Mostre Milano - Venerdì 21 giugno 2013

Guido Crepax a Palazzo Reale: le foto della mostra a Milano

di Martina Pagano
Una sagoma di cartone allestita per la mostra
© Archivio Crepax
Altre foto

Milano - Inizia il 21 giugno fino al 15 settembre a Palazzo Reale la mostra Guido Crepax: ritratto di un artista in occasione del decennale della scomparsa e a 80 anni dalla nascita del disegnatore milanese.
L'esposizione è realizzata dal Comune, Palazzo Reale in collaborazione con l'Archivio Crepax che ha dato in prestito materiali appartenenti alla famiglia dell'artista.

Il percorso della mostra si presenta come un'antologia della carriera artistica di Crepax, un illustratore a tutto tondo e non solo il creatore di Valentina, il personaggio che lo ha reso celebre in tutto il mondo.
Le sale ricostruiscono quindi le innumerevoli attività a cui il disegnatore si è dedicato nel corso del tempo e gli spunti artistici che hanno stimolato la creazione delle sue opere. Il tutto allestito in uno spazio molto scenografico, costellato da sagome di Valentine a grandezza naturale create ad hoc per l'esposizione dall'Archivio Crepax con Marco Giunta di Disegni srl.

Nel percorso non può mancare Valentina, il personaggio ispirato all'attrice Louise Brooks e alla moglie Luisa, considerata l'alterego di Crepax. Insieme alla sensualissima fotografa, in mostra ci sono il fidanzato critico d'arte Phil Rembrandt e le tante altre ragazze a cui Crepax ha dato vita, da Bianca, simbolo di libertà e spesso ritratta senza veli, alla moderna Francesca, liceale di fine anni Novanta, vittima della disgregazione della sua famiglia.

Si passa, poi al cinema, un altro versante importante della produzione di Crepax. Le tavole mettono in evidenza alcune tra le influenze più significative per l'artista, quelle di registi come Jeanne Moreau, Luchino Visconti, François Trauffaut: le sue vignette, infatti, ricalcano gli storyboard cinematografici, così come nella tendenza ai primi piani, i campi larghi e gli ingrandimenti sui particolari.

Anche nella sfera domestica Crepax amava raccontare storie attraverso i suoi disegni. In mostra è esposto Il Gioco dell'Orlando Furioso, frutto dell'abitudine familiare di leggere le pagine dell'Ariosto: per stimolare la lettura, l'artista pensò bene di illustrare un gioco con dadi e pedine ispirato al poema; lo scopo delle partite era conquistare 'onori' e sottrarne altri ai partecipanti durante le gesta eroiche. 

In mostra non manca un sottofondo musicale nella vita e nell'opera dell'artista, una passione trasmessa dal padre Gilberto che fu primo violoncello alla Scala guidata da Arturo Toscanini. In Nessuno (1978), Crepax manda Phil Rembrandt negli Stati Uniti, dove incontra alcuni mostri sacri del jazz, Ornette Coleman, Don Cherry e Charlie Haden. Mentre in Belinda contro i Mangiadischi, la protagonista si esibisce con i Fantastici Quattro sullo note di Tutto nero, cover di Paint it Black dei Beatles interpretata da Caterina Caselli.
Tra le copertine di dischi realizzate da Crepax vi sono esposte quelle per Peppino di Capri, Nicola di Bari e Massimo Ranieri.

Ma i fumetti di Crepax risentono, naturalmente, della pittura, in particolar modo dell'Espressionismo tedesco, degli americani Ben Schahn e David Stone Martin, ma anche di Isamu Noguchi, Man Ray e dell'amico Emilio Tadini

A completare l'allestimento ci sono pezzi personali della famiglia Crepax come il grande tavolo su cui l'illustratore ha disegnato gran parte delle sue opere e un 'teatrino in carta' dal titolo Viaggiatore immobile, creato dalla figlia Caterina Crepax, in cui il padre è rappresentato nel suo studio circondato da tavole.
Un omaggio al padre e al suo legame con Milano, come esplicita la frase inserita nel plastico: «Amo stare in casa, ma mi piace sentire il rumore della città, i tram che sferragliano, il pulsare delle attività. E in questo senso, quale altra città meglio di Milano?»

Per info:
Palazzo Reale

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

In guerra per amore Di Pif Drammatico Italia, 2016 1943. Mentre il mondo è nel pieno della seconda guerra mondiale, Arturo vive la sua travagliata storia d'amore con Flora. I due si amano, ma lei è la promessa sposa del figlio di un importante boss di New York. Per poterla sposare, il nostro... Guarda la scheda del film