Food Milano - Martedì 16 giugno 2015

Spiller, birreria e ristorante dal sapore tirolese

di R.M.
Spiller

Milano - Dopo Verona, Padova, Vicenza e Brescia, arriva anche a Milano la birreria ristorante Spiller: il nuovo locale si trova in via Fogazzaro (ma a breve è prevista un'ulteriore apertura in via Stephenson).

Da Spiller, in un'atmosfera altoatesina contaminata con lo stile contemporaneo, si possono mangiare piatti sia di mare, sia di terra. Dai tagliolini all'astice ed erba cipollina (13 euro) al risotto radicchio e salsiccia (14,50 euro), dagli spaghetti di Gragnano con scampi alla busara (13 euro) a pappardelle con puntine di filetto di scottona, porri e pomodorini caramellati (11 euro); dal gran fritto di pesce e crostacei con polenta morbida (21,50 euro) alla fiorentina alla griglia con verdure grigliate e patate al forno (55 euro al chilo).

Il menù alla carta comprende anche specialità della cucina tirolese (18 euro, dallo stinco ai wurstel), insalatone (da 6,50 a 12 euro), piatti unici (13,50 euro), hamburger (da 6,50 a 15 euro), pizze (da 5,50 a 12 euro), piadine romagnole (6,50 euro).

Punto forte sono però le birre (e la cosa è facilmente intuibile dai 2 tank da 500 litri in bella vista all'interno del locale). Gli imprenditori Pieralessandro e Giancarlo Pavin hanno sviluppato il progetto Spiller in partnership con birra Forst: l'azienda sudtirolese è presente con un'ampia scelta di birre in fusto: 7 specialità birrarie tra pils, heller e light (medie 6 euro, litro 9,50 euro). E non manca la rossa artigianale Menabrea (il marchio del birrificio biellese è detenuto da Forst).

Il locale, strutturato su due piani e con una serie di soppalchi, comprende anche una terrazza che d'estate è l'ideale per aperitivi e cene.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Orecchie Di Alessandro Aronadio Commedia Italia, 2016 Un uomo si sveglia una mattina con un fastidioso fischio alle orecchie. Un biglietto sul frigo recita: “E’ morto il tuo amico Luigi. P.S. Mi sono presa la macchina”. È l’inizio di una tragicomica giornata alla scoperta della... Guarda la scheda del film