Orto botanico a Bologna: una domenica a porte aperte per la riqualificazione

Orto botanico a Bologna: una domenica a porte aperte per la riqualificazione

Cultura Bologna Venerdì 3 maggio 2019

Bologna - Con la giornata di domenica 12 maggio, dalle 10 alle 20, entra nel vivo il progetto di riqualificazione dell’Orto Botanico dell’Università di Bologna, uno dei tre Orti più antichi nella storia italiana.

L’iniziativa Condividi l’Orto, una domenica di sapori, suoni e sensazioni è organizzata dall’Alma Mater insieme a Confcommercio Ascom e rientra nella serie di eventi legati alla campagna di raccolta fondi promossa dall’Università, in collaborazione con il Comune di Bologna, QN – Il Resto del Carlino e il supporto di Intesa Sanpaolo.

Una stupenda macchia verde che si estende nel cuore del centro città di Bologna, su via Irnerio al civico 42, e che sta diventando sempre più una tappa fissa negli itinerari turistici e non per il suo valore culturale, artistico e scientifico. Oltre che, naturalmente, estetico. «È il luogo d’incontro tra università e città, luogo pieno di tesori, dove si fanno meravigliose scoperte, ed è anche il luogo naturale simbolo del grande impegno profuso dall’Ateneo sui temi della sostenibilità» ha dichiarato il Rettore Prof. Francesco Ubertini «e il progetto di riqualificazione mira a restituire tutto lo splendore che l’Orto merita e coinvolgere tutta la cittadinanza e tutti i fruitori per raggiungere l’obiettivo». Per queste ragioni l’iniziativa nel suo complesso «ha lo scopo di far scoprire e far riscoprire questo luogo e si configura come un gesto d’amore nei confronti della città», ha aggiunto Paolo Giacomin, direttore di QN – Il Resto del Carlino.

Per la giornata in programma domenica 12 maggio molte federazioni associate si sono impegnate a realizzare un’offerta ampia ed estremamente accattivante: è prevista la vendita e la degustazione di tortelloni burro e salvia e tagliatelle alle ortiche con ragù alla bolognese preparati dall’Unione Cuochi Bolognesi, la vendita di raviole, crescente e pasta fresca a cura dell’Associazione Sfogline, vendita di frutta e verdura di stagione, preparazione di infusi a freddo (con relativi e doverosi assaggi), lezioni di Anusara Yoga con Alessandra Peregreffi ed esibizioni dal vivo dell’Orchestra Senzaspine. Tutto il ricavato della giornata contribuirà alla raccolta fondi per riqualificare l'Orto.

Punto forte della giornata, sicuramente da non lasciarsi sfuggire, sono le visite guidate ad offerta libera organizzate dal personale dell’Università e previste ogni mezz’ora a partire dalle 10.30. Ogni visita guidata è un percorso museale inserito nel verde e – in quanto tale – diventa un’opportunità per scoprire, conoscere, approfondire e ammirare un patrimonio artistico unico e affascinante. «La giornata del 12 è un’occasione per dare il senso di un’operazione civica cittadina. C’è un’attenzione crescente sui principali Orti Botanici delle città italiane e anche Bologna si inserisce in un’operazione che vede tutti gli Orti Botanici illuminati da una luce positiva, che è quella della valorizzazione», ha affermato Roberto Balzani, Presidente dello SMA – Sistema Museale di Ateneo.

Da oltre 450 anni l’Orto Botanico raccoglie e studia le più variegate e straordinarie specie vegetali. Punto di riferimento granitico per studiosi e appassionati mostra la volontà di rinnovare i percorsi museali e continuare a migliorarsi ulteriormente. Uno dei tesori della città che non ha intenzione di smettere di splendere.

Potrebbe interessarti anche: , Itinerari in Emilia Romagna: Ferrara, il Delta del Po e Comacchio , Estate 2020 alla Certosa di Bologna: il programma completo , Labirinto Effimero e Labirinto Sospeso: perdersi tra i campi di mais in provincia di Ravenna. Info, orari e biglietti , Itinerari alla scoperta della Certosa di Bologna nella Settimana dei Cimiteri Europei

Scopri cosa fare oggi a Bologna consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Bologna.