Heartbreak Hotel. Taccuino dʼAppunti n°1: la camera di Daisy e Douglas Milano, IT

Heartbreak Hotel. Taccuino dʼAppunti n°1: la camera di Daisy e Douglas - Teatro i - Milano

Città Balena

08/09/2017

Da sabato 16 settembre a mercoledì 20 settembre 2017

Ore 18:00

TERMINATO

Milano - Performance per 6 spettatori della durata variabile di circa un’ora, ispirata al romanzo Heartbreak Hotel di Erik Maelstrøm. Performer Gilda Deianira Ciao, produzione Teatro i.

Milano - All’interno di Città Balena, torna il collettivo snaporaz con una nuova stanza dell’Heartbreak Hotel. Taccuino dʼAppunti n°1 è un gioco nel corso del quale lo spettatore veste i panni di un detective chiamato a ricostruire la sceneggiatura perduta di Douglas Duvall, scrittore americano svanito nel nulla all’apice della sua carriera. Al centro dell’intrigo la figura affascinante e misteriosa di Daisy, musa e fonte di ispirazione dello scrittore scomparso.

Milano - Lo spettacolo, ispirato dal saggio del 2011 dello svedese Erik Maelstrøm, è l’interessante sintesi tra documentazione storica e riflessione poetica della compagnia. In Taccuino dʼAppunti n°1 gli snaporaz decidono infatti di ricostruire la sceneggiatura perduta di Douglas Duvall maneggiando materiale originale e spunti per la costruzione di nuove ipotesi.

Nel 2011 lo scrittore svedese Erik Maelstrøm pubblica un libro intitolato Heartbreak Hotel. È un saggio sulla vita e sulla scomparsa misteriosa di Douglas Duvall, un giovane scrittore americano che nel 1945, sulla scia del successo a Broadway di una sua opera teatrale, sbarca ad Hollywood per lavorare all’adattamento del romanzo Il Grande Orologio di Kenneth Fearing. Dopo un breve periodo di intensa attività, lo scrittore comincia a procrastinare le consegne, non risponde alle telefonate insistenti della casa di produzione del film e smette di dare segni di vita. All'epoca la questione fu liquidata come l'ennesimo caso di scrittore in ansia da prestazione, schiacciato dalle pressioni e distratto dalle sirene hollywoodiane.

Maelstrøm, nel suo libro, dimostra che questa è solo una parte della verità. Al blocco creativo si aggiunge l'amore impossibile per Daisy, una giovane aspirante starlette, ma il vero problema di Duvall sembra essere la stesura di una seconda e misteriosa sceneggiatura. Nell'inverno del 1946 Duvall inizia infatti a scrivere un progetto non richiesto e intitolato Heartbreak Hotel. La produzione protesta. Nel giro di poco tempo il giovane scompare, senza lasciare traccia.

Il libro di Maelstrøm è unʼappassionante indagine tra taccuini ritrovati, pagine inviate alla produzione, interviste a conoscenti, colleghi e familiari superstiti. Il risultato è un libro che abbandona il noir e sconfina una specie di saggio. La storia di Douglas Duvall, poco nota al grande pubblico, fu fonte d’ispirazione per i fratelli Coen per la scrittura di Barton Fink e per David Lynch per la sua trilogia di Los Angeles (Lost Highways, Mulholland Drive e Inland Empire).

Biglietti: intero 12 euro, ridotto under 26 8,50 euro, over 60 6 euro. Spettacoli a partire dalle ore 18.00, ingresso ogni ora.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 23/06/2018 alle ore 23:22.

Approfondisci con: Teatro i, il cartellone 2017/2018 è un dialogo tra diversità ,

Potrebbe interessarti anche: Mary Poppins. Il Musical, fino al 31 dicembre 2018 , Sogno di una notte di mezza estate, fino al 24 giugno 2018 , Paolo Rossi: Il Re anarchico e i fuorilegge di Versailles, fino al 30 dicembre 2018 , L'avversario - lettura scenica del libro di Carrère, fino al 28 giugno 2019

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Big Fish & Begonia Di Xuan Liang, Chun Zhang Animazione Cina, 2016 Chun ha le sembianze di una giovane ma appartiene ad un mondo parallelo a quello umano, al di sotto del mare, dove il mare è cielo e dove ogni cosa è amministrata da rigide regole cosmiche. Gli abitanti di questo mondo sono gli “Altri”, non dèi... Guarda la scheda del film