Food Milano - Mercoledì 23 aprile 2014

La Griglia di Varrone sbarca a Milano

La Griglia di Varrone a Milano
© Cristian Parravicini
Altre foto

Milano - Si autodefiniscono “il tempio della carne”, e hanno ragione: a La Griglia di Varrone, il ristorante da poco aperto in via di Tocqueville, le parole d’ordine sono infatti Black Angus, Wagyu, Ribeye, Chateubriand e, naturalmente, Chianina.

Nato dall’esperienza maturata nel campo da Massimo Minutelli, proprietario degli omonimi ristoranti a Lucca e a Pisa, il locale di Milano, ancora prima di impiattarli, fa bella mostra dei pregiati tagli nell’arredamento delle sale: l’architetto Diego Perusko ha infatti dedicato una vetrina al Jamon madrileno, una cella frigorifera a vista per il controfiletto Australia, la Black Angus e il Picanha, un bancone per gli insaccati e le conserve di accompagnamento e una griglia a vista per la loro cottura.

Molto glamour anche i tavoli, preparati con placemat di cuoio e posate vintage di design spagnolo, e arricchiti da una grande quantità di bicchieri perché, come la buona carne richiede, i vini e le birre non mancano.

I taglieri di salumi, gli antipasti a base di tartare, battute al coltello, carpacci, Cecina de Léon (carne bovina secca e affumicata) possono dunque essere accompagnati da viti provenienti da tutta Italia o da birre di tutto il mondo.

La parte del leone la fanno i secondi, dai filetto alla griglia (Black Angus, Wagyu, Rubia Gallegas) alla vera costata dei cowboy, la Tomahawk, passando per burger e tagliate.

Anche la cucina non carnivora regala sorprese, fra cui il mitico uovo cotto a 61° di Paolo Parisi, accompagnati da diversi sides, come salmone o parmigiano o (ben più costoso) caviale.
In alternativa troviamo un’ottima selezione di verdure, croccanti e cotte: porri, pomodorini ciliegini, julienne di carote e peperoni, asparagi e carciofi d’Albenga e patate viola alla griglia con cristalli di sale oppure purè di patate affumicate con panna. Una vera leccornia che si può accompagnare anche alla carne.

Mancano, invece, i primi «perché - come ci spiega Massimo Minutelli - abbiamo voluto puntare tutta la nostra attenzione su antipasti e secondi: selezione, qualità e preparazione sono le nostre parole d’ordine».

Immancabili, infine, i dolci: cupola di cioccolato di Valrhona e Maldon, Cheescake e gelato alla nocciola di loro produzione con latte di Fassona piemontese hanno degnamente chiuso una cena per palati sopraffini e tasche mediamente abbienti (70 Eu a coppia).      

Potrebbe interessarti anche: , Berimbau, il ristorante nippo-brasiliano di Milano con sushi e rodizio , Guida Michelin 2018: la lista dei ristoranti stellati di Milano , Ten Grams, a Milano il fast food del tartufo in zona Moscova , Sagre a Milano e in Lombardia. Novembre 2017 tra risotto, cotechino, bollito e polenta , Dinette, ristorante retrò per gustare l'antica cucina di ringhiera

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Snowden Di Oliver Stone Thriller U.S.A., 2015 Nel 2013 Edward Snowden lascia con discrezione il suo impiego alla National Security Agency e vola ad Hong Kong per incontrare i giornalisti Glenn Greenwald e Ewen MacAskill, e la regista Laura Poitras, allo scopo di rivelare i giganteschi programmi di... Guarda la scheda del film