13

Libri Torino - Venerdì 19 maggio 2017

Salone del Libro 2017: gli eventi da non perdere nel weekend

di Alessandra Chiappori
Daniel Pennac al Salone del Libro 2017
© Alessandra Chiappori
Altre foto

Torino - Annie Ernaux, Louis Sepulveda, Miriam Toews, letture, dialoghi, proposte: il mondo intero ruota intorno al Lingotto

A giudicare dal mare di persone fuori dai cancelli, dagli affollatissimi padiglioni e dalle code fuori dalle sale incontri, notevoli seppure ieri fosse solo il primo giorno, il Salone del libro numero 30 ha mantenuto le promesse e sta portando a Torino un format dotato insieme di una storia solida e di un radicamento nel tessuto urbano e nei suoi cittadini, ma anche della capacità di rinnovarsi senza tradirsi. Qualche battuta su Milano e la sua fiera del libro è scappata, tra gli altri, anche a Luciana Littizzetto e Marino Sinibaldi, guardati dal pronunciare apertamente il nome del nemico con un po’ di educata incredulità tutta sabauda.

La felicità per una manifestazione partita con il piede giusto a nemmeno un anno dalla scissione dei grandi gruppi editoriali è però palpabile, e serpeggia tra i locali del Lingotto, poveri quest’anno di alcuni grandi stand, ma ricchi di vitalità e nuove proposte culturali. Insomma, a vincere sembra proprio la grande festa dei libri, delle parole, dei lettori, che in questi giorni si mescolano a impiegati del settore editoriale e ad autori da conoscere e a cui rivolgere proprie riflessioni e domande.

L’occasione è unica, la piazza è grande, è ben organizzata e costituisce una delle fiere editoriali più importanti d’Europa, un vero fiore all’occhiello per la città e per l’intera cultura italiana. Nella giornata che a Lingotto vede protagonista Daniel Pennac, tra i più amati autori francesi in Italia e oggi attorniato dai lettori mentre raccontava divertito e divertente il nuovo capitolo della saga Malaussène e le insidie della sua traduzione, il Salone del Libro di Torino si avvia verso il cuore dell’evento con un weekend davvero ricco di proposte e personaggi da incontrare.

Di cultura del resto non si è smesso di parlare, sotto punti di vista declinati da incontro a incontro in attenzione alla lettura, all’educazione, e alla scuola, come ad esempio nel sentito omaggio a Tullio De Mauro, di cui è stato ricordato dal Ministro Valeria Fedeli il binomio linguistica e democrazia, imprescindibile per una crescita di conoscenza e consapevolezza. Tra i temi caldi collegati al ruolo della lettura, e della conoscenza, anche l’ambiente, argomento che mescola di volta in volta ecologia, scienza, ma anche informazione, come ha ricordato il geologo Mario Tozzi, accusata troppo spesso di gridare alla catastrofe laddove non sia il caso, generando false credenze e paure infondate, e alimentando per contro l’ignoranza dei pericoli veri.

Il tema della legalità, poi, asse portante di quella cittadinanza consapevole che, leggendo, conosce e sa distinguere e attuare collegamenti, generando giustizia e bellezza. Proprio la legalità è filo conduttore di una serie di incontri al Salone in un 2017 che vede ricorrere i 25 anni dall’uccisione dei giudici Falcone e Borsellino. A ricordare due straordinarie figure capaci di cambiare la percezione della mafia in Italia dagli anni 90 a oggi, Pietro Grasso, presidente del Senato, in un incontro che ha registrato il tutto esaurito.

Nuovi percorsi e nuove suggestioni sono però in arrivo anche per il sabato e la domenica grazie alla presenza di tanti intellettuali e narratori, ciascuno a proprio modo testimone di un tempo che vive e che, tra le pagine dei libri, interpreta in visoni differenti. Armati di pazienza e di qualche libro per ingannare l’attesa in coda, sabato potreste iniziare la giornata con uno degli eventi di Festa  Mobile: alle 10.30 in sala Filadelfia Paolo di Paolo leggerà Flaubert, mentre alle 12.00 Luca Bianchini si immerge tra le parole di Dave Eggers. Alle 11.00 la sala azzurra si fa teatro per uno degli incontri più attesi di questo Salone, quello tra l’autrice canadese Miriam Toews e Daria Bignardi. Voce nuova di un’America insolita, l’autrice, edita in Italia da Marcos y Marcos, è tra i casi editoriali di successo degli ultimi anni. Daria Bignardi tornerà alle 14.30 nel medesimo spazio per dialogare con un’altra attesissima scrittrice, Annie Ernaux, che alle 17.00 sarà protagonista di un confronto con il suo traduttore italiano Lorenzo Flabbi, mentre domani sarà tra il pubblico al reading di Sonia Bergamasco dal suo romanzo Il posto, alle 14.30 in Sala dei 500. Anche Luis Sepúlveda converserà di traduzione con Ilde Carmignani, alle 16.00, mentre in mattinata alle 11.00 sarà con Carlo Petrini in sala gialla per approfondire i temi dello sviluppo sostenibile.

