Fave dei Morti e Piada dei Morti: le ricette tradizionali dell'Emilia Romagna per la commemorazione dei defunti - Bologna

Food Bologna Mercoledì 30 ottobre 2019

Fave dei Morti e Piada dei Morti: le ricette tradizionali dell'Emilia Romagna per la commemorazione dei defunti

Bologna - La fine di ottobre e l'inizio di novembre sono per tradizione il periodo dedicato ai defunti. Non c'è solo Halloween, festa anglo sassone e ormai commerciale, ma che affonda le sue radici nelle antichità celtiche: sono molti i riti e le usanze nostrane legate a questo particolare momento dell'anno, dal visitare i cimiteri a preparare dolci per i defunti ed in alcune regioni anche sfilare bussando alle porte delle case o far trovare regali ai bambini da parte delle anime dei parenti morti. 

Per quanto riguarda l'aspetto gastronomico, l'Emilia Romagna ha una particolare tradizione con due ricette che vengono poste sulle tavole nei primi giorni di novembre: le Fave dei Morti e la Piada dei Morti

Fave dei Morti

La Fave dei Morti sono un dolce che si ritrova in molte varianti in buona parte dell'Italia e con nomi diversi (Ossa dei morti, dita dei morti...). Spesso di forma allungata e preparati con le mandorle, fanno riferimento alle ossa proprio per ricordare i morti a cui sono dedicati. La ricetta delle Fave dei Morti è presente anche nel grande ricettario di Pellegrino Artusi, La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene ed è piuttosto semplice e rapida da realizzare, sia per gli ingredienti, sia per la preparazione.

Ingredienti

  • 200 grammi di mandorle da polverizzare (o farina di mandorle)
  • 100 grammi di farina
  • 100 grammi di zucchero
  • 1 uovo
  • 30 grammi di burro (oppure equivalente quantità di olio di semi)
  • 1 cucchiaino di cannella o scorza di 1 limone

Preparazione

È necessario un mixer per tritare finemente le mandorle o polverizzarle, per poi unirle insieme agli altri ingredienti in una ciotola e ottenere un impasto compatto, morbido e granuloso. Nel caso in cui l'impasto risultasse troppo duro è possibile aggiungere un po' d'acqua tiepida o del rhum. Ungete una teglia oppure foderatela con della carta forno. A questo punto è necessario creare con l'impasto delle palline a cui poi potete dare la forma allungata (tipo fava) schiacciandole. Le Fave dei Morti devono cuocere nel forno preriscaldato a 180° per 15-20 minuti o comunque fino a che non siano ben dorate.

Piada dei Morti

A Rimini e in Romagna c'è un'altra ricetta tipica: la Piada dei Morti, una focaccia dolce e soffice arricchita di frutta secca, principalmente mandorle e pinoli. La preaparazione è semplice, ma piuttosto lunga a causa della lievitazione, quindi dovrete avere parecchio tempo a disposizione. 

Ingredienti

  • 250 grammi di farina
  • 25 grammi lievito di birra da sciogliere in un po' di latte tiepido
  • 50 grammi di zucchero
  • uva sultanina (quanto basta)
  • 1 pizzico sale
  • 3 uova intere
  • 50 grammi di burro fuso
  • noci sgusciate (quanto basta)
  • mandorle (quanto basta)
  • pinoli (quanto basta)

Preparazione

In un pentolino versate due cucchiai di latte e un cucchiai di zucchero e fate sciogliere a fuoco molto lento il lievito di birra, lasciandolo cuocere per 20 minuti, senza arrivare all'ebollizione.  Disponete poi la farina su un tagliere e aggiungete lievito di birra, zucchero un pizzico di sale, il burro e l'uva sultanina, impastando bene. Passate poi l'impasto in una ciotola e lasciatelo a lievitare per 2-3 ore, finché non avrà raddoppiato il suo volume. 

A questo punto stendete l'impasto su una teglia e lasciatelo lievitare per un'altra ora. Poi potrete ricoprirlo con noci, mandorle e pinoli. Mescolate l'ultimo uovo con un po' di zucchero e spennellatelo sopra all'impasto steso. Preriscaldate il forno a 200 gradi e cuocete per 30 minuti. 

Potrebbe interessarti anche: , Guida Michelin 2020: i ristoranti stellati a Bologna e in Emilia Romagna (tra novità e conferme) , 8 Ristoranti Vegetariani a Bologna da non perdere , 8 locali a Bologna dove mangiare bene e spendere poco , Sagre a Bologna a novembre 2019: dal Baccanale di Imola a San Martino, tra tartufi e tortellini , Street Food a Bologna: 10 locali dove mangiare il miglior cibo di strada

Mentelocale.it indica in modo indipendente alcuni link di prodotti e servizi che si possono acquistare online. In questo testo potrebbero comparire link a siti con cui mentelocale.it ha un’affiliazione, che consente all'azienda di ricavare una piccola percentuale dalle vendite, senza variazione dei prezzi per l'utente.

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.