Food Milano - Venerdì 20 agosto 2010

Bar Magenta: la storia di Milano dietro al bancone

Altre foto

Milano - Il Bar Magenta è un'istituzione. Sta all'incrocio fra corso Magenta e via Carducci, da 103 anni. Chissà quanti sono passati da lì, quante storie d'amore sono fiorite o tramontate fra i suoi tavolini. Il bar più antico, e probabilmente il più conosciuto della città, è a due passi dalla nostra redazione: niente scuse dunque, la gita è servita.
Fra i pochi locali sempre aperti – pure ad agosto – ha a disposizione una superficie ragguardevole anche all'esterno: sono moltissimi i tavolini sistemati al lato del marciapiede, per chi voglia sentirsi un po' parigino. Gli habitué ci assicurano che le sedute all'aperto ci sono sempre, perfino quando le temperature scendono.
Entrando colpisce l'arredo liberty d'epoca: banco cassa, credenze e bancone sono originali, così come la gran parte del mobilio interno. Proprio di fronte alla porta d'ingresso è imperdibile il grosso orologio dorato e le lampade vintage della saletta attigua: regalano un viaggio nel tempo, senza muovere un passo. Pur conservando l'aria old style, il Bar Magenta ha subito una ristrutturazione nel 2006, quando sono stati sistemati i locali adibiti a toilette, migliorando anche l'aerazione.

Dal cappuccio al bicchiere della staffa, il locale soddisfa tutte le esigenze, ma all'ora di pranzo è letteralmente preso d'assalto. Sarà per la struttura circolare o per l'affluenza, fatto sta che chi voglia di mettere qualcosa sotto i denti, deve sottoporsi – due volte - al rito della coda. Eh già, perchè la prima attesa è finalizzata al pagamento, la seconda ad ottenere il piatto. La scelta non manca, si va dai panini al secondo, passando per insalatone, primi caldi e freddi. Con prezzi che oscillano dai 5 ai 6.50 Eu. Sommando alla cotoletta con patate, una bottiglia d'acqua e un caffe, abbiamo speso poco meno di 9 Eu. Non moltissimo, peccato per i dieci minuti di pausa persi fra un'attesa e l'altra. La folta clientela, in gran parte uomini in giacca e cravatta e giovani impiegate, annovera anche qualche turista che, fotocamera alla mano, immortala gli angoli più belli del bar.

In serata, l'atmosfera cambia. Alla frenesia prandiale si sostituisce il ritmo rilassato dell'aperitivo. Tantissimi i cocktail fra cui scegliere, intorno agli 8/9 Eu l'uno. Per quanto riguarda l'happy hour, il buffet è abbastanza ricco, ma poco piacevole l'affollamento. Curiosità: un cameriere, addetto alla teca-vivande, controlla che ciascun avventore si serva non più di due piatti. Costo 6.5 Eu, non male per Milano.
Il Magenta accoglie anche gli amanti della birra: a detta di chi se ne intende, chiare, rosse e scure sono tutte ottime. Da segnalare la serata del giovedì, nota per l'animazione garantita dalle Ragazze del Coyote Ugly. Come nel film, un manipolo di sexy cow-girls si muovono a ritmo di musica per la gioia degli astanti, prevedibilmente uomini. Il lunedì cala il livello ormonale, ma ne guadagna il portafoglio: con 3.5 Eu potete bere un cocktail e magari scaricare la mail o aggiornare il profilo di Facebook. il Bar magenta è wi-fi area: storico sì, ma al passo con i tempi. E la domenica c'è anche il brunch.

Potrebbe interessarti anche: , 19.26 Bistrò, ristorante dai sapori di casa a due passi dall'Anteo , AlToc, a Magenta un ristorante di carne che è anche bottega a km zero , Gastro-Oroscopo 2018: di che segno sei? Ecco il ristorante di Milano che devi provare , A'mare, cucina e panini di pesce a due passi dal Duomo di Milano , Eccellenze Campane apre a Milano. Dalla pizza alle sfogliatelle, il regno del gusto partenopeo

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

In guerra per amore Di Pif Drammatico Italia, 2016 1943. Mentre il mondo è nel pieno della seconda guerra mondiale, Arturo vive la sua travagliata storia d'amore con Flora. I due si amano, ma lei è la promessa sposa del figlio di un importante boss di New York. Per poterla sposare, il nostro... Guarda la scheda del film