Lidia Ravera sarà alle 13.00 in sala rossa con Lella Costa ed Elena Loewenthal, mentre Mauro Corona interverrà alle 11 in sala 500. Si vola in America non solo con Alan Friedman in sala gialla alle 14.00, accompagnato dal direttore della Stampa Molinari e da Piero Fassino, ma anche con l’immaginario mondo di Kent Haruf, cui è dedicato un evento in sala dei  500 alle 17.00, e con il confronto, alle 14.30 nella stessa sala, tra Sandro Veronesi e Francesco Piccolo sul più grande scrittore americano tra Philip Roth e David Foster Wallace.

Altre letture sbocceranno in sala Filadelfia alle 18.00 con Piergiorgio Odifreddi, che porterà testi di Lucrezio. A proposito di scienza, alle 17.00 in sala azzurra l’appuntamento è con il fisico Jim Al-Khalili e Marco Malvaldi per scoprire se esistano o meno gli alieni. Creature e mondi fantastici popoleranno la grande festa per Tolkien in programma alle 18.30 in sala rossa.

Ci sarà spazio anche per il fumetto, con un grande incontro degli autori BAO alle 12.30 in sala gialla, e se Zerocalcare e Leo Ortolani non bastassero, alle 16.00 Milo Manara si racconterà in sala dei 500. Tra gli incontri dedicati al ricordo, alle 13.30 in Arena Boockstock sarà omaggiato Primo Levi a 30 anni dalla scomparsa.

E infine grande narrativa italiana, ancora, al Caffè Letterario, dove si succederanno le candidate allo Strega Teresa Ciabatti, Antonella Lattanzi, e poi Pietrangelo Buttafuoco, Michele Dalai e Mauro Covacich. Tra i grandi nomi più attesi, Corrado Augias, in sala dei 500 alle 13.30, e poi ancora Gianrico Carofiglio, con la sua lectio magistralis alle 15.00 in sala gialla, e l’autrice Alicia Giménez-Bartlett, in sala azzurra alle 18.30 per dipingere un ritratto di se stessa e della propria scrittura.

Non sarà da meno la domenica al Lingotto, che inizia alle 10.30 con un incontro in sala blu alla presenza di Melania Mazzucco e Loredana Lipperini per parlare di terremoto in centro Italia, tema delicato cui è dedicato un intero filone di incontri con editori e autori di quelle zone, per riportare al centro dell’attenzione una terra flagellata. Domenica sarà anche la giornata di Concita De Gregorio,  alle 12.30 in sala azzurra con Emily Witt e alle 18.30 in sala gialla con Dacia Maraini.

Tra i giornalisti, in sala azzurra alle 16.30 Ferruccio De Bortoli, ex direttore del Corriere della sera, autore del libro che ha scosso la politica delle ultime settimane, insieme a Maurizio Molinari, direttore della Stampa, per parlare di giornalismo. E poi Marco Travaglio, alle 17.00 in sala gialla insieme a Salvatore Settis dialogando su città e paesaggio. In sala Filadelfia proseguono le letture, tra cui quella di Francesco Piccolo alle 11.00 sulla poesia e quella alle 16.00 di Gianni Riotta dall’Iliade.

Domenica sarà la giornata del premio Mondello 2017 a Cees Nooteboom, in dialogo con Ernesto Ferrero in sala azzurra alle 17.00. Grandi nomi dall’estero: Jonathan Lethem sarà in sala azzurra alle 15.30, Hanif Kureishi nella stessa sala alle 18.30. Tra le grandi voci dell’arte, del pensiero e della cultura italiane Luciano Canfora, in sala gialla alle 12.00, cui seguirà Gustavo Zagrebelsky, in una lectio magistralis nella stessa sala alle 13.00, e ancora Philippe Daverio, in sala dei 500 alle 17.30 tra cinema, arte, fotografia e spettacolo, e a seguire, alle 18.30, Vittorio Sgarbi sull’arte distrutta o messa in pericolo dal terremoto.

Tra i grandi della narrativa italiana, Chiara Gamberale, insieme a Tuono Pettinato alle 14.30 in Arena Boockstock, Walter Siti, alla stessa ora in sala rossa con Francesco Piccolo, Domenico Starnone, di nuovo in sala rossa, alle 17.30 con Giordano Meacci. Il grande finale è alle 18.30 allo spazio autori, quando in un incontro dall’ammiccante titolo Occidentali’s Karma? prenderà vita un incontro sulle religioni orientali e i radicalismi.

Se foste lontani dal Lingotto, non vi preoccupate: il Salone si sdoppia con il Salone off, ricchissimo di eventi che arricchiranno le giornate ma soprattutto le serate con reading, concerti e incontri in tutti i quartieri e per tutti i gusti.  Non vi resterà che spargervi per tutta Torino all’ascolto o alla visione dei tantissimi appuntamenti collocati tra tanti luoghi di cultura dal centro alle periferie e con protagonisti personaggi più e meno noti. Giornate intense e notti molto brevi: il direttore Lagioia l’aveva del resto promesso presentando il trentennale del Salone del Libro in una Torino più che mai viva e propositiva: «vi faremo dormire poco». Ma saranno notti in bianco da ricordare, per fortuna. 

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

Transformers L'ultimo cavaliere Di Michael Bay Azione, Fantascienza, Avventura U.S.A., 2017 L'ultimo Cavaliere infrange i miti fondamentali della saga di Transformers e ridefinisce il significato di eroe. Umani e Transformers sono in guerra, Optimus Prime se ne è andato. La chiave per salvare il nostro futuro è sepolta nei segreti... Guarda la scheda del film