Itc Teatro: la stagione 2019/2020 nel segno dell'Inimagginabile - Bologna

Teatro Bologna Venerdì 20 settembre 2019

Itc Teatro: la stagione 2019/2020 nel segno dell'Inimagginabile

Bologna - Al via la Stagione 2019/2020 di Itc Teatro, tra spettacoli, festival delle scuole, appuntamenti per i bambini, rassegna di saggi dei laboratori, vetrina della solidarietà e tanti altri appuntamenti che portano il teatro comunale di San Lazzaro a raggiungere oltre 300 aperture di sipario ogni anno

L’inimmaginabile è immaginabile, questo il titolo della Stagione dell’ITC Teatro, con la direzione artistica del Teatro dell’Argine, una stagione con ben 23 spettacoli divisa in tre diversi cartelloni: Teatro, le proposte del weekend, spettacoli e artisti noti al grande pubblico e alla critica; Solo all’ITC, spettacoli di compagnie che non è dato vedere abitualmente nel nostro territorio; Non solo Teatro, iniziative speciali, festival, appuntamenti di poesia e danza.

Il Teatro dell’Argine inaugura il ventunesimo anno di attività dell’ITC Teatro con una stagione ricca di incontri e appuntamenti speciali, riflessioni ed emozioni «per ridare centralità alle storie, alle persone, alle storie delle persone, nella convinzione dell’unicità di ciascuna di esse e dunque della loro importanza. Per sollevarci alla grazia della meraviglia e regalarci, per un istante, l’impagabile sensazione che tutto ciò che viviamo appartenga alla bellezza» dice il direttore artistico Nicola Bonazzi

Il mese di ottobre sarà dedicato alle fragilità con tre appuntamenti: uno spettacolo e un convegno nell’ambito della Giornata internazionale dei risvegli, a cura de Gli amici di Luca onlus/Casa dei Risvegli Luca De Nigris e Teatro dell’Argine; la prima edizione di Reteteatri Festival, a cura di Teatri Solidali, con un evento che vuole veicolare visioni derivate dal lavoro ai margini di chi opera nell’ambito del disagio individuale e collettivo; e una speciale replica di Emigranti Esprèss, di e con Mario Perrotta, il cui ricavato andrà a favore di N.O.V.A. Onlus per le adozioni internazionali.

Si entra poi nel vivo della Stagione con ospiti eccezionali come la star della danza internazionale Jan Martens che, con Passing the Bechdel Test (nell’ambito di Teatro Arcobaleno, in collaborazione con Gender Bender) porta in scena in un gruppo di adolescenti alle prese con questioni quali la diversità e l’uguaglianza di genere; e Giuliana Musso con La Scimmia, monologo in cui la grande attrice friulana impersona un essere per metà scimmia e metà uomo, portando in scena il resoconto di una drammatica strategia di sopravvivenza. Tornano inoltre sul palco dell’ITC Teatro Laura Curino nel toccante Il rumore del silenzio, spettacolo presentato in anteprima al pubblico dell’ITC sulle struggenti storie delle vittime della strage di Piazza Fontana; Elena Bucci, protagonista del melologo Nella lingua e nella spada che si ispira all’incontro fra il poeta e rivoluzionario greco Alekos Panagulis e la giornalista e scrittrice Oriana Fallaci; Babilonia Teatri con la nuova produzione Padre Nostro che indaga la questione della paternità a partire dalla fiaba Hansel e Gretel; e ancora Oscar De Summa con Soul Music, una storia di conflitti e passioni dal respiro generazionale. Si susseguiranno nel corso della stagione altri “big” del panorama teatrale nazionale: l’ironica Lella Costa con Questioni di Cuore, un viaggio attraverso la vita sentimentale e sessuale degli italiani a partire dalle Lettere del cuore di Natalia Aspesi sul Venerdì di Repubblica; il Premio Ubu Roberto Latini alle prese con la furente inventività della lingua testoriana di In Exitu. Non mancherà l’attenzione ai vincitori dei maggiori premi teatrali nazionali – Collettivo LunAzione con Il colloquio (Premio Scenario Periferie 2019), Controcanto Collettivo con Settanta volte sette (Teatri del Sacro), Fabiana Iacozzilli con La Classe (Premio In-Box 2019), – e a compagnie giovani o già affermate che però difficilmente transitano nel nostro territorio (Koreja, ReSpirale Teatro, Qui e Ora Residenza Teatrale con la collaborazione artistica dei Fratelli Dalla Via, Katalyst, Suq Festival con Carla Peirolero, NoveTeatro).

