Food Bologna Mercoledì 12 giugno 2019

Ristorante Marconi a Bologna: 10 anni di stella Michelin per la chef Aurora Mazzucchelli

Lumache
Altre foto

Bologna - Ha aspettato la bella stagione di quest’anno Aurora Mazzucchelli per festeggiare. La ricorrenza? Una delle più importanti per chi dedica il proprio lavoro e la propria vita all’alta cucina: la sua stella Michelin ha compiuto dieci anni. Era il 2008 quando la Rossa ha insignito la giovane chef e il suo Ristorante Marconi di Sasso Marconi dell’ambito riconoscimento, lo stesso che per un decennio le è stato riconfermato edizione dopo edizione, compresa quella della guida 2019, lanciata a fine anno scorso.

Accanto ai tanti ristoranti tradizionali del capoluogo emiliano e dei comuni limitrofi, tra tigelle e tortellini, la Bologna che apprezza il fine dining ha imparato nel tempo ad amare la cucina creativa e attenta al prodotto di Aurora, sempre affiancata in quest’avventura del fratello Massimo.

La festa, tenutasi il 9 giugno alla presenza di amici, clienti e colleghi, non è stata pura autocelebrazione ma un’occasione per sottolineare che: «In dieci anni abbiamo sempre cercato la bellezza. Il nostro concetto di ristorazione vede il ristorante come luogo di coccola, eleganza, cortesia», spiega la chef già allieva del bistellato Gaetano Trovato.

Correva l’anno 2000 quando Aurora e Massimo Mazzucchelli, maître e sommelier, presero in mano il ristorante di famiglia e subito iniziarono la loro piccola rivoluzione fatta di ingredienti ricercati, accostamenti inediti e servizio impeccabile. Una scelta audace in un territorio, che comunque la chef omaggia spesso e volentieri, in cui i piatti classici sono ancora così fortemente amati e richiesti.

Ci vollero otto anni perché la stella confermasse, assieme ad una serie di riconoscimenti arrivati prima e dopo, che la direzione intrapresa era quella giusta. Una voglia di sperimentare e di scoprire che non passa mai. Lo dimostra la recentissima apertura del Mollica, il loro forno accanto al ristorante gastronomico, per cui Massimo ha appena lasciato le redini della sala del Marconi. A ricoprire il suo ruolo un talento preparato come Gabriele Bianchi, che ha ottenuto, con i suoi soli ventitré anni, il primo posto come Miglior Cameriere del Nord Italia alle selezioni di Emergente Sala 2019, svoltesi in occasione del Merano Wine Festival.

A spiegare come la stella non sia stata un motivo per adagiarsi sugli allori ma per alzare maggiormente il tiro lo spiega direttamente Massimo: «Le emozioni sono state tantissime quando l’abbiamo ricevuta. È stato immediatamente un grande stimolo. Un cambiamento in meglio che ci ha portati, da giovani spericolati che eravamo, a tuffarci in una nuova identità del Ristorante Marconi. La stella Michelin ci ha dato i mezzi per andare oltre e credere nel futuro».

Che siate degli abitué di indirizzi gourmet o dei curiosi profani, al Ristorante Marconi potete scegliere alla carta oppure optare per i menu degustazione (5 portate a 75 euro, 9 portate a 110 euro). Tra i piatti iconici ora in carta i Canestrelli cotti nel fieno e camomilla, i Maccheroni al torchio anguilla affumicata, ostriche crude e spinaci, il Diaframma di manzo, alghe rosse e cipollotti caramellati, le Lumache, verdure dell’orto e salsa burro all’abete rosso.

Potrebbe interessarti anche: , Dinner in the Sky: a Cattolica arriva il ristorante tra le nuvole. Prezzi, informazioni e orari , Sagre a Bologna ad agosto e settembre: dal Tartufo Nero al Mirtillo, tra vino e miele , 7 ristoranti dove mangiare all'aperto a Bologna , Dove mangiare low cost a Bologna: i 5 posti più economici per una pausa pranzo veloce e non solo , Sagre a luglio a Bologna e provincia: cocomeri, cipolle e vino. Le feste da non perdere

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.