Il Giuramento Milano, IT

Il Giuramento - Teatro Menotti - Milano

10/06/2017

Da martedì 20 febbraio a domenica 25 febbraio 2018

Ore 20:30, 19:30, 16:30

Acquista biglietti

Milano - Di Claudio Fava; regia Ninni Bruschetta; con David CocoStefania Ugomari Di BlasAntonio AlvearioSimone LuglioLiborio NataliPietro CasanoFederico FiorenzaLuca IaconoAlessandro Romano (prima milanese).

Milano - «Le teste si possono tagliare o contare. Il regime fascista, nelle università italiane, scelse entrambe le soluzioni. Di teste ne contò milleduecentotrentotto. Dodici furono quelle che tagliò. Eroi per caso di un’Italia civile a cui era rimasta solo quell’estrema risorsa di dignità: il diritto ad un rifiuto. Accadeva il 13 novembre 1931», commenta Claudio Fava. «Il mio testo teatrale racconta uno di loro. Che nella propria storia raccoglie i pensieri e i gesti di tutti: l’incapacità della menzogna, il rigore illuminista del sapere, la noia per liturgie del fascismo. Ma anche l’intuizione sul destino del paese, sul modo in cui furbizie e conformismi avrebbero trasformato l’Italia di quegli anni in una terra senza libertà e senza decenza. Si chiama Mario Carrara e fa il medico legale in un tempo ancora abituato a censire gli uomini e le anime con l’algida geometria di Cesare Lombroso: fronte, ossa, sguardo, fiato, pelle».

Milano - «Nella vita di Carrara – vedovo, solitario, ironico e inacidito al tempo stesso – c’è l’università che per lui è esercizio del dubbio volterriano», prosegue Fava. «C’è la fantesca Tilde che lo accudisce, lo sfotte, lo scuote. C’è il suo corredo di pillole minute come un’unghia per sedare claustrofobie e gastriti. E c’è il carcere, dove Carrara da vent’anni va ad ascoltare, a lenire, a curare solitudini. Attorno a lui corre l’Italietta conformista dei primi anni del fascio, gli studenti con la tessera del Guf cucita nella tasca dei pantaloni, il finto perbenismo, la carriera, le conversazioni vaghe e discrete dei colleghi, le brume umide di una città del Nord. Sulla politica, fatta di goliardia e di lettere maiuscole, Carrara nutre un disagio estetico più che ideologico. Gli sembrano ridicoli certi suoi studenti inamidati in camicia nera e pugnaletto. Gli vengono a noia le finte orazioni dei colleghi più anziani sulla patria e sul destino. Troppo poco per un turbamento o per una ribellione: la vita potrebbe scorrere senza pieghe. Finché accade qualcosa. All’inizio sono solo dettagli: passi di marcia lungo la strada, un detenuto bastonato in cella, la rassegnazione di certi colleghi, la tiepida prudenza di ragazzi che hanno solo metà dei suoi anni. Lentamente attorno a sé Carrara percepisce l’agonia di un’Italia in cui molti capiscono cosa sta accadendo, ma pochi scelgono di stare dalla parte giusta. Non scelgono ebrei e liberali, che continuano a iscriversi a migliaia al partito fascista. Non sceglie la chiesa che cerca solo parole di benevola neutralità. Perfino socialisti e comunisti continuano a ritenere Mussolini solo un frutto del caso, un errore minore».

«Quando il rettore gli comunica data e prescrizioni del giuramento – fedeltà al re e al duce – Carrara capisce di non poterlo fare. Non per eroismo. È che in quel giuramento, in quel rito a cui tutti si sottoporranno per lasciare quiete le loro esistenze, Carrara riconosce improvvisamente anche la propria vita: le pillole disposte in buon ordine sulla tovaglia dei suoi pranzi da vedovo, l’inconfessabile paura di accettare il corteggiamento di Tilde, l’estraneità per quei ragazzi a cui ha regalato il proprio sapere senza rivolgere loro mai una domanda di troppo. E invece le domande adesso sgorgano, impertinenti, necessarie: che ci fate a vent’anni con quel pugnaletto e la camicia nera? Più che una ribellione, è il senso della decenza. Ma anche l’occasione per dare una sferzata alla propria vita. In quell’ultima lezione di verità ai suoi giovani avanguardisti e ai suoi rassegnati colleghi. In quell’amore sospeso per Tilde che ha trovato finalmente il coraggio e la spudoratezza di non rifiutare».

«In una delle ultime scene, mentre gli altri professori – ligi e mansueti – pronunciano il loro giuramento, vedremo Carrara attraversare i camminamenti del carcere in cui ha sempre lavorato da medico legale: questa volta da detenuto, con i pantaloni larghi e i passi trascinati, perché gli hanno tolto cintura e stringhe. Non ha giurato. Non poteva. Non potrà mai più. Il giorno dopo le cattedre dei reprobi verranno immediatamente riassegnate. Nessuno dei nuovi docenti si tirerà indietro. Alla storia resteranno solo i nomi dei dodici che seppero dire di no a Mussolini. Mario Carrara fu uno di loro».

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 24/02/2018 alle ore 06:52.

Potrebbe interessarti anche: I Legnanesi: Signori si nasce... e noi?, fino al 4 marzo 2018 , Freud o l'interpretazione dei sogni, fino al 11 marzo 2018 , Mary Poppins. Il Musical, fino al 13 maggio 2018 , Dieci piccoli indiani... e non rimase nessuno!, fino al 4 marzo 2018

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Dior and I Di Frédéric Tcheng Documentario Francia, 2014 Un omaggio a Raf Simons, il nuovo direttore artistico di Dior, a cui la casa di moda, chiede allo stesso tempo di onorare la tradizione del suo prestigioso marchio ma anche di rinfrescare questa tradizione aprendo la strada per il futuro... Guarda la scheda del film