Contemporaneamente, il Teatro dell’Argine presenterà le proprie produzioni, che come sempre provano a scandagliare la contemporaneità o il passato come veicolo di comprensione del presente: Nel ventre e Io, trafficante di uomini. Nel ventre narra la storia di un’attesa: quella di Ulisse, Epeo, Neottolemo e un pugno di soldati, nascosti dentro il famoso cavallo, fuori dalle mura di Troia, nell’ultimo capitolo della lunghissima guerra. A partire dall’Iliade di Omero, lo spettacolo è una narrazione sul dover essere, sul destino, sul dubbio, sul dover scegliere e soprattutto sulla paura di farlo condotta da un efficacissimo Stefano Panzeri. Io, trafficante di uomini svela i retroscena della tragedia dei migranti che ogni anno arrivano in Europa e cadono vittime di un’industria fatta di grandi professionisti del crimine. Tratto dal libro Confessioni di un trafficante di uomini di Giampaolo Musumeci e Andrea Di Nicola, tradotto e pubblicato con successo in sei paesi, lo spettacolo vede protagonisti lo stesso Musumeci, giornalista e scrittore, e l’attrice Margherita Saltamacchia, che illuminano il volto dei diabolici attori di questo grande teatro mondiale, rivelando che cosa davvero si muove dietro la massa di disperati che riempiono le pagine dei giornali.

Ad arricchire la stagione, tornano anche quest’anno due appuntamenti dedicati al pubblico: l’Aperitivo con il critico sul Teatrobus (nel cortile dell’ITC), momento conviviale e di approfondimento pre-spettacolo a cura di Massimo Marino affiancato da altri nomi di rilievo della critica nazionale; e gli ormai consueti incontri con le Compagnie dopo gli spettacoli (in allegato il calendario degli appuntamenti).

A partire da domenica 20 ottobre torna la rassegna di teatro dedicata all’infanzia e alla gioventù a cura del Teatro dell’Argine, in collaborazione con Comune di San Lazzaro di Savena, Città metropolitana di Bologna, Regione Emilia-Romagna e Ministero dei beni e delle attività culturali, partner di comunicazione Profili.

La Stagione Junior propone spettacoli per bambini, bambine, adolescenti e famiglie (in allegato il dettaglio della rassegna). Fra questi, C’era una sVolta, l’ultima produzione del Teatro dell’Argine, nata con la volontà di raccontare ai bambini e alle bambine che possono essere se stessi, ascoltando i propri sogni e le proprie inclinazioni, ignorando gli schemi, anzi... provando a romperli. A questo lavoro si affiancano spettacoli divertenti e poetici, ispirati a fiabe tradizionali o nati da drammaturgie originali, che uniscono arti circensi, danza e musica dal vivo e che non sono rivolti esclusivamente ai più piccoli ma raccolgono l’interesse di tutta la famiglia. Due gli appuntamenti speciali: quello con Passing the Bechdel Test, spettacolo che affronta, con i linguaggi della parola e della danza, i temi dell’identità di genere e che viene presentato nell’ambito di Teatro Arcobaleno; e quello con Stone Play, un viaggio avvincente alla scoperta della terra dei Boscimani, popolazione antichissima del Sud Africa occidentale ricca di fascino e mistero, presentato nell’ambito di Visioni Festival 2020.

Come di consueto, la stagione dell’ITC Teatro ha anche molti altri appuntamenti da non perdere: tra questi, sicuramente il Festival delle Scuole, che nel 2018 ha contato oltre 5.000 partecipanti, e Le Regole del Gioco, la rassegna di fine anno dei corsi per principianti.

Potrebbe interessarti anche: , Gianni Morandi aggiunge nuove date a Stasera Gioco in Casa al Duse di Bologna , Bestiario del Firmamento: il nuovo Sipario d'Autore del Teatro Duse di Bologna , Teatro Comunale Bologna: la stagione di opera e danza 2020 , Arena del Sole, la stagione 2019/2020 con Zerocalcare, Emma Dante e Marco Paolini , Teatro Duse a Bologna: la stagione 2019/2020 con Gianni Morandi, Filippo Timi, Michela Murgia e Cesare Bocci

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.