Dove porto i bambini Bologna Capriolandia Venerdì 7 giugno 2019

Capriolandia: a Bologna un parco tra avventura e natura

Altre foto

Bologna - A Capriolandia l'avventura comincia già durante il viaggio, percorrendo una stradina stretta che da via Saragozza si inerpica sulle colline. Il consiglio è quello di lasciare la macchina a casa e raggiungere il posto in bici o a piedi, guadagnandosi anche un ingresso gratuito nel parco (che è comunque gratis dal martedì al venerdì dalle 17.00 alle 22.00 e che ha invece un costo di 5 Euro nel weekend).

Giacomo Pelliccioni, ideatore del progetto, racconta che l'idea del nome viene sia dai caprioli – che capita di avvistare al mattino presto o all'ora del tramonto –, ma anche dalle capriole dei bambini, veri protagonisti del parco. Qui tra Orienteering, castello di legno, percorso di parkour e mega zip line, c'è davvero l'imbarazzo della scelta. E mentre i bambini si stancano correndo su e giù per la collina da un'attrazione all'altra, i genitori possono godersi un aperitivo – rigorosamente senza musica per non creare ulteriore inquinamento acustico – immersi nella natura.

L'area, che si estende per 7 ettari, comprende due colline e una zona boschiva, dove sono disseminate delle amache per rilassarsi al riparo dal sole. All'interno del bosco e in tutto il parco sono stati allestiti tre percorsi di Orienteering di diversa difficoltà: facile, intermedia e difficile (che comprende tutto il parco); i tracciati sono stati ideati dalla Cooperativa Masi di Casalecchio, campionessa italiana di questo sport. Nel parco ci sono anche percorsi di mountain bike o di trekking.

Arrampicandosi sulla collina principale, quella che si trova all'ingresso, si incontra prima un castello, poi un percorso di parkour – entrambi in legno e realizzati a mano da un artigiano trentino –, e infine il campo base, dove si organizzano i giochi. Nei terrazzamenti creati per ospitare le attrazioni ci sono anche quattro gazebo, nei quali si può trovare un po' di riparo dal sole che batte incessante sulla collina.

Ma l'attrazione principale del parco è senza dubbio la mega zip line (con costo a parte), un percorso di 300 m tra andata e ritorno che permette di simulare un volo, agganciati a cavi d'acciaio con carrucole, attrezzatura e personale d'assistenza.

Al primo “piano”, oltre al castello c'è anche un orto, le cui verdure vengono utilizzate per preparare il cibo a metro 0, com'è stato definito da Giacomo. All'interno del parco, infatti, non si può portare il pranzo al sacco, ma ci si può rifornire dal chiosco che prepara dei piccoli spuntini. L'orto viene utilizzato anche come progetto didattico durante i campi estivi, che ospitano al massimo 30 partecipanti (tra i 3 e i 10 anni) per non affollare troppo le colline. In questo modo i bambini hanno la possibilità di toccare con mano – e con bocca! – gli ortaggi che a casa poi ritrovano sulla tavola senza magari sapere da dove vengono. Ai piccoli ospiti viene dato in dotazione un kit di giardinaggio, con il quale possono imparare a fare dei lavoretti nell'orto. Anche gli alberi da frutta, al momento più di un centinaio, sono a disposizione per chi volesse raccogliere e magiare direttamente dalla fonte prugne, albicocche o ciliegie.

Alcuni divieti del parco, che è privato ed è, a tutti gli effetti, casa di Giacomo, comprendono l'obbligo di non introdurre vetro e di non indossare scarpe col tacco. Quest'ultimo può far sorridere, ma se è stato imposto evidentemente ci sarà stato almeno un precedente. I cani sono i benvenuti – lo stesso Giacomo ne ha due –, a patto che abbiano guinzaglio e museruola, per la sicurezza di tutti.

Potrebbe interessarti anche: , Fantateatro al Teatro Duse: la mitologia greca a misura di famiglia , Dove porto i bambini a Pasqua? In Romagna tra Acquario, Oltremare e Italia in minatura , Ducati World: a Mirabilandia le nuove giostre a tema , Zecchino d'oro 2019: tutte le canzoni in gara , Alla fattoria urbana del Pilastro le nuove aule didattiche

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.