Teatro Duse a Bologna ospita Dracula, il riadattamento teatrale del noto libro di Bram Stoker diretto da Sergio Rubini. Uno spettacolo di 105 minuti che porta lo spettatore all’interno del mondo di Dracula, raccontando le vicende del procuratore Jonathan Harker (Luigi Lo Cascio) che affronta un viaggio in Transilvania per curare l’acquisto di un appartamento a Londra da parte del Conte (Geno Diana).

Da questo sciagurato incontro la sua vita si complica: la moglie Mina (Alice Bertini) è vittima di una maledizione lanciata proprio da Dracula e per questo motivo viene rinchiusa in un manicomio perché ritenuta pazza dal marito; qui incontra il Dottor. Sewald (Roberto Salemi), Van Helsing (Sergio Rubini) e il pazzo Renfield (Lorenzo Lavia), reso schiavo dal vampiro. Grazie all’ipnosi e a un diario scritto da Harker durante il suo ritorno nella capitale inglese, Van Helsing svela a tutti che il responsabile del male di Mina è proprio questo misterioso Conte, che altro non è che una strana creatura infernale, un vampiro. Da questo momento il gruppo si impegna a catturare il terribile Dracula per ucciderlo e disfarsi, quindi, della maledizione di Mina; proprio alla fine, nella fredda cornice della Transilvania, riescono nel loro intento e si liberano quindi del malefico vampiro.

Dracula di Cavalluzzi e Rubini è un riadattamento teatrale sapientemente organizzato negli spazi del palco e nelle atmosfere: nonostante la presenza di una scenografia abbastanza scarna e minimal, l’uso delle luci e dei cambi di scena proiettano lo spettatore in uno scenario misterioso e ricco di pathos. L’interpretazione degli attori è magistrale in ogni parte, anche se la trama in alcuni punti rimane lenta e poco comprensibile; la vera star dello spettacolo è Luigi Lo Cascio che rapisce, colpisce e stupisce il pubblico, avvolgendolo in un’eccezionale e coinvolgente performance. Un attore con la A maiuscola che traina tutto il cast durante la serata e riesce a colmare alcuni vuoti narrativi/scenografici della messa in scena.

Se da un lato troviamo un Lo Cascio profondo, incalzante e superbo dall’altro, purtroppo, la figura di Dracula viene mestamente messa da parte. Pur se presente nella trama di tutto lo spettacolo, il Conte, interpretato da Geno Diana, fa la sua apparizione pochissime volte; niente da togliere all’interpretazione dell’attore, ma è proprio il personaggio che in scena si presenta come una figura rozza e chiassosa, vestito malamente con una camicia sbottonata e i capelli incolti. Un Dracula lontano dall’immaginario collettivo e dagli altri remake, che è ben diverso dal personaggio misterioso, elegante, nobile e allo stesso tempo terrificante che tutti ricordano. Il Conte perde in questo spettacolo la sua aurea di “prestigio” per essere spodestato completamente dagli altri personaggi, e soprattutto da un perfetto Luigi Lo Cascio che diventa il vero e unico protagonista

Potrebbe interessarti anche: , Ai 300 scalini arriva la rassegna Ins-Orti, teatro, trekking e attività olistiche , Crinali Teatro: gli spettacoli a Monte sole, da Maria Amelia Monti a Marco Paolini. Il programma , Festival Scena Natura 2020 al Fienile Fluò: teatro, musica e cinema all'aperto , Itc Village 2020: sere d'estate al Teatro dell'Argine. Il programma , SerEstate 2020: teatro per bambini al Testoni Ragazzi. Il programma

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.