Food Torino - Sabato 19 novembre 2016

A Torino è già Natale con Una Mole di Panettoni 2016

di Alessandra Chiappori
Panettone
© Shutterstock

Torino - Il re indiscusso tra i dolci natalizi torna a dar spettacolo di sé per la quinta edizione di Una mole di panettoni. Sabato 19 e domenica 20 novembre appuntamento al prestigioso hotel Principi di Piemonte, in via Piero Gobetti, alle spalle della centralissima via Roma, con una rassegna interamente dedicata al panettone artigianale. Panettoni tradizionali sia di foggia milanese che piemontese, ma anche impasti salati e rivisitazioni creative, un mondo intero di delicati lievitati accomunati da prodotti di eccellenza ed elaborati dalle sapienti mani e laboratori di artigiani pasticceri in arrivo da tutta Italia, riconosciuti e selezionati anche tra i Maestri del Gusto dalla Camera di Commercio di Torino.

Negli ultimi quattro anni Una mole di panettoni ha ottenuto successi crescenti e approvazioni da parte del goloso pubblico. Ospitata prima nelle sale di Palazzo Cavour, e poi tra le pareti del Museo del Risorgimento a Palazzo Carignano, la rassegna è approdata dal 2015 in una nuova location non meno fastosa. Contro le sale storiche dei palazzi del centro, il Principi di Piemonte compete con la sua architettura e l’arredamento magnificente: tra specchi, lampadari, mosaici e riflessi l’atmosfera si tingerà già di Natale, e quale altra festa se non questa per onorare al meglio sua maestà il panettone?

Classico, con uvetta e canditi, vuoto, farcito di golose creme dai gusti più vari, ricoperto di glassa e frutta secca, arricchito da cioccolato, trasformato in una delizia gastronomica salata, il panettone resta una delle eccellenze della cucina italiana per la sua caratteristica lievitazione lenta e delicata, che ne restituisce la ben nota morbidezza. Eppure il pane di Natale per eccellenza è solo uno tra i tanti dolci delle feste che, dal quattordicesimo secolo in poi, hanno arricchito le tavole delle corti, ognuna fedele alla ricetta del proprio cuoco.

Ed è così che la frutta secca si è sposata con l’esotico cacao in alcune tradizioni, ha generato la croccante farcitura con glassa e mandorle alla piemontese e ha stabilito che il vero panettone, l’unico che ancora oggi mantiene questo nome, debba essere quello di Milano, con rigorosa lievitazione. A Una mole di panettoni si entrerà nel mondo di una tradizione ricchissima che racconta di attenzione, precisione, lentezza e attesa: solo così si otterrà infatti un panettone di qualità, il dolce perfetto per chiudere con gusto i pasti delle Feste. In mostra grandi classici, per chi a Natale ama il ripetersi di rituali familiari che passano di generazione in generazione, ma anche divertenti contaminazioni, che guardano a un rinnovamento di gusti e presentazioni. E poi la sfida finale, con la premiazione delle categorie tradizionale, creativo e salato domenica alle 18.00 per il concorso “Una mole di panettoni”.

Durante la due giorni, saranno numerosi anche gli eventi collaterali gratuiti e aperti al pubblico affiancati all’esposizione dei mastri pasticceri, parte del programma Una mole di…incontri, un’ideale passeggiata alla scoperta delle diverse interpretazioni del panettone a spasso per lo Stivale.

Sabato 19 novembre alle 12.00 scatta l’ora dell’aperitivo, tutto in chiave sabauda e a base di panettone salato, con le pasticcerie Arleo di Genova e Attilio Servi di Pomezia (Roma) e innaffiato di Erbaluce di Caluso della cantina La Masera di Piverone (To). Il panettone nasce nella nebbiosa pianura padana, ma quando incontra il calore del Mediterraneo? Si contamina, come spiegheranno le pasticcerie campane De Vivo (Pompei – Na), Saltarelli (Cellole - Ce), il panificio Ascolese (San Valentino Toiro - Sa) alle 13.30. Alle 15.00 i Maestri del Gusto torinesi Giovanni Dell’Agnese, Giovanni Scalenghe e Ziccat proporranno il più classico – e goloso! – degli abbinamenti, quello tra panettone e cioccolato. Ancora panettone per tutti i gusti alle 17.00 con le ricette di Giada Bosco e Mary Mannara per un menu tutto a base di panettone.

Gli incontri proseguono la domenica, alle 12.00 pasticcerie da tutta Italia per collezionare ingredienti e interpretazioni del panettone: Bacco (Bronte – Ct) e le pasticcerie Café du soir (Agnone - Is), Domenico Beltrame (Verona), Forno Sammarco (San Marco in Lamis - FG) e il panificio Pagnani (Arcevia - An). Alle 14.00 ancora sapori di Campania con D’Elia (Prato Perillo di Teggiano - SA) e Gabbiano (Pompei – Na) e i loro panettoni. Alle 15.00 si apre la grande sfida: il panettone è piemontese, milanese, oppure? Se ne discuterà con i Maestri del Gusto Avidano da Chieri, il Forno dell’Angolo e Voglia di Pane da Torino. Se tifate per il panettone piemontese, alle 16.30 l’appuntamento è tutto per voi e guarda alla tradizione, condito di glassa di nocciole e farcito con “sanbajon” al Caluso passito. All’incontro parteciperanno Galup (Pinerolo - To), Fantolino (Fiano - To) e la cantina Cieck di San Giorgio Canavese.

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

Il terzo uomo Di Carol Reed Thriller Gran Bretagna, 1949 Ambientato nella Vienna del dopoguerra. Holly Martins (Joseph Cotten), uno scrittore americano di western di scarso valore, arriva a Vienna per mettersi in affari con un vecchio amico di infanzia, Harry Lime, ma lo trova morto. Dopo aver scoperto che... Guarda la scheda del film