Outdoor Bologna Venerdì 21 giugno 2019

Parchi e giardini a Bologna: le oasi verdi in città

Panoramica di Bologna dal Parco di Villa Spada

Bologna - Bologna non è solo portici e tortellini. Non tutti sanno, infatti, che il capoluogo emiliano nasconde tra le proprie vie numerosi parchi e giardini dove poter rifugiarsi dallo stress della città e ritagliarsi un momento di relax o di compagnia immersi nel verde.

L’offerta delle aree verdi di Bologna è molto vasta e variegata; la città, infatti, ospita, sia in centro che fuori le mura, un gran numero di giardini e parchi di tutte le dimensioni e adatti ad ogni genere di pubblico.

Sia per gli appassionati di sport all’aria aperta che per i ragazzi in cerca di eventi e musica, ma anche per le famiglie, gli anziani e i più piccini a Bologna è possibile trovare il proprio parco su misura.

Soprattutto con l’arrivo dell’estate e del caldo, i giardini bolognesi diventano il punto di ritrovo preferito da chi abita in città e cerca sollievo dall’afa estiva.

Quali sono quindi i parchi principali di Bologna?

GIARDINI MARGHERITA

I più famosi e conosciuti sono senza dubbio i Giardini Margherita, tra Porta Santo Stefano e Porta Castiglione. È uno dei parchi più estesi della città: conta infatti una superficie di 26 ettari. Fu realizzato su disegno del piemontese Sambuy e venne inaugurato nel 1879 con il nome di passeggio Regina Margherita (in omaggio alla moglie di Umberto I). Dal sapore romantico, all’interno dei Giardini Margherita si trovano ampi viali alberati, un piccolo lago contornato da finte scogliere di gesso e popolato da pesci e uccelli acquatici, vasti prati e numerosi boschetti di querce. Durante i lavori per la realizzazione, venne alla luce un sepolcreto etrusco, dal quale proviene la pregevole tomba in travertino che si ammira ai margini del prato centrale. L’antico canale di Savena, una delle vie d’acqua che un tempo caratterizzava la città, attraversa tutt’oggi il parco nel suo tratto all’aperto.Nel cuore verde dei Giardini, inoltre, ci sono le Serre dei Giardini, uno spazio di coworking dedicato ad eventi e progetti culturali e sociali.

PARCO DELLA MONTAGNOLA

Il più antico e centrale parco di Bologna è il Parco della Montagnola in via Irnerio 2/3. È ampio circa 6 ettari e la sua posizione tra la stazione ferroviaria e l’autostazione ne fa, da una parte, un luogo nevralgico della città dall’altra un punto di aggregazione. Nato sulle macerie della rocca di Porta Galliera, con un aspetto molto diverso dall’attuale, fu parzialmente destinato all’uso pubblico nel 1662. La sistemazione definitiva del parco si deve al periodo napoleonico, infatti, ad oggi si possono ancora trovare le grandi chiome di platani risalenti a quell’epoca. Di grande impatto visivo è la monumentale scalinata d’ingresso risalente alla fine dell’Ottocento – il Pincio di Bologna, realizzato nel 1896 su progetto di Tito Azzolini e Attilio Muggia, alla cui base si trova una fontana. Nei giorni di venerdì e sabato la Montagnola fa da cornice a uno dei mercati più importanti di Bologna con esposizione di abiti, biancheria, tessuti, scarpe, utensili, usato e artigianato.

PARCO DI VILLA GHIGI

Spostandosi verso Porta San Mamolo, appena fuori porta, si trova il Parco di Villa Ghigi con 28 ettari di superficie. Aperto al pubblico nel 1975 e gestito dalla Fondazione Villa Ghigi dal 2004, per la sua varietà e buona naturalità rappresenta un campione rappresentativo del paesaggio collinare bolognese. È infatti un luogo tranquillo e appartato dove sono ancora ben riconoscibili i vecchi appezzamenti agricoli, ai quali fanno da cornice lembi di bosco, un boschetto ornamentale presso la villa e una piccola e curiosa faggeta (recintata e accessibile solo a visite guidate).

PARCO DI VILLA SPADA

Sempre nelle vicinanze, presso Porta Saragozza, si estende per 6 ettari il Parco di Villa Spada. All’interno del giardino si erge l’omonima Villa Spada, una villa settecentesca di stile neoclassico costruita dall'architetto italo-svizzero Giovanni Battista Martinetti. Dai punti più elevati (120 m) si godono begli scorci sul centro storico, incorniciato dalle chiome dei tanti sempreverdi mediterranei quali cipressi, allori e pini. Villa Spada ospita uno dei rari esempi bolognesi di giardino all’italiana, realizzato tuttavia in un’epoca nella quale in Europa già si era affermato il giardino all’inglese. In questa parte affascinante del parco si trovano grandi vasi di terracotta con alberelli di arancio e limone e numerose sculture di Giacomo De Maria.

PARCO 11 SETTEMBRE E PARCO DEL CAVATICCIO

Nei pressi del Pratello, nell’area dell’ex manifattura Tabacchi, si trovano il Parco 11 Settembre e il Parco del Cavaticcio. Quest’ultimo prende il nome dal canale Cavaticcio, derivato da quello del Reno, che qui faceva un salto di ben 15 metri, e veniva sfruttato come fonte di energia dai numerosi opifici (fabbriche e mulini) esistenti in questa zona fin dal XII secolo. Il Parco del Cavaticcio, completato nel 2011, ospita una vera e propria galleria d’arte all'aria aperta dove si possono ammirare sculture di Giò Pomodoro, Mimmo Paladino, Gilberto Zorio, Giuseppe Maraniello e altri, e ospita eventi e manifestazioni di livello internazionale. Dall’altra parte di via Azzo Gardino, invece, è possibile entrare nel Parco 11 settembre. Il parco è completamente delimitato da una recinzione di mattoni, presenta ampie superfici tenute a prato con pochi grandi pioppi neri e qualche impianto recente di querce e aceri.

ORTO BOTANICO

Infine, addentrandosi nella zona Universitaria, vicino Porta San Donato è situato l’Orto Botanico dell’Università di Bologna, uno dei più antichi d'Italia. Fu fondato, infatti, nel 1568 per iniziativa di Ulisse Aldrovandi. Occupa una superficie di circa 2 ettari e presenta da un lato, singole collezioni di particolare pregio e, dall’altro, la ricostruzione di ambienti naturali nei quali le specie vegetali sono associate in modo simile a quanto avviene in natura.

Potrebbe interessarti anche: , Via Mater Dei, in cammino tra i santuari mariani dell'Appennino , Parchi avventura a Bologna e dintorni, tra arrampicate, percorsi estremi e attività per bambini , Cosa vedere a Bologna in due giorni? I 10 luoghi da visitare assolutamente , Estate 2019 a Bologna: sempre più turisti stranieri a spasso tra i musei e l'Appennino , Parco astronomico di Loiano, visita all'osservatorio di Bologna a caccia di stelle

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.