Teatro Torino - Giovedì 20 aprile 2017

Festival delle Colline Torinesi 2017: il programma completo

© Pedigree - Babilonia Teatri
Altre foto

Torino - Da domenica 4 a giovedì 22 giugno a Torino è di scena il Festival delle Colline Torinesi – Torino Creazione Contemporanea, una rassegna che, alla sua 22esima edizione, torna a parlare di contemporaneità attraverso i linguaggi performativi più attuali e curiosi. Un’edizione che si presenta giocando con le frasi, perché è proprio un palindromo dichiarato quel Anno da donna che incarna lo spirito del 2017, annata in cui sotto ai riflettori del Festival ci sarà proprio la figura femminile, ben rappresentata dal “segno d’artista” che dà l’immagine alla rassegna e che quest’anno è stata donata da Marisa Merz, artista la cui fama è giunta di recente anche a New York e Los Angeles, unica rappresentante donna dell’arte povera.

Il Festival 2017 si apre nella soddisfazione di tante, numerosissime, collaborazioni con istituzioni cittadine (tra le altre, la sinergia sviluppata con il Lovers Film Festival, la cui programmazione si sovrapporrà in parte a quella del Festival delle Colline Torinesi), piemontesi e nazionali, cui da quest’anno si aggiunge il Goethe Institut, che affiancherà il gradito ritorno delle artiste tedesche della compagnia She She Pop, in scena con lo spettacolo di grande forza, impatto e ironia 50 grades of shame.

«Il ritorno delle She She Pop è la dimostrazione di un rapporto creato in precedenza e che si può estendere nel tempo – ha dichiarato con soddisfazione Sergio Ariotti, direttore del Festival – la nostra offerta artistica continua ad apparentarsi alle élite europee del settore, nonostante la difficoltà del mondo culturale e teatrale in Italia. La creazione contemporanea ha un pubblico di qualche migliaia di spettatori, come ben raccontano le realtà di Bruxelles, di Losanna o Ginevra. Su questa dimensione il Festival resiste e si attesta, con fatiche e investimenti personali ma anche con le energie dello staff e la fiducia di enti pubblici e sponsor privati».

Un ruolo decisivo a tal proposito è svolto da Compagnia di San Paolo, da tempo attenta al Festival delle Colline Torinesi, che quest’anno, investendo  sul sistema culturale e artistico piemontese e sulla crescita di nuove esperienze che rendano il territorio vivo e attivo ha aumentato la contribuzione. Vicina alla manifestazione anche la Regione Piemonte, promotrice di una proposta di legge pensata per il sostengo a giovani artisti. Della Regione è infatti il bando Hangar Piemonte, da cui anche compagnie e artisti in cartellone al Festival delle Colline Torinesi hanno ricevuto possibilità di sostegno al proprio percorso artistico: «siamo da sempre legati alla visione e all’impegno sulla contemporaneità – ha spiegato l’assessore regionale alla cultura Antonella Parigi – sia sulle arti visive che su quelle performative. Questo Festival ha il pregio di mettere a sistema tante realtà culturali diverse, costruendo rapporti consolidati con altri enti e mantenendo uno sguardo curioso sulla produzione contemporanea piemontese, nell’ottica di far crescere e coltivare anche quanto nasce sul territorio».

Saranno 27 spettacoli per 19 giorni di programmazione in cui si intrecceranno percorsi di ricerca rivolti alle donne, ai giovani artisti, ai protagonisti internazionali in arrivo dalla Grecia (Euripides Laskaridis) e dal Libano (Lina Majdalaine e Rabih Mroué) e ai migranti. La ricerca sull’identità di genere si alternerà a lavori sulle poetesse e letterate, senza escludere sperimentazioni tra teatro e musica, o teatro e videoarte. Saranno numerosi gli spettacoli che insisteranno sul ruolo della donna dentro a società in via di trasformazione, raccontando le battaglie per la libertà e per l’emancipazione. Chiara Guidi darà spazio a Nelly Sachs, scrittrice fuggita dal nazismo, la compagnia Motus declinerà in chiave femminile un testo di Genet, e ancora la tedesca Sasha Marianna Salzmann proporrà la storia di una nonna, una mamma e una figlia tra la DDR e la globalizzazione. Ci sarà anche Emily Dickinson, le cui stanze saranno esplorate da Milena Costanzo, e tra i nomi letterari figureranno Annie Ernaux, dai cui testi arriva il lavoro di Daria Desflorian e Antonio Tagliarini, ed Elena Ferrante con L’amica geniale di Fanny & Alexander, mentre il testo di Elvira Frosini e Daniele Timpano vede la collaborazione di Igiaba Scego. Altre figure femminili portate in scena saranno Amelia Rosselli, che figurerà nel lavoro di Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa, e la poetessa zingara Papusza, presentata da Elena Bucci.

