Food Torino - Venerdì 12 maggio 2017

Toast e tramezzini a Torino: 5 locali da non perdere

Torino - Qualcuno lo conosce come pane in cassetta, altri come pancarrè, ma quel pane dalla singolare forma quadrata, comunque lo si voglia battezzare, vanta origini tutte torinesi. Ed è sempre in terra sabauda che torna oggi, surfando sull’onda modaiola che vede il toast affermarsi come soluzione gourmet al pranzo veloce.

Non sfuggirà a chi è attento alle forme un legame geometrico che, smezzando il quadrato per la diagonale, genera le classiche fette triangolari che compongono uno dei capisaldi degli stuzzichini e pranzi veloci da passeggio più amati dai torinesi, il tramezzino. È al Caffè Mulassano, uno dei locali storici della città, che questo originale spuntino prese forma ai primi del Novecento. Tra le antiche e sontuose sale del caffè, infatti, Angela Nebiolo e il marito Onorino, che avevano acquistato il locale nel 1925, furono i primi a introdurre il toast, sperimentando una macchina per tostare il pane importata dall’America. Ad accendere la loro fantasia fu proprio quel pane quadrato e morbido, il pane in cassetta inventato dai panettieri torinesi: lo utilizzarono, riccamente farcito, per creare degli stuzzichini con cui accompagnare l’aperitivo. Nasceva il tramezzino, nome che la leggenda vuole attribuito niente meno che da Gabriele D’Annunzio.

Mettiamo un attimo tra parentesi, allora, tutta la tradizione che vede il pane tostato protagonista delle colazioni e dei brunch inglesi: il cugino evoluto del tramezzino torinese, il toast, ha incontrato nuove forme sofisticate e sublimi, e impazza nella sua stessa città di origine. Sono numerosi infatti i franchising che negli ultimi mesi propongono menù interamente composti da toast farciti con ogni sorta di prelibatezza e golosità.

Da Toasteria italiana, in via Bertola, il toast è trattato come una vera e propria opera d’arte. Tra ingredienti di prima qualità e centrifughe di frutta e verdura per accompagnare il pasto, il toast si fa gigante e propone accostamenti da veri intenditori. In fede al nome, l’obiettivo è celebrare l’eccellenza dei prodotti italiani, in un locale elegantissimo che ricorda una galleria d’arte e che nulla ha da invidiare ai francesi, presunti “padri” del toast.

E a proposito di Francia, i famosi Croque monsieur e madame, i toast super farciti con prosciutto, formaggi e uova, sono serviti anche da John Toast, catena presente a Torino in via Montebello e Piazza CLN, con una sede anche parigina e tante in apertura in città italiane. Il quadrato di pane misura 15x15 e oltre a essere farcito con tantissime combinazioni di goloserie (anche dolci!) può essere open, servito cioè come un piatto, ricoperto di altri ingredienti.

Se cercate un toast da portare via, da assaporare per strada in pausa pranzo o in una parentesi di relax, Capatoast, nella piccola via Rattazzi, ha una formula take away che farà al caso vostro. Pane bianco, alle noci, integrale, vegano e dolce, da abbinare a creme e confetture. La fetta qui misura 15x19, un sandwich grande e, a seconda della farcitura, che può variare da combinazioni più light, a gusti mediterranei, fino anche a quelli nordici oppure ad accostamenti vegetariani o vegani, l’idea peretta per un pasto completo.

In via Nizza 181 c’è Toastamore, con i suoi divertenti (e sfiziosissimi) toast. C’è per esempio il Baùscia, che sorprende con salame Milano, emmental e lattuga, ma anche il New Jersey a due strati, con farcitura rock’n roll di salsa chili, würstel, sottiletta, insalata, crispy bacon e crema piccante. Compare anche il pesce, per esempio nel Tropicale, con gamberetti, pesto di avocado, insalata e salsa cocktail, o nell’Ikea, con salmone affumicato, fette di limone, salsa cocktail e pepe nero.

A celebrare la torinesità, infine, arriva To’st, la toasteria artigianale di via Carlo Alberto 24, con i suoi grandi e gustosi toast che soddisferanno ogni tipo di palato. Si spazia dalle farciture più semplici e classiche, ad abbinamenti originali, per sperimentare tra le due “antiche” fette di pane quadrato tutta la creatività di un vecchio spuntino che piace a tutti e non è mai passato di moda. Certamente non a Torino!

Potrebbe interessarti anche: , Guida Michelin 2018, i ristoranti stellati a Torino , Osterie d'Italia 2018: i 10 locali di Torino della guida Slow Food , Il Ristorante Solidale arriva a Torino, contro lo spreco alimentare , Il Lounge bar Piano 35 di Torino tra i 10 migliori cocktail bar d'Italia per Gambero Rosso , Nelle Langhe profumi e sapori d'autunno

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

La canzone del mare Di Tomm Moore Animazione Irlanda, Danimarca, Belgio, Lussemburgo, Francia, 2014 Il film ambientato nel 1987 e racconta la storia di Saoirse, l'ultima Selkie, e di suo fratello Ben. Quando la madre scompare vengono mandati a vivere nella città con la nonna, ma durante la notte di Halloween decidono di sgattaiolare e di tornare... Guarda la scheda del film