Non mancherà uno sguardo all’oggi, sospeso tra le diaspore di ieri e quelle odierne, che si esprimerà anche attraverso la mostra collaterale al Festival Huellas de la memoria / Impronte della memoria, dell’artista messicano Alfredo Lòpez Casanova. Al Sermig – Arsenale della pace, l’esposizione poterà le scarpe di coloro che sono alla ricerca di amici e parenti desaparecidos in America latina, in un messaggio universale per il rispetto dei diritti umani e della pace.

La vendita dei biglietti è aperta, tutte le informazioni sul cartellone degli spettacoli, le date in programmazione, le location, le prenotazioni, gli abbonamenti e le offerte speciali in early ticket (solo fino al 3 maggio) sono disponibili sul sito www.festivaldellecolline.it.

Il Programma

  • Marcido Marcidorjs / Amelia - prima nazionale 4, 5, 6 giugno -  Teatro Marcidofilm
  • Fabio Barovero/Saba Anglana / Abebech – Fiore che sboccia 4 giugno - Teatro Astra
  • Socìetas/Chiara guidi / Lettere dalla notte 5 giugno - Lavanderia a Vapore
  • Th(on)gu / Zoo(m)out - Anteprima nazionale 6 giugno - Casa Teatro Ragazzi
  • Motus / Raffiche 7,8,9 giugno - Le Petit Hotel 
  • Kronoteatro / Educazione sentimentale - prima nazionale 7 giugno - Teatro Astra
  • Deflorian/Tagliarini / Il cielo non è un fondale - 8 giugno - Fonderie Limone
  • Fattore k/Milena costanzo / Emily - 9 giugno - Teatro Astra
  • Gattinoni/Lorenzo / Elephant woman - prima nazionale 10 giugno - Teatro Gobetti
  • Cuocolo/Bosetti / Roberta va sulla luna - prima nazionale 10,11 giugno - Teatro Gobetti
  • Babilonia Teatri / Pedigree - prima nazionale 11,12 giugno - Teatro Astra
  • Ts genova/Pav/ Paola rota / Lingua madre mamelosch 12 giugno - Teatro Gobetti
  • La ballata dei lenna / Human animal - prima nazionale 13,14 giugno - Scuola Holden
  • Css/ksenija martinovic / Diario di una casalinga serba - 13 giugno -  Casa Teatro Ragazzi
  • Piccionaia/Marta dalla via / Personale politico pentothal - prima nazionale 14,15 giugno - Lavanderia a Vapore 
  • She she pop / 50 grades of shame - prima nazionale 15,16 giugno - Teatro Astra
  • Teatro di Dioniso / Ifigenia in Cardiff - prima assoluta 16,17 giugno - Casa Teatro Ragazzi 
  • Frosini/Timpano / Acqua di colonia - 17 giugno - Teatro Astra
  • Scena verticale / Masculu e fiammina - 18 giugno - Teatro Astra 
  • Lab 121 / L’inquilino - 19 giugno - Teatro Astra
  • Euripides Laskaridis / Titans - prima nazionale 19 giugno - Lavanderia a Vapore
  • Elena Bucci / Corale numero uno - anteprima nazionale 20 giugno - Fonderie Limone
  • Fratelli de serio / Stanze/Qolalka - prima nazionale 20 giugno - Fonderie Limone 
  • Rabih mroue / Pixelated revolution - prima nazionale 21 giugno - Polo del '900
  • Lagani/menni / Da parte loro nessuna domanda imbarazzante - prima nazionale 21 giugno - Teatro Astra
  • Lina Majdalanie / So little time - prima nazionale 22 giugno - Casa Teatro Ragazzi
  • Fibre Parallele / The black’s tales tour - 22 giugno - Le Roi Music Hall

Potrebbe interessarti anche: , Il Gran Varietà, tra cabaret e can can a Le Music Hall di Arturo Brachetti , Capodanno 2018 a Torino: gli spettacoli a teatro , Le baruffe chiozzotte nella 'traduzione' di Natalino Balasso. L'intervista , Teatro Concordia di Venaria Reale: la stagione 2017/2018 , Café Müller, il Cirko Vertigo inaugura un teatro nel cuore della città

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

Loveless Di Andrey Zvyagintsev Drammatico Francia, Russia, Belgio , Germania, 2017 Zhenya e Boris stanno per separarsi. Non si tratta però di una separazione pacifica, carica com'è di rancori, risentimenti e recriminazioni. Entrambi hanno già un nuovo partner e sono impazienti di voltare pagina, di iniziare una... Guarda la scheda del film